Il Gallo è Toro o il Toro è Gallo?

Il Gallo è Toro o il Toro è Gallo?

Sotto le Granate / La rubrica di Mariagrazia Nemour: quale risposta dare a questa domanda?

di Maria Grazia Nemour

Come dire, è nata prima la gallina o l’uovo? Probabilmente ognuno ha la sua, di risposta, quella che  gli assomiglia di più. La mia è: il Gallo è Toro.

Il Gallo è Toro perché occhi granata hanno visto nitidamente il suo potenziale dove altri scorgevano solo un miraggio. Questo è il suo momento, e Torino è il suo posto.

Quello che mi piace, è il calcio delle persone. E le persone non sono tutte uguali, le squadre neanche. I soldi, sì.

Mi piace Gazzi che è Toro quando prima della partita va sotto la Maratona e applaude, poi entra in campo e cola sudore per il Palermo.

Mi piace il Gallo che è Toro quando – nonostante la felicità di segnare sia tanta, tutta quella di un neo capo-cannoniere –  non monta su la cresta al Palermo, perché a Palermo ha sofferto la lontananza da casa ma ha vissuto l’entusiasmo della promozione e ha incontrato una persona così importante da metterla sulla fascia da Capitano.

Mi piacciono i bambini Toro perché li porti a Superga e non hanno dubbi, le favole esistono. Spesso sono andati a scuola col cappellino granata in testa solo per farci piacere, a tratti un po’ imbarazzati. Si sono chiesti perché non tifare per la squadra che vince sempre, ma poi anche per questo, hanno finito per sentirsi speciali.

Mio figlio gioca a calcio, e per immortalare una vittoria la sua squadra ha assunto la posizione dab-dance, ma un attaccante ha sorpreso il fotografo alzando la mano a cresta nel momento dello scatto. Quell’attaccante è una ragazzina. È stato un click che del Toro, ha catturato l’essenza.

photo

Il Gallo è Toro ma allo stesso tempo il Toro è Gallo, perché avere grandi giocatori che facciano urlare i bambini, è indispensabile.

E se guardi nei loro armadi trovi ancora le maglie di Immobile, Cerci, Darmian, Glik.

Domenica Diego Lopez, dopo aver elogiato Belotti, ha aggiunto: “E poi sappiamo che il Toro ha dei giocatori importanti”.

E noi, lo sappiamo? Quei giocatori, lo sanno?

Lo sa, Maxi Lopez, che da tanto aspettiamo gli torni l’incontenibile foga di esserci?

Lo sa, Ljajic, che ci ha innervositi parecchio quest’estate col suo atteggiamento poco Toro di vengo-non-vengo, eppure non ci sembrava vero che avrebbe pennellato in granata. Eppure vorremmo che qui e solo qui, si sentisse al posto giusto e giocasse come lui sa. Eppure vorremmo amarlo.

Lo sa, Barreca, quanto orgoglio dà, saperlo uno di famiglia?

Lo sa, Moretti, di essere il nostro scudo, Baselli di avere i piedi per fare tanto di più, e il masticatore di cicles (chewing gum, per il  mondo al di fuori di Torino) di essere…sì, lui lo sa di essere un Toro sui generis, ma pur sempre Toro.

È Toro Cairo, se sarà pronto a tutto pur di non mangiarsi il cuore e vendere Belotti.

Si può vincere 5 a 3 e poi 3 a 1 e non riuscire a sorridere uscendo dallo stadio, consapevoli della nostra poca solidità, dell’effimera felicità di sopraffare un avversario debole. E questo è Toro.

Ma anche saltare per aria tre volte in pochi minuti, tirare fuori tutta la voglia arretrata di urlare perché abbiamo vinto, è Toro.

Sì, il Gallo, è Toro.


 

Mi sono laureata in fantascienze politiche non so più bene quando. In ufficio scrivo avvincenti relazioni a bilanci in dissesto e gozzoviglio nell’associazione “Brigate alimentari”. Collaboro con Shakespeare e ho pubblicato un paio di romanzi. I miei protagonisti sono sempre del Toro, così, tanto per complicargli un po’ la vita.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. prawda - 3 anni fa

    A volte e’ sufficiente saper leggere!! Chi ha scritto l’articolo ha detto chiaramente, in un italiano facilmente comprensibile, che quella della foto e’ la squadra in cui gioca il figlio e che per immortalare una vittoria hanno scelto una posizione della dab dance. Queste le esatte parole: “Mio figlio gioca a calcio, e per immortalare una vittoria la sua squadra ha assunto la posizione dab-dance”: quindi il figlio della Nemour oltre ad essersi preso del gobbo insieme ai suoi compagni (17 “Gobbi in erba”), si e’ pure sentito dire che non ha capito un c…o della vita (che non hanno capito un c**o della vita né mai lo capiranno!!!); pero’ la mamma ha ricevuto i complimenti per l’articolo. Qualsiasi ulteriore commento e’ superfluo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. KanYasuda - 3 anni fa

    Speriamo che anche il Gallo capisca quanto il Toro abbia bisogno di Lui,
    quel Toro vero, quello di Noi Tifosi !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. bertu62 - 3 anni fa

    🙂 !!! Brava Maria Grazia!!! OTTIME PAROLE!!! Ed Ottima LA FOTO!!! FANTASTICA!! Ancora di più se penso sia stata una ragazzina in mezzo a 17 “Gobbi in erba” che non hanno capito un c**o della vita né mai lo capiranno!!!
    FVCG!!
    SEMPRE!
    E COMUNQUE!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bertu62 - 3 anni fa

      WOW!!! SOLO 8 GOBBI?? Ma dai!!! Sì perché lo sapete vero che la DAB-DANCE è diventata “famosa” perché la faceva POGBA??? Giaaaaaaa… UN GOBBO!!!! Ahahahahahhaha!!! E LA RAGAZZINA……..!!!! Ahahahah!!! SU LA CRESTA!!! SIAMO ITALIANI!!! SIAMO IL GALLO!!! SIAMO DEL TORO!!!!
      E VOI GOBBI DEL C**O……ROSICATE!!!
      TANTO NON MI FERMERETE MAI!!!
      NON CI FERMERETE MAI!!!
      FVCG!!
      SEMPRE!!
      E COMUNQUE!!!
      P.S. Spolliciate ancora, dai, ancora….e ancora…..e ancora….. e ancora…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. mariagrazianemou_573 - 3 anni fa

        Bertu, leggo sempre volentieri la tua passione, ma sono d’accordo con Prawda. I ragazzini hanno diritto di avere uno spirito in formazione, sta a noi, conquistarli e fargli venire voglia di alzare la cresta, invece di abbassare la testa sul braccio

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy