Tebas (pres. Liga): “Il calcio non è più pericoloso di lavorare in una catena di montaggio”

Le parole / Il numero uno della federazione calcistica spagnola spiega perché non ha alcuna intenzione di fermare definitivamente il campionato

di Redazione Toro News

Javier Tebas, presidente della Liga spagnola, dopo la notizia dello stop del campionato francese è intervenuto sull’argomento: “Non capisco perché ci sarebbero più pericoli nel giocare a calcio a porte chiuse, con tutte le misure di precauzione, che nel lavoro in una catena di montaggio, o nello stare su un peschereccio in alto mare“. Queste le sue parole riportate dall’ANSA.

Spadafora: “Prudenza unico modo per provare a ripartire, altrimenti faremo come la Francia”

ASPETTO ECONOMICO – Dopodiché Tebas continua parlando del danno economico che colpirebbe il mondo del calcio: “Se a importanti settori dell’economia non fosse data la possibilità di ripartire, in una modalità sicura e controllata, potrebbero scomparire“. Per poi continuare: “Questo potrebbe succedere al calcio professionistico. In altri paesi le squadre sono pronte ad allenarsi, questo è l’esempio da seguire. In Spagna il calcio è un fattore economico trainante che abbiamo bisogno di riattivare come molti altri. Noi continuiamo a concentrarci su questa riattivazione il prima possibile, in una maniera responsabile e aderendo a tutte le raccomandazioni sanitarie”.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. RugbyGranata - 6 mesi fa

    fategli un disegnino

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy