Covid-19, gli aggiornamenti del 15 marzo / In Italia oggi 2.853 malati in più

Diretta TN / Gli aggiornamenti di giornata, dallo sport e non solo, sulla grave emergenza sanitaria che il nostro Paese sta affrontando

di Redazione Toro News

Di seguito i principali aggiornamenti di domenica 15 marzo sulla situazione del Covid-19 in Italia e all’estero, relativi al mondo dello sport e non solo.

PREMI F5 O RICARICA LA PAGINA PER GLI AGGIORNAMENTI

18.43 Sul futuro degli europei ha parlato alla Rai il CT Mancini:”Martedì credo che sapremo meglio tutto, anche come andrà a finire questa stagione. Se rinvieranno l’Europeo, i campionati potranno finire tranquillamente. Quindi da martedì potremo affrontare quest’argomento. Per me va bene tutto, la cosa più importante è tutelare la salute di tutti. Avremmo vinto quest’anno, vinceremo il prossimo. Siamo aperti a tutto, anche a giocare a novembre. Sono sicuro che quando ricominceremo sarà ancora tutto più bello, perché ritroveremo la libertà e sono convinto che anche noi riusciremo a fare molto di più. Queste situazioni ti fanno capire tante cose e diventare migliori, spero accada anche ora“. Queste le sue parole.

17.59 L’Italia supera i 20mila malati di coronavirus: il numero complessivo si attesta a 20.603, con un incremento rispetto a sabato di 2.853, mentre il numero complessivo dei contagiati – comprese le vittime e i guariti – ha raggiunto quota 27.747. Il dato è stato fornito dal commissario per l’emergenza, Angelo Borrelli, nella conferenza stampa tenuta alla Protezione Civile.

16.49 Il governo tedesco ha annunciato la chiusura delle frontiere, a partire dalle 8 di domani, con Francia, Svizzera e Austria per fermare la diffusione del coronavirus. Dovrebbe però essere garantita la circolazione delle merci e dei pendolari.

15.55 Si apprende da fonti interne al CIO che il Comitato Olimpico Internazionale terrà martedì, alla presenza del suo presidente Thomas Bach, una riunione in videoconferenza e telefonicamente per fare il punto sulla situazione dei Giochi di Tokyo 2020 con i rappresentanti delle federazioni sportive internazionali, alla luce dell’emergenza Coronavirus.

14.44 L’Elche ha reso nota l’identità del proprio calciatore trovato positivo: si tratta di Jonathas de Jesus, calciatore con un breve trascorso in maglia granata.

13.43 Il Valencia ha comunicato di aver riscontrato un totale di 5 casi di positività al coronavirus tra i propri atleti e lo staff.

13.20 L’Elche, società della comunità valenciana e che milita in Segunda divisiòn, ha reso noto attraverso i propri canali ufficiali che è stato trovato positivo al test del coronavirus un suo tesserato. Si tratta del secondo calciatore professionista in Spagna, il primo è stato ufficializzato sempre in mattinata dal diretto interessato: Ezequiel Gary.

12.45 Intanto, dopo le parole dell’Aic di ieri, anche la Roma e il Lecce hanno sospeso gli allenamenti. Entrambe le società comunicheranno in futuro la data della ripresa, al momento non ancora calendarizzata. Ora tutta la Serie A è ufficialmente ferma.

12.30 Primo caso di calciatore positivo al coronavirus, è Ezequiel Garay del Valencia . Il giocatore l’ha annunciato sui social dicendo di stare bene e che rimarrà isolato come disposto dalle autorità sanitarie. Il difensore non aveva affrontato l’Atalanta negli ottavi di Champions per la rottura del legamento crociato.

11.45 In esclusiva per il Corriere dello Sport ha parlato Gabriele Gravina, presidente della FIGC, che ha parlato della situazione attuale, tra cui anche le problematiche sulla gestione delle prossime gare: “Tutti pensano che l’unico problema sia quello di assegnare lo scudetto. Ma noi dobbiamo stabilire chi va in Champions e in Europa League, chi retrocede in B, chi sale in A, chi retrocede in C e chi sale in B“. Il presidente ha poi parlato anche dell’Europeo: “Tutti dobbiamo mettere prima la salute e poi far prevalere il buon senso. E il buon senso dice che difendere un solo grande evento europeo, programmato per giugno, sarebbe un errore strategico“.

Poi continua sullo stesso tema: “L’Europeo fa da tappo allo slittamento quasi certo di molti campionati. Se non togli il tappo, la bottiglia esplode, con il rischio di perdere tutto. Non ne abbiamo parlato ancora in maniera ufficiale. Perché prima di dire che l’Europeo slitta ci vuole il sì delle altre Federazioni“.

10.50 Come spiegato dalla Gazzetta dello Sport, prende forma una proposta per terminare il campionato. Si riprenderebbe il 2 maggio e finirebbe il 28 giugno, sempre UEFA permettendo. L’idea trova tutti d’accordo in Italia, in particolar modo Gravina e rappresenterebbe una soluzione ottimale per garantire tutti i verdetti possibili, dallo scudetto alle retrocessioni.

10.10 La FIGC ha appena reso noto di aver donato 100.000 euro allo Spallanzani. Sul proprio sito, inoltre, lancia la campagna #leregoledelgioco per far rispettare le normative preventive previste dal Dpcm.

9.30 Nella notte l’Atletic Bilbao ha illuminato lo stadio, il San Mamès, per ringraziare tutti i medici e tutti gli infermieri che stanno lavorando incessantemente. Sull’impianto è campeggiata la scritta: “Eskerrik asko por cuidamos“, che tradotto dal basco all’italiano significa: “Grazie per prendervi cura di noi“.

Bentrovati amici di Toro News, qui troverete tutti gli aggiornamenti sulla situazione coronavirus e sulle sue ripercussioni per il mondo sportivo e non solo. Lo sport va verso lo stop in tutta Europa, con svariati campionati di diverse discipline che nella giornata di ieri sono stati fermati.

In Italia continuano ovviamente a valere gli effetti del DPCM, che consente i movimenti solo per lavoro, necessità o motivi di salute. Per quanto riguarda lo sport, fermate tutte la manifestazioni sportive di ogni ordine e grado.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy