Petrachi: “Al Toro sono invecchiato fisicamente da quanto ci tenevo”

Petrachi: “Al Toro sono invecchiato fisicamente da quanto ci tenevo”

Voci / Le parole dell’ex direttore sportivo granata al sito ufficiale della Roma

di Redazione Toro News

Gianluca Petrachi ha parlato al sito ufficiale della Roma e ha ripercorso i suoi nove anni a Torino, definendoli “bellissimi”. Sarà una partita speciale per lui che si è separato malamente nella primavera 2019 dalla società presieduta da Urbano Cairo. Tuttavia, il direttore sportivo giallorosso ha utilizzato parole significative per definire la sua esperienza sotto la Mole. “Ho dato tanto per il Toro – ha sottolineato -. Mi sono invecchiato anche fisicamente perchè tenevo tantissimo a quei colori. Ed è stata una grande scuola. Aver vissuto quelle difficoltà ti aiuta per far bene in una piazza come Roma, perché se non hai vissuto certe situazioni qui rischi di essere sbriciolato. Lì ho lasciato tanti giocatori e sarà emozionante rivederli. Forse mi emozionerò di più al ritorno, perché sarà come tornare in una vecchia casa. Dopodomani, però, subentrerà la professionalità. Non amo perdere, sono ambizioso. La sconfitta la vivo malissimo. Spero che domenica i nostri giocatori non sbaglino l’approccio alla partita”.

PERES – Su Bruno Peres, tornato a Roma in questi giorni, Petrachi ha detto: “L’ho preso io a Torino. Lui sa giocare a calcio. Deve ritrovare quella fame, quell’umiltà che forse ultimamente aveva perso. La mia idea condivisa con Paulo è di dargli una seconda chance, perché a tutti si concede nella vita. Deve ritrovarsi come uomo. Tutti possiamo sbagliare. Negli anni in granata si è visto il vero Bruno Peres e io ero lì, so come ha fatto a rendere. Lui ne è consapevole: gli daremo una possibilità e la prima volta che sbaglia è a casa”.

PUNTI DI FORZA – Petrachi ha anche parlato dei punti di forza della sua Roma. “Quando sono arrivato tanti giocatori già presenti avevano la voglia e l’entusiasmo di iniziare una nuova stagione e di cambiare: molti di loro cercavano una svolta, perché venivano da un anno difficile – ha sottolineato -. Chi non condivideva questo sentimento è andato via. Chi credeva nel nuovo progetto che stava nascendo è stato tenuto. I nuovi, poi, sono stati valutati a livello umano e tecnico, servivano tutte persone con voglia e con entusiasmo. Avevamo bisogno di ragazzi che vedessero la Roma come un punto di arrivo, non come un posto di passaggio. Chi è arrivato lo ha fatto con l’entusiasmo e con la voglia giusta. C’è stata una fusione ideale tra gruppo esistente e i nuovi arrivi. Credo si sia creata l’unione di intenti che la Società cercava”.

35 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Mauri - 3 mesi fa

    Sì.. Indimenticabili..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. dattero - 3 mesi fa

    Junior, guarda zappacosta Belotti e darmian non son affari di petrachi. Informati bene.tantomeno immobile e Cerci,ripeto,informati bene. Detto senza polemiche,ma mi spiace che ad un’omuncolo simile si diano gratificazioni insensate

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Junior - 3 mesi fa

      Nessuna polemica. Ma se hai notizie più accurate delle mie perché non ti spieghi? Quando quei giocatori sono arrivati al toro, c’era lui o mi sbaglio?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. jimmy - 3 mesi fa

        Sono giocatori voluti da Ventura, credo intendesse dire questo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Junior - 3 mesi fa

          Se è così allora ho scritto correttamente. Petrachi ha fatto bene il suo lavoro, portando al Toro i giocatori voluti dall’allenatore.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Giankjc - 3 mesi fa

    Chi si assomiglia si piglia e nell’ambiente della Ciarlanese FC lo standard è questo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. gm - 3 mesi fa

    Sirigu izzo Nkoulou ansaldi rincon Belotti….con scambi di prestiti e pagamento a babbo morto, con Cairo che ad ogni acquisto completato ti chiede a quanto il nuovo giocatore lo puoi rivendere a fine anno. Deve essere stato incentivante, portare Ventura, cerci, maxi, darmian, peres, Quagliarella senza uno straccio di collaborazione dal tuo presidente che anzi ti costringe ad elemosinare favori. E vi stupite se va a Roma? Cairo aspetta di vendere Bonifazi e Parigini per avere due plusvalenze da mettere a bilancio. Acquisti? A già a gennaio sono inutili…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 3 mesi fa

      Parigini, se non erro, è libero di andare dovunque a costo zero (0), altro che plusvalenza!
      E fra uno o due mesi succederà la stessa cosa con De Silvestri.
      Bisognava rinnovare loro il contratto, e poi, semmai, venderli.
      Non è stato fatto: inspiegabile.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. BACIGALUPO1967 - 3 mesi fa

        Magari Parigini non ha voluto rinnovare e Lollo lo ritengono ormai a fine corsa come era successo per Molinaro.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Granata - 3 mesi fa

          Ciao @Bacigalupo, qualcuno è campione quando deve chiedere soldi ed un po tanto meno in campo…..

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. maxx72 - 3 mesi fa

            Azz…ci giochiamo il nostro tronista preferito!

            Mi piace Non mi piace
          2. BACIGALUPO1967 - 3 mesi fa

            Qualcuno/a è anche campione/ssa nel pensare di far meglio il lavoro altrui.

            Mi piace Non mi piace
      2. Granata - 3 mesi fa

        Erra Madama, Parigini, sarà libero dal 1 febbraio di accordarsi con chi vuole. Se il Toro lo vende nella sessione attuale puo fare il prezzo che vuole. Nel qual caso andasse via a parametro zero, al Torino FC, sarà comunque dovuta una quota minima di diritto per essere cresciuto nel vivaio.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ALESSANDRO 69 - 3 mesi fa

      Intanto per onore di verità, Petrachi è arrivato a Torino come semi sconosciuto e se è vero che Cairo lo ha messo a dura prova è altrettanto vero che gli ha dato l’opportunità di misurarsi come DS una società blasonata come la nostra dandogli modo da farsi conoscere nell’ ambito della massima serie. Come DS io ritengo che abbia davvero lavorato bene e chi sostiene il contrario evidentemente ha memoria molto corta. Come Uomo mi ha fatto cagare; perché posso benissimo comprendere che gli si presenti l’opportunità di andare alla Roma e lui ha voglia di sfruttare questa grande occasione, non gli faccio una colpa di questo ansi…, ma c’erano sicuramente altri modi per gestire questa cosa invece di comportarsi come un ladro e mi dispiace ma ha davvero dimostrato tutta la propria pochezza intellettuale. Ora Cairo avrà mille difetti ma non quello di essere cretino per cui era scontato che prima o poi lo sgamasse e gli rendesse la vita difficile. Ci voleva tanto a parlare con lui a Gennaio…??? Io da tifoso del TORO non vincerò mai un cazzo ma preferisco continuare a non vincere un cazzo piuttosto che avere all’interno della mia squadra del cuore personaggi biechi come lui, fosse anche il dirigente più bravo del mondo..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Ardi - 3 mesi fa

        Beh menomale che il nostro presidente, chiamato squalo, non sia un personaggio bieco

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. maxx72 - 3 mesi fa

        Bravo bravo bravo Alessandro!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Junior - 3 mesi fa

    Preferisco ricordare le cose belle e ne ha fatte tante, dovendo gestire campagne acquisti con quattro spiccioli e con un bilancio da risanare. Do merito a Petrachi di aver portato al Toro tanti giovani che sono stati poi rivenduti a peso d’oro da Zappacosta a Darmian a D’Ambrosio. Ha portato al Toro Immobile e Cerci. E da ultimo il Gallo è Baselli.
    Purtroppo se ne è andato malamente e per una sua scorrettezza. Ed il tifoso, soprattutto granata che ha buona memoria, non lo dimentica. Fare il doppio giochista in casa Toro vuol dire che non hai capito proprio dove stai.
    È anche vero che Bava fino ad ora non mi ha ancora dimostrato di avere le medesime capacità. E probabile questa è anche una delle ragioni della nostra crisi degli ultimi mesi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Mimmo75 - 3 mesi fa

    Grandissimo DS. GRANDISSIMO.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. marione - 3 mesi fa

    Petrachi è stato molto scarso, ma molto scarso vuol dire far parte della categoria, dopo di lui semplicemente non c’è nessuno nel ruolo e i risultati si vedono. Chi pensava si potesse rimpengere Petrachi alzi la mano. Ecco cairo è riuscito a fare peggio, come creativo si è sempre dimostrato un genio. Nei bilanci e nelle società inesistenti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. prawn - 3 mesi fa

    Noto cmq che stiamo facendo un mercato sfavillante…

    Pères se Mazzarri è così bravo a far crescere la gente poteva tornare al toro…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Il_Principe_della_Zolla - 3 mesi fa

    Quanti successi, quante soddisfazioni, quanti sogni avverati… anni indimenticabili, Petrachi. Due lustri che rimarranno nella storia… del tuo conto corrente, perché per noi non hanno contato una beatissima minXXhia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Madama_granata - 3 mesi fa

    Una cosa è certa: nemmeno il risiedere nella Capitale ha dato a Petrachi il dono di esprimersi correttamente in lingua italiana.
    Detto ciò, la parte della vittima la sa sempre fare bene!
    Strano a dirsi e a credersi, ma negli ultimi 9 anni anche noi “CI” siamo invecchiati (= abbiamo invecchiato noi stessi), pur non facendo il suo “usurante” lavoro, e soprattutto non percependo il suo lauto stipendio!
    Per me non ha lasciato un buon ricordo e si è comportato scorrettamente: non dimentichiamocelo!
    Tutti possono andarsene, ma senza mentire e comportandosi onestamente con chi ancora lo aveva a “libro-paga”.
    Professionalmente scorretto, quindi, e pure sprovveduto: si è fatto fotografare mentre lavorava con e per i dirigenti della Roma, mentre era ancora D.S. del Toro, pagato da Cairo.
    Ha fatto qualche buon acquisto, ma ci ha propinato anche tanti brocchi..
    Le sue “perle” vanno da Sadiq a Damascan, da Ajeti a Carlao, a Iturbe, ecc..
    Solo per ricordare i primi nomi che mi sovvengono!
    Auguro comunque a Petrachi che nei prossimi tempi, soggiornando a Roma, possa “ringiovanir-si” di tutti gli anni in cui “si” è invecchiato a Torino.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Immer - 3 mesi fa

    Fari non sei mancato addio servo eri e rimarrai. Hai sbagliato ulteriormente quando sei andato via a non portarti via il nostro prode

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. maxx72 - 3 mesi fa

    Fate furb Petrus!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BACIGALUPO1967 - 3 mesi fa

      Miiiii

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. maxx72 - 3 mesi fa

        Quando ci vuole ci vuole.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. magnetic00 - 3 mesi fa

    A me manca petrachi, e i numeri di quest’anno mi fanno ragione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Bela Bartok - 3 mesi fa

    Anche io (mi) sono invecchiato negli ultimi dieci anni eppure non lavoravo per il Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paul67 - 3 mesi fa

      Pensa che in 10 anni (mi) sono invecchiato anch’io…..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. RFgranata - 3 mesi fa

        Io sono invecchiato di 10 anni negli ultimi 18 mesi a vedere il gioco di Mazzarri FVCG

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Antoniogranata76 - 3 mesi fa

    Con tutti difetti che ha Cairo ,se davvero Petrachi quando era al Toro lavorava già per la Roma, allora si è comportato in maniera scorretta, detto questo Cairo doveva sostituirlo, insomma si poteva gestire la cosa in un altro modo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Karmagranata - 3 mesi fa

    Hai ragione Petrachi. Passare dieci anni alle dipendenze di chi usava mandarti al mercato con le tasche bucate deve essere stato parecchio difficile e umiliante. Credo, comunque, che tu abbia fatto ugualmente un discreto lavoro per il bugiardo edicolantuccio. Le plusvalenze realizzate avrebbero consentito ad una società seria di fare un bel salto di qualità, ma purtroppo, questo non è mai stato nelle intenzioni del “patteggiato re” alessandrino. Io, ripeto, non ti biasimo per quello che è stato, possiamo dirlo, un pessimo addio, perché sono convinto che tra te e cairo il bugiardo non sei tu. E non ti biasimero’ nemmeno quando saprò che qualcuno della attuale rosa (difficilmente migliorabile) del Toro cairota ti raggiungerà a Roma, proprio perché chiedere ad un calciatore di avere per tutta la sua carriera un presidente come cairo è come chiedere ad un direttore sportivo di comprare Messi con i ticket restaurant. SSFT!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Toronelcuore74 - 3 mesi fa

      Hai pienamente ragione, ma in parte, perché la verità sta nel mezzo, e tra un presidente bugiardo, e un direttore sportivo scorretto, non la sapremo mai, solo loro la sanno… anzi, le loro coscienze

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. zaccarelli - 3 mesi fa

        Credo che quei due esseri, NON abbiano coscienze.
        Pare che non facciano nemmeno le ombre e detestino luce diurna e aglio.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. crocian_786 - 3 mesi fa

    Alla luce dei fatti di Cairo, penso di doverti dare ragione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy