Anteprima 18a giornata di serie A

di Nino Mancini

 

L’ultima giornata dell’anno prima della sosta, penultima del girone di andata, vede l’Atalanta ospite dell’Inter campione d’inverno alla ricerca dell’undicesima vittoria consecutiva in campionato, per eguagliare il record della Roma di Spalletti stabilito lo scorso campionato; la squadra di Mancini sembra non avere punti deboli, anche in inferiorità numerica…

di Nino Mancini

di Nino Mancini

 

L’ultima giornata dell’anno prima della sosta, penultima del girone di andata, vede l’Atalanta ospite dell’Inter campione d’inverno alla ricerca dell’undicesima vittoria consecutiva in campionato, per eguagliare il record della Roma di Spalletti stabilito lo scorso campionato; la squadra di Mancini sembra non avere punti deboli, anche in inferiorità numerica con squadre di livello come la Lazio ha dato prova di una coesione impressionante, da parte sua Colantuono ha molto da recriminare sulle ultime due partite, con almeno tre punti lasciati agli avversari, ma la differenza tra le due nerazzurre appare eccessiva per un pronostico aperto.

La Roma nell’attesa di un passo falso della capolista deve continuare a vincere, ospita il Cagliari di Colomba sconfitto al debutto in panchina. A Torino i giallorossi hanno dimostrato tutta la loro tecnica, con possesso palla e tecnica sopraffina per lunghi tratti, sono la vera outsider per la volata finale se riusciranno ad allungare la panchina nel mercato di riparazione.

Zac porta i suoi a Livorno, su un campo non facile e contro una squadra reduce da un cappotto subito a Genova; Spinelli ha messo Arrigoni sulla graticola mentre la sconfitta subita dal Toro non dovrebbe aver lasciato scorie negative al di là dell’indisponibilità di Franceschini squalificato; i granata hanno tenuto il campo dignitosamente in parità numerica, e quando sono andati sotto di un uomo non si sono persi d’animo, provando anche un forcing finale.

A Catania sfida per il quarto posto con la Sampdoria che dopo un avvio di campionato incerto ha trovato un assetto più stabile e Quagliarella goleador; Marino troverà sicuramente gli argomenti per ricaricare i suoi dopo la sconfitta contro il Milan. Rossoneri che vanno a Udine per dare corpo ad una rincorsa verso le zone in classifica abituali, incontra una squadra in forma che ha trovato la vittoria allo scadere in inferiorità numerica, siamo curiosi di conoscere i pensieri di Pozzo su Galeone con la squadra al quarto posto.

La Fiorentina ospita il Messina, Toni sembra tornato il goleador scarpa d’oro dello scorso torneo e vuole trascinare i suoi alla conquista di altri tre punti contro una formazione che ha subito nell’ultimo turno anche la contestazione del suo pubblico; capiamo a fatica quali fossero le aspettative della dirigenza e del pubblico dello Stretto, con una formazione che prova a giocarsela in tutte le partite. La Lazio fa visita al Parma in una sfida che solo qualche anno fa sarebbe stata per il vertice della classifica tra due delle sette sorelle; Delio Rossi vuole riprendere il filo della vittoria contro una formazione giovane, volenterosa, ma inferiore per tecnica e forza fisica.

L’Empoli fa visita alla Reggina, ci auguriamo di vedere il bel gioco a cui le due squadre ci hanno abituato senza il penoso spettacolo di domenica scorsa, quando sul campo e in tribuna sono volate le mani e parole grosse, ci vorrebbe più senso di responsabilità. Il Palermo va a Siena contro una squadra in evidente calo fisico, Guidolin ha dato una prima risposta alle critiche del presidente Zamparini, appare ancora favorito per il divario tecnico tattico. Chiude il programma il match tra Ascoli e Chievo, Sonetti è ancora alla ricerca della prima vittoria in campionato, mentre Del Neri vuole continuare la rincorsa a posizioni più tranquille dopo gli ultimi risultati positivi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy