Toro, il futuro sta nel gruppo. Ma se viene abbandonato…

Mai Cuntent / Il nostro Stefano Gurlino trae alcune conclusioni dopo la sconfitta del Torino a Roma

di Stefano Gurlino

Squadra abbandonata, squadra sfortunata. O meglio, proprio per non rispettare al meglio le regole della rima: squadra abbandonata, squadra che perde. E perde male.

Il destino del Toro da qui fino a fine maggio è strettamente collegato alla sua anima. Che non è la retorica sbandierata, ma il suo gruppo. Un gruppo composto da giocatori, che hanno la fortuna di fare questo mestiere, ognuno dei quali con un obiettivo personale nella propria testa. Non a caso il vero gruppo, si dice nell’ambiente, è quello che si compatta sul filone di un ragionamento più o meno impostato così: io ho un mio obiettivo, do l’anima, la do anche per te che lotti per un altro obiettivo e mi aspetto che il tuo impegno sia uguale al mio. Certo, poi c’è il piacere di stare insieme, divertirsi e bla bla bla. Ma In Promozione funziona così, nella testa degli Ljajic non si sa. E qui si va a bomba sull’argomento di giornata: fare l’allenatore sarà pure complicato, ma se oltre a non gestire poi così bene le questioni di campo (e si parla di marcature in un calcio d’angolo, mica il tiki-taka) gestisci peggio le risorse umane, la strada senza futuro di questo Torino è già stata praticamente avviata. Squadra molle, invisibile, andata a Roma chiaramente già sconfitta nelle meningi.

E’ anche vero che tutto è rimediabile. Il titolo può essere cambiato in corso d’opera, magari a cominciare da Lunedì a Firenze: “In Europa non ci andiamo, ma salvo Belotti e Hart questa squadra può dire ancora la sua”. Si, ho citato Belotti e Hart. Che oltre ad essere i migliori che abbiamo, sono anche quelli che la loro fame la si vede negli occhi. Fotografia di un Toro dove gli ultimi baluardi che corrono sono quelli che hanno semplicemente voglia di fare quello che agli altri compagni riesce meno: spaccare il mondo. Anche e soprattutto da soli.

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. abatta68 - 4 anni fa

    Purtroppo il discorso è sempre lo stesso: se la società (non il mister o il singolo giocatore) ha un obiettivo preciso e dichiarato, allora il gruppo lo crei attraverso la continuità e la conferma del gruppo che vuoi preservare dal mercato. Altrimenti come si dice “ognuno per sè e Dio per tutti!”, con Belotti che ce la mette tutta per segnare il più possibile, per la Nazionale e per le sue possibilità future, non certo per il Toro… idem per Hart e per i giovani che, una volta messi in vetrina, chiederanno di essere ceduti.
    Questo circolo vizioso può essere fermato solo da un presidente illuminato, che comprenda che vendere un Glik o un Barreca a 10 milioni non genera plusvalenza, ma un impoverimento tecnico per la squadra e il gruppo che mai penserà di dover cercare una identità propria, che poi in un gioco di squadra come il calcio, è tutto!
    Questo non vuol dire che non devi vendere Belotti, perchè a 100milioni nessun giocatore rimane, non solo al Toro ma in Italia in genere… vuol dire che Belotti diventa l’inevitabile eccezione che ti dovrebbe consentire di creare un circolo virtuoso, nel quale lo zoccolo duro è mezza squadra, non il singolo elemento, ed è rappresentato da calciatori validi e di sicuro affidamento, con la giusta esperienza per poter giocare tanto a Pescara come a Bilbao.
    Se Cairo sceglie Mhjailovic è perchè vuole un allenatore che ha in mente di vincere col suo modulo di gioco, ma per fare questo il circolo virtuoso lo devi creare, altrimenti ogni anno sarà sempre la stessa cosa… una volta mandi via l’allenatore, l’anno dopo ne arriva un altro che vorrebbe altri giocatori ma si fà bastare quelli che ha ereditato, non ottiene risultati e allora ne viene un altro che ha altre necessità… ci siamo già passati da questa strada, pensando che il problema era Lerda, Novellino, De Biasi, Colantuono, ecc… per poi capire che la questione era chiamare uno come Ventura e dare a lui le chiavi non solo dello spogliatoio, ma di tutta un’area tecnica da ricostruire, che ha permesso anche di rifondare un vivaio, di lanciare e valorizzare dei giovani e di costruire un impianto di gioco che ci siamo portati avanti per 5 anni, che ha prodotto la convocazione di diversi giocatori in Nazionale, cosa che non accadeva da secoli!
    Solo un anno fà, di questi tempi, si invocava il cambio di rotta e dell’allenatore, perchè quello che Ventura aveva portato non avrebbe più dovuto servire… quello che mancava era dare a Mhjailovic quello che serviva per fare il salto di qualità…. e provate a indovinare come è finita?
    A giugno Cairo deve dare delle risposte… se queste non dovessero arrivare lo sapremo proprio da Mhjailovic!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. KanYasuda - 4 anni fa

      Parole Sante !!!
      abatta68…P R E S I D E N T E !!!
      Certi discorsi Logici, possono essere detti solo da un Tifoso.
      L’unica cosa è capire se anche Cairo lo è, altrimenti determinati concetti sarebbero semplici linee di condotta.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. barabba - 4 anni fa

    ripeto per lennesima volta:
    IERI LA GARA LHA SPIANATA HART CHE HA PRESO DUE GOL PARABILISSIMI E ANCHE IL TERZO DOVEVA LEGGERLO E PRENDERLO PERCHE’ IL TIRO NON ERA NEMMENO ANGOLATO.

    Poi sono sicuro che con castro o donsah ieri avremmo vinto!!!!!!!!!
    soprattutto se pagati 10 mln l’un per l’altro
    oppure con tonelli dietro altri 10 mln!!!!!!!!!
    ma fatemi ridere!!!!!!!!!!!!!!
    basta con ste cagate!!!!!!!!!!
    la roma e’ piu’ forte e purtroppo l’abbiamo incontrata al massimo della forma cosi’ pure come il napoli e il milan.

    eppoi occhio a tuttosport che sta lavorando per rovinare il toro e il suo presidente che e’ il comandante della gazzetta, giornale concorrente!!!!!!!!!!!!

    sveglia altro che fregarci tra di noi!!!!!!

    l’anno e’ buttato???? si probabile e allora buttiamo via tutto e cacciamo cairo riprendendoci goveani o cimminelli e come allenatore direi
    che via sinisa, che come tutti non e’ perfetto, ne abbiamo a iosa meglio vero???????????????

    aspettiamo quest’estate a contestare. se per li non avremmo due centrali forti e un paio di rinforzi che si integrino con quelli che abbiamo allora va bene ci sta’ prendendo in giro ma adesso calma!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 4 anni fa

      Questa estate avremo forse i centrali ma non avremo più belotti. Gira la ruota…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. KanYasuda - 4 anni fa

        Bravo, quella è la Filosofia della Società!!! : ripartire sempre da ZERO !!!
        E’ quello che dimostra che dietro a tali Manovre non c’è nessun Progetto !!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. KanYasuda - 4 anni fa

      Copi ed incolli troppo spesso i tuoi Post del Cazzo !!!
      Ok, abbiamo capito da quello che ci dici che Domenica si è perso per colpa di Hart e che non abbiamo nessun bisogno di Rinforzi (perché spendere Soldi ?…hai ragione !).
      Se già sai che anche quest’anno è stato “PROBABILMENTE” buttato, tanti altri non stanno aspettando né di riprendersi Goveani o Cimminelli né di buttare via Cairo ma stanno aspettando solamente che ti butti via anche Tu…dalla Finestra !
      Qui il problema è solo quello di capire che progetto può esserci dietro il Toro e pretendere di saperlo da chi ha deciso di gestirlo !
      Una Società Sportiva non può essere solo come delle Azioni che si giocano in Borsa, non si rende conto solo a stessi, ma anche ad una Tifoseria !

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy