Covid-19, gli aggiornamenti del 16 aprile / Piemonte seconda regione per crescita casi

Diretta TN / Gli aggiornamenti di giornata, dallo sport e non solo, sulla grave emergenza sanitaria che sta affrontando il nostro Paese

di Redazione Toro News

Di seguito i principali aggiornamenti di giovedì 16 aprile sulla situazione del Covid-19 in Italia e all’estero, relativi al mondo dello sport e non solo.

18.16 – Arriva il consueto bollettino della Protezione Civile:

• Attualmente positivi: 106.607
• Deceduti: 22.170 (+525, +2,4%)
• Dimessi/Guariti: 40.164 (+2072, +5,4%)
• Ricoverati in Terapia Intensiva: 2.936 (-143, -4,6%)
• Tamponi: 1.178.403 (+60.999)
TOTALE CASI: 168.941 (+3.786, +2,3%)

Regioni con crescita maggiore dei casi totali: Basilicata: +5%; Piemonte: +4,8%; Calabria: +3,9%; Toscana: +3,6%.

17.00 – Ai microfoni di Radio Cusano Tv Italia ha parlato il viceministro della salute Pierpaolo Sileri: “Il virus non l’abbiamo battuto e non lo sconfiggeremo finché non ci sarà un vaccino. Il contagio zero non sarà possibile e non può essere possibile finché il virus circola, possiamo portarlo vicino allo zero con opere di contenimento. Ecco perché la riapertura va controllata e scaglionata”

Il virus non l’abbiamo battuto e non lo sconfiggeremo finché non ci sarà un vaccino. Il contagio zero non sarà possibile e non può essere possibile finché il virus circola, possiamo portarlo vicino allo zero con opere di contenimento. Ecco perché la riapertura va controllata e scaglionata

16.56 – La Premier League inglese intende concludere la stagione inderogabilmente entro giugno, cancellando – se necessario – le ultime partite del calendario. Sembra questa l’ipotesi più accreditata, che verrà discussa venerdì, nel corso di una video-conferenza tra i 20 club della massima divisione.

13.34 – Come riportato da TMW, la Federazione calcistica spagnola avrebbe già predisposto i criteri di classificazione alle prossime coppe europee. Nel caso in cui la UEFA richieda di specificare le squadre qualificate, senza poter terminare le competizioni, verrà data priorità ai risultati conseguiti nella Liga e in Copa del Rey.

12-50 – La Lega risponde alla fecciata di Malagò. “La Lega Serie A manifesta stupore per la leggerezza e l’ingerenza del presidente del Coni Giovanni Malagò nel descrivere, in un’intervista rilasciata al Corriere dello Sport, i rapporti tra la stessa Lega e i licenziatari dei diritti televisivi”, questo il contenuto della nota appena pubblicata.

12.45 – Brian Allen, giocatore dei Los Angeles Rams è risultato positivo al coronavirus ed è il primo giocatore di NFL di cui viene ufficializzata la malattia.

12.14 – Per sensibilizzare l’opinione pubblica dell’Argentina di fronte all’emergenza coronavirus, entra in gioco anche Maradona. Sul volto della sua statua alta 4 metri a dedicatagli e eretta a pochi passi dallo stadio dell’Argentinos Juniors a Buenos Aires, è stata messa una mascherina.

11.32 – Si è spento a 70 anni Luis Sepulveda, scrittore cileno autore de «La gabbianella e il gatto», ricoverato da fine febbraio in ospedale a Oviedo dopo aver contratto l’infezione da coronavirus.

10.52 – Karl Heinz Rummenigge, ceo del Bayern Monaco, al “Corriere della Sera” parla del possibile ritorno in campo in Germania: “Il calcio tedesco soffre e aspetta, come tutto il mondo calcistico. Ma da una settimana abbiamo il permesso di allenarci in piccoli gruppi di 4-5 giocatori”.

10.21 – Circa quattrocentomila mascherine importate illecitamente per essere vendute in Italia sono state sequestrate a Torino dalla Guardia di Finanza. Quattro imprenditori cinesi sono accusati di aver, in concorso tra loro, introdotto in Italia i dispositivi di protezione individuale  approfittando della situazione di emergenza.

9.45 – ome riportato da La Gazzetta Dello Sport, la Bielorussia ferma il campionato femminile di calcio. Quello maschile proseguirà per il momento, a porte chiuse. Il presidente Alexander Lukashenko continua a opporsi a misure restrittive, supportato dal ministro dello sport e turismo, Sergei Kovalchuk che ha dichiarato: “Non ci sono le basi per fermare il campionato”.

9.30 – L’immunologo statunitense Anthony Fauci, che sta aiutando a coordinare la risposta degli USA alla pandemia globale di coronavirus, ha indicato le linee guida per organizzare la futura ripresa delle attività sportive. “Sport a porte chiuse, gli atleti dovranno essere ospitati in hotel. Bisogna tenerli ben sorvegliati, sottoporli a test ogni settimana e assicurarsi che non finiscano per infettarsi a vicenda o con le loro famiglie, bisognerà giocare fuori stagione” ha dichiarato Fauci.

Bentrovati amici di Toro News: in questo articolo troverete tutti gli aggiornamenti, minuto per minuto, sulla situazione Covid-19 e sulle sue ripercussioni per il mondo sportivo e non solo. Lo sport è stato fermato in tutta Europa, con svariati campionati di diverse discipline che negli scorsi giorni sono stati interrotti fino a data da destinarsi. Già rinviati anche Euro 2020 e le Olimpiadi di Tokyo 2020.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy