Fiorentina, da Vlahovic a Ribery: l’attacco è un mix di esperienza e gioventù

Focus on / Il pacchetto offensivo di viola è composto da giovani come Kouame e Vlahovic ma è fondamentale anche l’esperienza di Ribery e Kokorin

di Federico De Milano

La Fiorentina è il prossimo avversario del Toro, le due squadre si affronteranno venerdì sera alle ore 20:45 allo stadio Olimpico Grande Torino. Si tratta di una sfida che darà inizio al girone di ritorno e l’obiettivo dei granata è quello di riscattare la sconfitta subita a Firenze il 19 settembre scorso quando i viola si imposero per 1-0. Facciamo il punto sull’attacco della Fiorentina che ad oggi è composto da giocatori molto giovani ma anche dall’esperienza di un grande campione come Franck Ribery, sempre che il mercato nelle ultime ore non cambi nuovamente faccia al reparto avanzato dei viola.

FLORENCE, ITALY – JANUARY 23: Franck Ribery of ACF Fiorentina in action during the Serie A match between ACF Fiorentina and FC Crotone at Stadio Artemio Franchi on January 23, 2021 in Florence, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

ESPERIENZA E GIOVENTÙ – L’allenatore Cesare Prandelli solitamente gioca con il 3-5-2 con Franck Ribery e Dusan Vlahovic come terminali offensivi. Sono diversi per età stile di gioco ma insieme formano una coppia ben assortita che ha iniziato a pagare i dividendi. Il francese in questa stagione, nelle 16 gare di campionato che ha giocato, è stato in grado di fornire già 5 assist per i compagni ma è ancora fermo a quota 0 reti e per lui è una novità dato che in carriera ha sempre segnato con grande continuità. D’altro canto il suo compagno di reparto Vlahovic, che è un classe 2000, quest’anno si sta confermando dopo ciò che di buono aveva fatto vedere la passata stagione. Il serbo è già riuscito a mettere a segno 7 gol nel girone d’andata che fanno di lui il miglior realizzatore della squadra toscana. Tra le alternative va segnalato senza dubbio Christian Kouame, 23enne ivoriano, che finora non ha trovato molto spazio nella gestione Prandelli ma è riuscito comunque a segnare due reti, una in campionato e una in Coppa Italia.

KAZAN, RUSSIA – NOVEMBER 05: Ruslan Kambolov (l) of FC Rubin Kazan vies for the ball with Aleksandr Kokorin FC Zenit Saint Petersburg during the Russian Premier League match between FC Rubin Kazan and FC Zenit Saint Petersburg at Kazan Arena stadium on November 5, 2017 in Kazan, Russia. (Photo by Epsilon/Getty Images)

UN VOLTO NUOVO A FIRENZE – Durante il calciomercato il presidente viola Rocco Commisso si è mosso molto per migliorare l’attacco della sua squadra. In seguito all’uscita di Patrick Cutrone, tornato al Wolverhampton, la società toscana ha deciso di acquistare Aleksandr Kokorin, centravanti russo classe 1991, arrivato dallo Spartak Mosca per una cifra vicina ai 5 milioni di euro. Aspettando di capire in che modo si adatterà al calcio italiano, Kokorin – al di là delle intemperie fuori dal campo -si è sempre dimostrato un’attaccante valido dato che in carriera non ha mai fatto mancare il proprio apporto realizzativo. Il russo può vantare un bottino di 67 gol in patria e ben 20 nelle competizioni europee. Il Toro dovrà dunque stare molto attento all’attacco viola: gli uomini offensivi della Fiorentina, quando sono in giornata, sanno essere molto pericolosi.

LEGGI ANCHE: “Fiorentina, la difesa scricchiola: la Viola fatica sia a 3 che a 4”

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Esempretoro - 1 mese fa

    Più che dell’attacco io sono tra quelli preoccupati per la qualità del centrocampo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy