“Meno tatticismi e più cuore”: al Museo del Toro il ricordo del derby del 1983

“Meno tatticismi e più cuore”: al Museo del Toro il ricordo del derby del 1983

Mondo granata / Il ricordo del famoso derby terminato 3-2 in favore del Torino

di Redazione Toro News

In serata a forti tinte granata, il cui significato è ben chiaro: chi entra a far parte del Torino arriva in una famiglia e ne resterà sempre parte nonostante lo scorrere del tempo. Al Museo del Grande Torino si è tenuta ieri la presentazione del libro “Rosso come la neve” di Grazia Buscaglia Bonesso, giornalista emiliana che è la moglie dell’ex calciatore granata Loris Bonesso. E quale migliore occasione per presentare il libro se non la sera del 27 marzo, anniversario del derby dello storico 3-2 con tre gol in 124 secondi nell’anno 1983, quando Bonesso fu proprio uno dei marcatori.

“Quella Juve era fortissima, una corazzata, ma noi giocammo alla garibaldina, con il cuore e senza tatticismi” ha ricordato Bonesso dopo l’introduzione alla serata di Domenico Beccaria, presidente del Museo. “Con meno tatticismi si vincerebbero più partite. Il popolo granata vuol vedere la squadra lottare. Nel prossimo derby vorrei vedere questo. Anche in quell’occasione eravamo nettamente inferiori, ma ci animava la voglia di vincere”, le parole di Bonesso. Insieme a lui erano presenti tanti ex ragazzi del Filadelfia, che hanno colto l’occasione per trovarsi in una rimpatriata: da Giancarlo Camolese a Claudio Sclosa, oggi osservatore dell’Inter (“ma il cuore è sempre granata”), ha detto l’ex attaccante, passando per Franco Ermini e Franco Di Nuovo. Ha fatto capolino anche Roberto Salvadori e ha condotto la serata Beppe Indelicato, giornalista modenese di fede granata.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy