Maria Giulia Cairo, mamma granata

ALESSANDRIA – Una festa deliziosa, fresca, dolce e meravigliosamente granata è quella che si è svolta ad Alessandria, i tifosi erano felici per i risultati ottenuti, pronti come sempre a sostenere la squadra. Il club mandrogno ha una particolarità è dedicato alla madre del presidente, la signora Maria Giulia e il suo consorte saranno l’oggetto della nostra intervista.

Signora…

di Ermanno Eandi

ALESSANDRIA – Una festa deliziosa, fresca, dolce e meravigliosamente granata è quella che si è svolta ad Alessandria, i tifosi erano felici per i risultati ottenuti, pronti come sempre a sostenere la squadra. Il club mandrogno ha una particolarità è dedicato alla madre del presidente, la signora Maria Giulia e il suo consorte saranno l’oggetto della nostra intervista.

Signora Cairo, i tifosi le vogliono così bene che le hanno dedicato il club, quali sono le sue emozioni?

‘I tifosi del Toro sono insuperabili, sono commossa. Ogni volta che vado allo stadio, guardo lo striscione perché porta bene’.


Si sarebbe mai aspettata di avere un club dedicato a lei?

‘Sinceramente, no. Sono sempre stata granata, ho affermato la mia fede a Milano, circondata da milanisti ed interisti: la mia fedeltà al Toro è stata premiata’.

Signor Giuseppe Cairo, hanno dedicato clubs a suo figlio, alla moglie e a lei niente, non è geloso di questo?
‘No, non c’è problema, sono felice di fare il consorte. Lei ci tiene molto e io sono lieto di essere vicino ai tifosi granata. Se, in seguito, ne dedicheranno uno anche a me, ne sarò onorato’.

Signora Cairo, Urbano da piccolo, era già irrefrenabile e indomito come oggi?

‘Sì, è sempre stato indomito. Ha parlato prestissimo, questo spiega la sua spigliata favella. Ha sempre desiderato arrivare primo, ha sempre puntato a traguardi ambiziosi e ci è sempre riuscito’.

Signor Cairo, avrebbe mai pensato che suo figlio sarebbe divenuto il presidente del suo amato Toro?

‘No, non l’ho pensato. Ma, come vede, con il tempo è successo. A mio figlio il calcio è sempre piaciuto, mi ricordo quando lo accompagnavo da piccolo a giocare nel Sesto San Giovanni, sono sicuro che mi darà delle soddisfazioni’.

Signor Cairo, può succedere, che presto suo figlio, abbandoni il Toro e suoi tifosi?

‘No, su questo sono sicuro. Noi Cairo quando incominciamo una impresa la portiamo fino alla fine, non molliamo mai. Anzi, farà delle ottime cose. Ringrazio tutti i tifosi granata per il sostengo che ci danno, sono sicuro che dopo la splendida prestazione di Milano siamo sulla buona strada’.

Signora Cairo, un saluto ai tifosi granata?

‘Continuate ad avere questa grande fede nel Toro, perché il Toro vi ricompenserà’.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy