Doping nel ciclismo femminile

Doping nel ciclismo femminile

Le pesanti rivelazioni della sig.ra Grandi nel servizio di Striscia la Notizia hanno scatenato la pronta reazione del mondo del ciclismo. L’ex dirigente di una squadra professionistica aveva denunciato, in un servizio di Max Laudadio, la preoccupante presenza del doping nel mondo delle due ruote femminile.

La Federazione Ciclistica Italiana, in persona del suo Presidente, preso atto della gravità delle affermazioni rese…

di Redazione Toro News

Le pesanti rivelazioni della sig.ra Grandi nel servizio di Striscia la Notizia hanno scatenato la pronta reazione del mondo del ciclismo. L’ex dirigente di una squadra professionistica aveva denunciato, in un servizio di Max Laudadio, la preoccupante presenza del doping nel mondo delle due ruote femminile.

La Federazione Ciclistica Italiana, in persona del suo Presidente, preso atto della gravità delle affermazioni rese dalla signora Grandi, intervistata nella trasmissione Striscia la Notizia del 22 aprile 2011 e tenuto conto del fatto che la stessa ha dato indicazioni di essere direttamente a conoscenza di gravi fatti riguardanti l’uso e l’induzione all’uso di sostanze dopanti nel mondo del ciclismo femminile, ha presentato denunzia querela alle Autorità Giudiziarie, con richiesta di immediati accertamenti affinché siano disposte indagini per accertare se quanto dichiarato nell’intervista corrisponda al vero e identificare i soggetti coinvolti nei denunziati fenomeni di doping, promuovendo immediata azione penale nei confronti di quest’ultimi, azione nella quale la FCI si costituirà parte civile.

La Grandi, in qualità di persona informata sui fatti, è stata convocata ad un’audizione dal Procuratore Federale, l’avvocato Gianluca Santilli in data 12 maggio 2011 ore 11.00 presso la sede della Federazione Ciclistica Italiana a Roma.

L’esclusiva inchiesta sul doping di Toronews, che in settimana si chiuderà con la 5a puntata, resta tristemente molto attuale.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy