Il diritto ed il rovescio

Il diritto ed il rovescio

Prima che sia troppo Tardy / “È come rimanere vanamente in attesa di una chiamata da parte della donna corteggiata e poi uscire con un insipido ripiego”

di Enrico Tardy

Il titolo di un ottimo romanzo, il giorno prima della felicità, sintetizza lo status del Toro squadra. A Roma, come in altre occasioni, abbiamo dormito, ci siamo risvegliati di soprassalto, siamo tornati a dormire, abbiamo buscato. Sintesi: consueto rinvio del salto di qualità alla prossima gara. In realtà il nostro problema principale è la penuria di vittorie, solo sei su 20 partite, una tristezza. E siamo lì, nel gruppone delle compagini che nel campionato a venti squadre non sanno se essere entusiaste di non rischiare la retrocessione o depresse per non puntare con decisione all’Europa. Certamente i nostri eroi e società paiono impermeabili a qualsiasi risultato, positivo o negativo che sia. Il domandone conclusivo di “chi vuol essere milionario” (chiedo l’aiuto del pubblico) è: noi abbiamo diritto ad aspirare a traguardi più prestigiosi di quelli attuali? Intendo dire, il semplice essere il Toro, lo impone, oppure occorre fare i conti con la realtà degli ultimi 20 o 30 anni fatti anche di anni serie b e dunque il centro classifica dovrebbe appagarci? Io penso, che il Toro e chi lo guida, debba avere obiettivi di vertice perché il Toro è la storia del calcio, la leggenda e ha un pubblico importante da rimotivare. È evidente che il limbo, condito da freddezza e perdita di identità, non ha e non avrà mai fascino. È come rimanere vanamente in attesa di una chiamata da parte della donna corteggiata e poi uscire con un insipido ripiego. Zeru gaudio. Non posso però non rammentare a me stesso che l’ultimo periodo in cui il Toro occupava le prime 5 o 6 posizioni risale a circa 30 anni fa… è quel ricordo che mi, ci, frega.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. robertozanabon_821 - 5 mesi fa

    Gentile Enrico, aldilà delle sue o di altrui considerazioni, credo che stia emergendo un diffuso senso di frustrazione e di stanchezza nel commentare le vicende del Toro da parte dei tifosi. La ripetitività dei commenti và di pari passo con l’immobilismo della Società che conferma così un “deja vue” dai contorni “stucchevoli”. Speriamo (spes ultima dea) di commentare, tra poco, una vittoria e un acquisto importanti per rilanciare le nostre ambizioni. Altrimenti le sue e le mie chiacchiere, staranno a “zero”. Con rispetto e simpatia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. alrom4_8385196 - 5 mesi fa

    COMUNICATO PER LA REDAZIONE : esulo dall’argomento di questo articolo solo per comunicarvi che , in seguito a quanto letto in coda all’intervista a Rampanti ,e non volendo minimamente incorrere nelle ire legali di nessuno questo è ( per il poco che può valere ) il mio ultimo intervento nel blog. Farò partecipi delle mie considerazioni sul Toro solo pochissimi e fidatissimi amici davanti ad un bicchiere di Montepulciano sperando con ciò di non offendere nessuno. Cancellatemi pure da tutti i vs elenchi ,siti, ecc. ma prima vorrei consigliare agli amici la lettura di un libricino (solo per le dimensioni ) di Carlo M. Cipolla ” Allegro ma non troppo “. Ne vale la pena specialmente la seconda parte. Un saluto a tutti e sempre FVCG .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. daunavitagranata51 - 5 mesi fa

    //////

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. daunavitagranata51 - 5 mesi fa

    ho il fegato sempre più in fermento colpa di una società……..di merda, smetto di guardare le partite del TORINO FC, TIFOSO LO SARÒ SEMPRE È SOLO PER IL CUORE GRANATA, C.M.P.MI AVETE ROTTO I COG…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-13967438 - 5 mesi fa

    Alla società Torino FC devono aver fatto i miliardi depositando il brevetto per la medaglia monofaccia.
    Hanno risolto il paradosso fisico del dritto e del rovescio che volevano sempre essere appaiati.
    Arriverà anche il nobel per la fisica?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy