Inesatto Toro

Inesatto Toro

Sotto le Granate / Torna la rubrica di Maria Grazia Nemour: “No, non è tragedia greca un arresto dopo sette partite utili. Non è l’inizio della fine”

di Maria Grazia Nemour

Sabato sera ero a un concerto, ho preso in mano un paio di volte il telefono ma poi ho resistito alla tentazione di sbirciare il ritmo della partita, volevo la sorpresa. Quando ho visto il risultato ho pensato: ecco, lo sapevo, non posso assentarmi neanche una volta che perdono di concentrazione!

No, non è tragedia greca un arresto dopo sette partite utili. Non è l’inizio della fine, semplicemente il calcio non è scienza esatta e il Toro è un vivido esempio di inesattezza.

Inesatte anche le mie scommesse oltre che sul Toro, sull’Atalanta e la Juvaccia. Ho perso due euro.

È solo che volevo vincere. Vorrei sempre vincere, ma contro il Bologna ci tenevo particolarmente. Non che abbia acredine contro i Felsinei, che mi fanno pure simpatia, è che…lo ammetto: è contro Miha, che volevo vincere. Come i bambini, che se ne fregano se hanno desideri irrazionali che non portano da nessuna parte e dicono solo: io voglio!

Volevo vincere, ma vedere Edera in campo.

Volevo vincere ma fare i complimenti a Lyanco, che naturalmente doveva giocare ogni respiro, risparmiando magari solo quelli di ostentata esultanza, così, come se avvertisse un apparentamento emotivo extra contratto.

Volevo vincere e chi se ne importa se a Soriano è tornato in mente che per correre è necessario alternare un piede all’altro velocemente, mi è indifferente Soriano.

Volevo vincere per acchiappare la Roma e provare l’effetto che fa. Volevo vincere contro Miha, perché mi sono imposta di portargli rispetto per la dedizione che nutro verso il Toro, ma non l’ho mai sentito tra le mie corde. Stonatissimo. Capisco chi aveva avvertito in lui un pizzicotto contro lo stato di addormentamento venturiano in cui eravamo lentamente scivolati, ma per me Miha non è mai stato Toro, e non lo rimpiango neanche per le vittorie della prima ora. Non auguro al Bologna la retrocessione, gioca caparbio per costruire una possibilità, ma riconosco in quella spinta il modus operandi del suo allenatore, che arriva e accende un fiammifero, tutti a gridare al fuoco! al fuoco! Ed è già spento.

Devo riconoscere però a Miha che, nonostante non si sia mai spacciato per un Lord inglese trapiantato in Serbia, dopo la vittoria non ha preso in considerazione un gesto che sembra andare parecchio di moda tra i carismatici del pallone con le palle: indicare fantomatici attributi.

Ecco che torna l’inesattezza del calcio: il giocatore che ostenta perfezione fisica e mentale – che fa di quella perfezione un prodotto con un’etichetta a strisce e un prezzo – poi si rivela rozzo come quello che segna in terza categoria e cerca briga per il dopo partita (e magari ha pure l’attenuante che il destinatario del gesto gli ha soffiato la morosa. E bene che ha fatto la suddetta morosa a cambiare). Peccato solo che il perfetto rozzo goda di un seguito appena maggiore del rozzo classico. Immagino che sull’onda lunga dell’edificante esempio di CristianoRozzo7 qualche ragazzino adorante abbia pensato di esultare allo stesso modo la domenica successiva, nei campetti di periferia. Per carità, è pieno il mondo di gente che sta sotto i riflettori e fa molto peggio. Ma anche di meglio. È che quando ti vendi come perfetto, poi perfetto lo devi essere davvero. Che poi, forse, essere rozzo gli toglie perfino un po’ di plastica dal sorriso, gli giova. Insomma, che ognuno stia al mondo nel modo inesatto in cui riesce. Nel mio modo di essere inesatta c’era spazio per la squalifica di Simeone e pure per quella del perfettamente rozzo.

Purtroppo, invece, la squalifica l’ha rimediata l’atteggiamento oltremodo inesatto di Aina.

Il mio Toro inesatto mi fa infuriare se è sprovveduto e non calpesta più volte ogni filo d’erba in campo, ma è un Toro che non mi provoca mai l’insano autocompiacimento della sconfitta che spesso sento declamare uscendo dallo stadio: “l’avevo detto io, non siamo nessuno e non andiamo da nessuna parte, vinciamo solo se assiste la fortuna”. No, non è esatto neanche questo.

Certo però che il mio Toro inesatto mi ha negato un’attesa serena in queste due settimane di sosta, per questo mi aspetto che non perda neanche un’ora che possa essere utilizzata a prepararsi contro la Fiorentina, in casa della Fiorentina, per assaltare nel modo più efficace la Fiorentina. Esatto.


Mi sono laureata in fantascienze politiche non so più bene quando. In ufficio scrivo avvincenti relazioni a bilanci in dissesto e gozzoviglio nell’associazione “Brigate alimentari”. Collaboro con Shakespeare e ho pubblicato un paio di romanzi. I miei protagonisti sono sempre del Toro, così, tanto per complicargli un po’ la vita.

13 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Carlin - 8 mesi fa

    Lei dottoressa c’e la’con MIHA,che quando è stato esonerato,non ha detto una parola contro noi,è venuto,ha vinto con giocatori molto inferiori ai nostri,nel dopo partita ha avuto solo elogi per il Toro,auspicando l’Europa.Mi dica merita proprio tanto astio?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. alrom4_8385196 - 8 mesi fa

    Le aspettative regolarmente deluse che cita l’autrice sono le stesse che ci accompagnano da Superga in poi con qualche eccezione ogni 25 /30 anni. Noi siamo sempre qui nonostante tutto a dimostrare che la pazienza dei tifosi granata rasenta l’infinito. Quanto al “perfetto rozzo ” come lo definisce lei è un grandissimo calciatore ma evidentemente assai approssimativo come uomo come si evince da alcuni atteggiamenti, da alcune traversie fiscali in Spagna e da altre grane sparse per il mondo per cui si può pensare che si è accasato nel posto giusto..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Gigì - 8 mesi fa

    Adesso abbiamo anche i giornalisti che scrivono pubblicamente di Toro, ma non vedono la partita perché vanno ad “un concerto”. Allora si può tutto. Si vede che si sentono molto forti nel loro ruolo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 8 mesi fa

      Ma che commento è? Ma che significa!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Cecio - 8 mesi fa

      Manca il campionato ma la voglia di fare polemica c’è e quindi da qualche parte bisogna farla sfogare. Mah…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. alrom4_8385196 - 8 mesi fa

      Se mi spieghi qual è il problema nell’andare ad un concerto e non allo stadio ti ringrazio .Io sono granata da sempre ma vivo ad 800 km da Torino per cui allo stadio non ci sono da anni : mi devo vergognare?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. silviot64 - 8 mesi fa

    Non è tragedia greca perché le tragedie sono ben altre, quelle famigliari, le malattie, quello che leggiamo ogni giorno sui giornali. Nulla è perduto, vero, sebbene sia tutto molto più complicato. Dopo sette risultati utili ci voleva l’ottavo. Il non averlo ottenuto potrebbe aver vanificato l’importanza dei precedenti. Se corro la maratona poco importa se sono in testa fino al 42esimo chilometro perché manca ancora una manciata di metri. Dipende sempre dagli obiettivi che ci si pone. Sono ormai troppi gli anni passati a veder sfumare traguardi per “inesattezza” intendendo per essa l’incapacità di sfruttare l’occasione, di essere sul pezzo nel momento decisivo che a volte ti potrrebbe stabilizzare sull’obiettivo o, perché no, puntare a qualcosa di più. Noi tifosi granata non ne abbiamo forse diritto? Non è tragedia, ma la delusione è tanta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Toro71 - 8 mesi fa

    Continua a scommettere sulla vittoria della Juvaccia come la chiami tu (ovvero le merde di Venaria) così magari continuano a perdere!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. gigioscal - 8 mesi fa

    “arriva e accende un fiammifero, tutti a gridare al fuoco! al fuoco! Ed è già spento” geniale! Ma è proprio così! No non è l’inizio della fine, crediamoci tutti insieme!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-13814870 - 8 mesi fa

    È proprio così. Quello che scrivi è quindi provi è ciò che provo anche io. Grazie per averlo scritto così bene…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. TOROHM - 8 mesi fa

    Se il Toro gioca alla Mazzarri vince o pareggia.Con il Bologna il Toro non ha giocato alla Mazzarri e abbiamo perso.Ironia della sorte abbiamo avuto più occasioni che in altre gare e abbiamo fatto 0 punti.A Mazzarri faccio l’appunto di non saper giocare a viso aperto ovvero attaccare più in massa però devo anche dire che il suo modo di giocare è estremamente redditizio classifica alla mano prima del Bologna.Se avessimo giocato più bruttini come di solito non l’avremmo persa.Ora io mi chiedo !
    Voglio i punti o il bel gioco?
    Questo Toro ora come ora non può avere entrambe le cose.
    Penso che in Estate comunque Mazzarri abbia già pianificato cosa gli serve e Urbano lo accontenterà.Un mister che fa punti merita investimenti come succede nelle aziende e Cairo essendo un grande imprenditore lo sa.Se uno rende allora si spende altrimenti alla lunga l’azienda non produce.Il calcio come dice nell’articolo non è una scienza esatta ma i bilanci si ,anzi sono molto esatti.Se poi arriva lo sceicco……….ma saremmo veramente contenti di avere uno Sceicco pieno di petrodollari e un cervello come una noce?
    Io no.Non sarebbe da Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 8 mesi fa

      Io so solo che stiamo sempre aspettando l annata buona. É ora di salire sul treno e smetterla di aspettare in stazione quello successivo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Marchese del Grillo - 8 mesi fa

        Eh…! Sarebbe ora, si…

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy