Covid-19, gli aggiornamenti del 22 aprile / -10 attualmente positivi rispetto a ieri

Diretta TN / Gli aggiornamenti di giornata, dallo sport e non solo, sulla grave emergenza sanitaria che sta affrontando il nostro Paese

di Redazione Toro News

Di seguito i principali aggiornamenti di mercoledì 22 aprile sulla situazione del Covid-19 in Italia e all’estero, relativi al mondo dello sport e non solo.

18.58 – “Sono un uomo di sport e quindi non sarò io a sottovalutare il valore del calcio, però adesso mi sento di dire che calcio non è un’urgenza. Non credo che riaprire il campionato sia una soluzione, giocare a porte chiuse è triste e comunque c’è il contatto fisico dei giocatori. Quindi meglio riparlarne dopo l’estate”. Così il Presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, in collegamento con Porta a Porta.

19.01 – Guarita dal coronavirus la presidente della Consulta Marta Cartabia

18.30 – Aumenta l’incremento di casi totali di oltre 600 ma aumentano anche i tamponi che sono stati 11mila in più rispetto a ieri. Ed è record per quanto riguarda il numero di dimessi e guariti.

18.04 – La Protezione Civile dirama il consueto bollettino giornaliero sull’andamento della pandemia in Italia:

Attualmente positivi: 107.699
• Deceduti: 25.085 (+437, +1,8%)
• Dimessi/Guariti: 54.543 (+2.943, +5,7%)
• Ricoverati in Terapia Intensiva: 2.384 (-87, -3,5%)
• Tamponi: 1.513.251 (+63.101)
Totale casi: 187.327 (+3.370, +1,8%)

15.05 – Il Ministro Spadafora prende tempo per la ripresa degli allenamenti: “La decisione nei prossimi giorni dopo aver sentito il Comitato tecnico scientifico ed il Ministro della Salute”.

13.15 –  Il campionato europeo di calcio femminile sta per essere spostato di un anno, nell’estate del 2022. Il Comitato Esecutivo della federazione calcistica europea, la Uefa, fisserà una nuova data per il campionato quadriennale, secondo quanto riporta la Dpa. Inoltre secondo l’emittente britannica Bbc, il torneo si terrà dal 6 al 31 luglio 2022 utilizzando gli stessi luoghi previsti per la competizione del 2021. Il rinvio del campionato femminile, che avrebbe dovuto svolgersi in Inghilterra dal 7 luglio al 1 agosto, ha dovuto essere spostato dopo che il torneo maschile equivalente, Euro 2020, è stato posticipato di 12 mesi a causa della pandemia di coronavirus.

12.59 –  A settembre non si correrà la maratona di Berlino. Lo hanno annunciato gli organizzatori, alla luce della cancellazione degli eventi sopra le 5.000 persone fino al 24 ottobre decisa dall’amministrazione locale. L’anno scorso erano stati 62.000 i partecipanti alla maratona. Non è prevista al momento la possibilità di svolgere l’evento solo con i corridori di vertice, come si farà per la maratona di Tokyo il 1° marzo.

12.08 – Due medici di medicina generale si aggiungono al bilancio dei camici bianchi deceduti dall’inizio dell’epidemia. Il totale delle vittime sale così a 143. Lo riferisce la Federazione nazionale degli ordini dei medici (Fnomceo),

11.50 – Secondo il conteggio effettuato dall’AFP il numero dei morti per coronavirus in Europa ha superato le 110mila unità

11.35 – Il ministro dello Sport Spadafora ha risposto al question time in Senato: “Oggi incontrerò il mondo del calcio. Valuteremo cosa aprire e come. Gradualmente potremo aprire agli allenamenti, sui campionati valuteremo con il comitato scientifico e la Protezione civile”. (QUI le dichiarazioni complete)

11.11 – Ha parlato il presidente del CONI Malagò dicendo: “Mai detto che il calcio non debba ripartire, solo un folle non penserebbe alla ripartenza”. (QUI i dettagli)

10.22 – La Federcalcio olandese “non intende continuare” la stagione della Eredivisie, dopo che il governo nazionale ha esteso il divieto di eventi importanti fino al primo settembre a causa del coronavirus. In questo momento Ajax e AZ Alkmaar sono in testa al massimo campionato dopo 26 partite, con l’Ajax in vantaggio per differenza reti. La Knvb in una nota ha dichiarato l’intenzione di “non continuare a giocare la competizione 2019-’20”, aggiungendo che però consulterà l’Uefa prima di prendere una decisione definitiva. Se la Federcalcio olandese “non ha ancora annullato definitivamente le competizioni – spiega ancora la nota – è a causa delle difficoltà finanziarie nel settore del calcio, dovute alla crisi scatenata dalla pandemia”. I club della Eredivisie si incontreranno venerdì “per discutere le conseguenze” della decisione, mentre i campi di allenamento riapriranno “a condizioni rigorose” in modo che i giocatori possano riprendere a lavorare.

9.35 – Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato uno stop all’immigrazione di 60 giorni, riguardante l’emissione delle green card, per salvaguardare i posti di lavoro nel paese alle prese con l’emergenza coronavirus. “Per proteggere i lavoratori americani emetterò uno sospensione temporanea dell’immigrazione negli Usa”, ha dichiarato Trump in un briefing alla Casa Bianca.

9.33 – Intervistato dal Corriere della Sera, il governatore lombardo Attilio Fontana riflette così: “mi contesteranno tutto, ma io sono in pace con la coscienza. E ricordiamoci in quali condizioni sono state prese certe decisioni…”.

9.30 – Ci si prepara alla Fase 2 dal 4 maggio: i divieti di spostamento saranno allentati ma per contenere il contagio da Coronavirus in alcuni casi particolari la distanza di sicurezza potrebbe essere ampliata fino a due metri, o almeno è questa la proposta in discussione tra gli esponenti del Governo. Il permesso di andare extra regione dipenderà invece dall’andamento del contagio e dalle ordinanze che saranno emesse dai governatori. Chi ha più di 70 anni e patologie avrà limitazioni, così come i ragazzi che non potranno incontrarsi se sono più di due, tre al massimo. Il ministro della salute Roberto Speranza è orientato a ribadire la misura di un metro, raccomandata dall’Oms, per fare la fila davanti ai negozi e in tutte le situazioni normali. Negli spazi chiusi dove c’è il rischio di sovraffollamento – per esempio i grandi magazzini – il distanziamento potrebbe essere invece il doppio di quello attuale.

Bentrovati amici di Toro News: in questo articolo troverete tutti gli aggiornamenti, minuto per minuto, sulla situazione Covid-19 e sulle sue ripercussioni per il mondo sportivo e non solo. Lo sport è stato fermato in tutta Europa, con svariati campionati di diverse discipline che negli scorsi giorni sono stati interrotti fino a data da destinarsi. Già rinviati anche Euro 2020 e le Olimpiadi di Tokyo 2020.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy