Tor’ottavo, io mi batto!

Tor’ottavo, io mi batto!

Sotto le granate / Torna la rubrica di Maria Grazia Nemour: “Siamo ottavi e non ci piace. O meglio, non ci piace così, perché vorremmo essere ottavi per gran classe dimostrata sul campo”

di Maria Grazia Nemour

Contro la Spal abbiamo pareggiato e grugnivamo.

Contro l’Udinese abbiamo vinto e continuiamo a diffondere nell’aria il sibilo basso di chi non è soddisfatto.

Siamo ottavi e non ci piace. O meglio, non ci piace così, perché vorremmo essere ottavi per gran classe dimostrata sul campo.

Baricco, un giorno, ha detto di essere del Toro perché il Toro non ha mai un modo normale di vincere, di perdere, e nemmeno di pareggiare. Ma forse ancor più di Baricco è tifoso del Toro Cyrano de Bergerac, che in punto di morte dice: più bello è battersi quando è invano. Poi sguaina la spada, infilzando la menzogna, i compromessi e i pregiudizi. Solo di fronte alla stoltezza si rende conto che non avrà la meglio, eppure brandisce la spada, urlando: io mi batto, io mi batto, io mi batto!

Comunque, io che non sono Baricco e tantomeno Cyrano, saprei farmene una ragione di vincere lautamente e prolungatamente. Però…però no, le menzogne no.

E senza compromessi.

Neanche pregiudizi.

Bè, forse, non so.

Insomma, siamo quel Tor’ottavo lì, quello che gli misuri l’impegno strizzandogli lo sfinimento sudato a fine partita, fisico di spallate e corse, povero di contropiedi e indigente di reti. Bello, poco. Siamo il Toro di qualche certezza: davanti alla porta ci affascina un ipnotizzatore di rigoristi, uno che la palla la attrae più che acchiapparla. Il migliore portiere granata da Marchegiani forse, sicuramente il migliore tra quelli italiani del momento. Riservato, concentrato. Gli chiedono a chi voglia dedicare la parata del tiro da dischetto di De Paul, e lui pensa alla sua terra, lo dedica alla lotta dei pastori sardi. Molto Toro. Il mio, Toro.

E se Sirigu non concede più del 50% delle possibilità di segnare a un rigorista, Mazzarri ha una percentuale di poco più bassa di non vedere la fine della partita dalla panchina.

Siamo il Toro del Capitano, perché era facile incensarlo quando vendemmiava gol, più difficile sostenerlo in questa lunga semina priva di frutti ed estremamente faticosa sul campo. Siamo il Toro, chiediamo molto, ma non pretendiamo mai più di quanto diamo.

Un Toro con un Lukic preciso nei corner e più lucido di partita in partita, che dal 2016 aspettavo di veder crescere, e che mi fa venire voglia di rivederlo in campo anche la prossima, di partita.

Domenica siamo stati il Toro con i Distinti meravigliosamente affollati, e non perché giocassimo contro il Napoli o l’Inter o perché ci fossero luttuosi bianconeri in campo: erano seggiolini affollati di ragazzi, quelli delle Academy del Torino. Il gol di Aina e la parata di Sirigu li ha fatti esplodere di entusiasmo. Così come li hanno entusiasmati i saluti che il Capitano e Moretti hanno dedicato loro, a fine partita. I veri Capitani, sanno quanto sia fondamentale ogni piccolo soldato.

I Capitani del Toro, lo devono insegnare ai bambini: io mi batto, io mi batto, io mi batto!


Mi sono laureata in fantascienze politiche non so più bene quando. In ufficio scrivo avvincenti relazioni a bilanci in dissesto e gozzoviglio nell’associazione “Brigate alimentari”. Collaboro con Shakespeare e ho pubblicato un paio di romanzi. I miei protagonisti sono sempre del Toro, così, tanto per complicargli un po’ la vita.

31 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. anpav - 10 mesi fa

    Bellissimo articolo. Complimenti Maria Grazia
    W il Toro. W la bellezza di quello che rappresenta!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. SiculoGranataSempre - 10 mesi fa

    Andiamo in Olanda a cercare centrocampisti. Mamma mia cosa si è visto ieri ad Amsterdam!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. daunavitagranata51 - 10 mesi fa

      PIENAMENTE RAGIONE, IO VIVO IN OLANDA, NAZIONE CHE NEL CALCIO ESPLODONO UN SACCO DI TALENTI,

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. gpmorano - 10 mesi fa

    A te, Maria Grazia, di cui non conosciamo neppure il volto, nel giorno di San Valentino va una rosa rossa da parte di noi tanti tifosi granata che ammiriamo la bellezza che sfoggi nella scrittura e nei concetti che esprimi. Hai tanto da insegnare ai colleghi uomini e ad una collega di altra testata online che per pudore e opportunità evito di citare. Grazie di tutto e rimani con noi a lungo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 10 mesi fa

      Basta cliccare sulla sua firma sotto all’articolo per accedere alla pagina del suo profilo e vederne anche la foto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Ciccio Graziani - 10 mesi fa

    Mazzarri incapace? Leggi la carriera. Forse erano meglio mihajlovic, ventura, de Biasi, novellino, Colantuono, beretta…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LeoJunior - 10 mesi fa

      se per incapace Mimo intendeva dire incapace a dare un gioco piacevole e moderno, allora non possiamo dargli torto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. blackmapan_12184280 - 10 mesi fa

      Ultime due esperienze: esonero Inter e risoluzione Watford altrimenti i giocatori in blocco avrebbero chiesto la cessione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Mimio - 10 mesi fa

    Possibile che al Toro arrivino tutti allenatori incapaci? Non saranno forse altri i problemi? Ai posteri l’ardua sentenza

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Mimio - 10 mesi fa

    Con centrocampisti capaci di effettuare solo retropassaggi o al massimo giocare in orizzontale, sarà impossibile vedere un gioco almeno accettabile

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. vittoriogoli_13370477 - 10 mesi fa

    La volontà del presidente é arrivare almeno ottavo per ottenere qualcosa da sponsor ed in divisione Introiti TV.
    Per arrivarci,cosa complicata con questa rosa a centrocampo, Nazzarri deve schierare corazzieri con l’unico input : non prendere gol.
    Così senza un gioco e senza maturazione di giovani ci avviamo alla eterna stagione giocando per la coppa del nonno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. michelebrillada@gmail.com - 10 mesi fa

    allucinante giustificare un non gioco come quello di mister porte chiuse al filadelfia è il peggior allenatore degli ultimi venti anni domenica contro l’udinese in 10 non ne avevamo piu e arrancavamo soltanto non so cosa si aspetti a farlo fuori

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bigmac - 10 mesi fa

      Il gioco di Mazzarri non piace nemmeno a me, le vittorie sono sempre sofferte anche contro le piccole ma fire che è il peggiore degli ultimi anni significa dimenticare Lerda, Beretta, Papadopoulos e tanti altri.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. bigmac - 10 mesi fa

        Naturalmente parlavo di Papadopulo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Ipoua-bomber - 10 mesi fa

        Tipo : Rampanti, Scoglio, Souness, Sandreani, Ezio Rossi

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. iard68 - 10 mesi fa

          Il professore lascialo stare… Rispetto agli altri e ai nostri ultimi condottieri (Ventura escluso) era di un altro pianeta!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. GlennGould - 10 mesi fa

      Quindi abbiamo il presidente peggiore di sempre e l’allenatore più scarso degli ultimi 20 anni.
      Poi però abbiamo anche, a questo punto del campionato, il migliore risultato dal 1992/93 ad oggi. Strano eh?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Marchese del Grillo - 10 mesi fa

        91/92 e non 92/93. Appena ti mettono una lenticchia nel piatto subito allunghi il braccio, eh!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. GlennGould - 10 mesi fa

          Cerca di essere più rispettoso quanto ritieni di doverti rivolgere al sottoscritto. Ti ringrazio.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Marchese del Grillo - 10 mesi fa

            Ma non ci sfottere! Ripigliati che stai inguaiato!!!

            Mi piace Non mi piace
      2. blackmapan_12184280 - 10 mesi fa

        Se non è il peggiore se la gioca con cimminelli

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. iard68 - 10 mesi fa

        Il fatto è che Cairo è ben lungi dall’essere il peggior presidente di sempre! E’ solo il presidente del toro nel peggior momento di sempre (post superga incluso), impossibilitato a colmare differenze economiche e di potere mai così grandi. Le sei sorelle ci precedono in tutto (erano 7 con il parma di quel manigoldo di Tanzi) ininterrottamente da più di 20 anni, cioè ben prima di Cairo. Il miglior risultato ad oggi matura proprio perché, nonostante tutto, questa criticatissima società, riesce a migliorare la squadra, lentamente, anno dopo anno. Molto lentamente, con errori che limitano i progressi e spesso stroncano gli entusiasmi, senza mai fare un passo un po’ più lungo… ma migliora costantemente. Con allenatori migliori, più intelligenti, sicuramente si migliorerebbe più in fretta… evidentemente non sono così facili da trovare. Mazzarri fa pena!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. blackmapan_12184280 - 10 mesi fa

          Sarà come dici tu ma le classifiche degli ultimi anni parlano chiaro: nessun miglioramento.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. MM64BB - 10 mesi fa

    io so una cosa certa, che il gioco del calcio in Italia è storia da anni, ottusa ed inutile tattica estrema portano ad un livello di quarta categoria vs altre realtà dove, soldi o no, campioni o no, il calcio e ancora quello dei miei ricordi.
    per chi non ha avuto modo di vedere l’Ajax vs Real stasera, raccomando di cercare la replica e vederla tutta. una squadra di ragazzini primavera hanno dato uno spettacolo che in Italia ci sognano dai tempi del Milan di Sacchi. poi si può perdere, ma quello che ti fanno vedere, minuto dopo minuto senza sosta, disposizione in campo perfetta, passaggi a ripetizione di prima a velocità jet, decine di rito in porta, …. vale una vita di campionati anonimi italiani.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giaguaro 66 - 10 mesi fa

      MM64BB bravo! perfettamente d’accordo con te, noi continuiamo a farci le pippe mentali sui giovani che se vanno in prima squadra li bruciamo e poi e poi e poi si bruciano davvero a forza di non giocare mai. Il calcio italiano è così ma il Toro in questo ha un allenatore campione del mondo in quanto a ottusità e vetutismo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. giuseppe.casacci_8325069 - 10 mesi fa

      Ineccepibile, ma domani sarà già tutto dimenticato in una terra dalla memoria sempre troppo corta.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. LeoJunior - 10 mesi fa

      Mi hai anticipato. E oltre all’Ajax in contemporanea c’era il Borussia Dortmund altra squadra (meno ieri) che gioca con coraggio. Ecco cosa manca: il coraggio. Quello di fare una scelta rivoluzionaria per staccarsi da un destino certo, l’anonimato. Continuando così possiamo forse arrivare alla EL ma per cosa? Per esportare questo calcio orrendo? Ci teniamo davvero? e per andare dove? coraggio di cercare un allenatore giovane e con idee anche folli. Coraggio di tutti noi di appoggiare questa scelta che potrebbe essere un azzardo da sostenere anche se dovesse andare male all’inizio. Coraggio che manca all’Italia tutta, di non vivacchiare di espedienti per arrivare alla fine della giornata, mese, anno ma senza mai avere una strategia che pensi al futuro. Che guardi ai giovani e per il giovani. Adesso avremo il centro sportivo. Perchè non pensare ad una Cantera granata che giochi allo stesso modo con una sola filosofia? perchè a noi va bene vincere gli scudetti della Primavera non avere giocatori forti e sfrontati da far giocare in Italia ed Europa e dei quali essere orgogliosi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Marchese del Grillo - 10 mesi fa

        Finalmente qualche tema serio, bene. È fortunatamente c’è ancora gente col sale in zucca, altro che il paragone della cippa con il Toro di Mondonico, buono, il paragone, per farci la minestra della sera. Giovani, dunque, Ajax, allora. Ma con chi? Con Uolter TP Testadighisa Portechiuse Novecento? È una mera contraddizione, una contraddizione in termini, le due cose cozzano come il diavolo e l’acqua santa. Lo ripeterò ancora una volta: Longo/Nicola/De Zerbi e…tanto, ma tanto coraggio e un progetto serio.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. LeoJunior - 10 mesi fa

          Fossi io Presidente a fine stagione farei una bella conferenza stampa spiegando ai tifosi il programma a lungo termine. Quest’anno NON andiamo a cercare giocatori talentuosi ma iniziamo cercando un allenatore talentuoso e su questo investiamo. Intorno a lui costruiamo una cantera con un gioco ben definito. Tifosi tutti sappiate che potremmo anche avere stagioni non facili ma il programma è a lungo termine. A quel punto parto alla ricerca di un vero fenomeno della panchina e poi inizio a costruire le squadre aquistando giovani talentuosi. A questo aggiungo uno staff di preparatori atletici in linea con il gioco che voglio fare. Se ci riferiamo all’Ajax … avete visto quanto corrono?
          Poi metterei mano allo stadio e al campo. Possibile che in un calcio dove l’unità di misura sono i milioni di euro e poi si giochi su un campo di patate dove la palla non corre ma salta?! (vero che con WM forse è meglio così. Almeno gli avversari che giocano a calcio non riescono a farlo. Noi ci rinunciamo comunque …). E a salire lo stadio. Bello, caldo, vicino ai giocatori.
          Ma no. Non vale la pena. Meglio arrivare settimi giocando male per andare in EL e giocare peggio.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Marchese del Grillo - 10 mesi fa

            Eh, magari settimi, ma quando mai! A questi va tutto bene così, i loro sporchi conti tornano sempre e tutto il resto è noia!

            Mi piace Non mi piace
  10. user-14075351 - 10 mesi fa

    Brava, forza toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy