Conte: “Dal 18 maggio via agli allenamenti per gli sport di squadra”

Le parole / Queste le parole del PdC oggi in conferenza stampa

di Redazione Toro News
Conte

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha parlato in conferenza stampa per spiegare la Fase 2: “Grazie ai sacrifici stiamo contenendo la pandemia, avete manifestato tutti, da Nord a Sud, forza, coraggio, senso di comunità. Adesso inizia per tutti la fase di convivenza con il virus, la curva del contagio potrà risalire in alcune aree del Paese, dobbiamo assumerci questo rischio. Sarà ancora più importante rispettare le distanza di sicurezza e mantenere un comportamento responsabile, anche nelle relazioni familiari. Teniamo conto che gli scienziati ci dicono che almeno 1 contagiato su 4 arriva dalle relazioni familiari. Potremmo reagire negativamente a questa fase, ma bisogna scacciare la rabbia e pensare a cosa poter fare per risollevarci. La distanza sociale deve essere rispettata per non ammalarsi, altrimenti la curva dei contagi potrebbe andare fuori controllo, con decessi e danni irreversibili. Se ami l’Italia, mantieni le distanze“.

Il prezzo dei dispositivi di protezione individuale sarà inoltre calmierato, per evitare speculazioni: “I prezzi di mercato delle mascherine saranno fissati per evitare le speculazioni, ci sarà un prezzo equo, c’è un forte impegno del Governo anche per eliminare l’Iva. Il prezzo dovrebbe essere intorno a 0,50 euro per le mascherine chirurgiche“.

Ecco che succederà dal 4 maggio: “Per le due settimane successive, fino al 18 maggio, avremo una conferma generalizzata per le misure di distanziamento e gli spostamenti: all’interno della propria regione si potrà muovere per motivi di salute, lavoro e necessità: aggiungiamo la possibilità di consentire visite ai congiunti. Visite mirate, fatte nel rispetto delle distanze. E’ fatto divieto a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, in una regione diversa rispetto a quella in cui attualmente si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute; è in ogni caso consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza“.

Per gli allenamenti: “Attività sportive e motorie: era possibile nelle vicinanze della propria abitazione, ora ci si potrà allontanare ma rispettando la distanza di 2 metri l’uno dall’altro. Nel caso di attività motoria la distanza è di 1 metro. Saranno consentite dal 4 maggio le sessioni di allenamento degli atleti professionisti e non professionisti ma riconosciuti di interesse nazionale dal CONI e dalle proprie federazioni. Saranno consentite nel rispetto delle norme di distanziamento sociale, senza assembramenti e a porte chiuse, per gli atleti di discipline individuali“.

Per gli sport di squadra invece: “Mi permetto di anticipare che abbiamo un indirizzo chiaro del governo sul piano che stiamo affrontando. Il 18 maggio è in programma un’apertura del commercio al dettaglio. Con le dovute precauzioni anche musei, mostre e biblioteche oltre agli allenamenti delle squadre in campo sportivo. Abbiamo tutti il desiderio di tornare a vedere i nostri beniamini sportivi, ne stiamo parlando con il ministro Spadafora ma ricominceremo solo quando potremo garantire la piena sicurezza agli sportivi“.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. G.GRANATA - 6 mesi fa

    Il campionato di calcio è finito, finalmente!!! Pensiamo al prossimo con la massima sicurezza

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy