Toro contro il Genoa tre perle per la vittoria della salvezza

L’ Analisi di Gino Strippoli / I gol che non ti aspetti di Bremer e Lukic, poi l’eurogol di Belotti

di Gino Strippoli

La salvezza doveva passare dalla partita contro il Genoa e il Toro non si è fatto attendere sebbene nei primi 25 minuti del primo tempo i grifoni allenati da Nicola hanno messo in seria difficoltà i granata. L’approccio dei granata non è stato sicuramente dei migliori con un centrocampo disorientato da Schone che si è tolto subito dalla marcatura di Meité, stessa cosa per Behrami con Rincon. Il Toro in quei minuti è sembrato inesistente, nonostante tutto il Genoa non ha mai creato grossi pericoli. Poi il primo brivido vero creato dal Toro al 21′ con Bremer che di testa ha raccolto un angolo ben battuto ma sprecato, solo soletto, mandando la palla fuori. È solo il preambolo per il primo gol granata per lo stesso brasiliano, infatti al 31′ su un preciso schema su calcio d’angolo (perfetto il treno formato da 5 granata che disorienta gli avversari) il numero 36 granata incoccia bene di testa e trafigge Perin. Da questo momento in poi la partita cambia anche se il Genoa tenterà una reazione fermata da un grande Sirigu che parerà tutto e di più. Inoltre i centrocampisti granata hanno trovato poi le misure sugli avversari con Belotti da centrocampista aggiunto che allargava gli spazi per Zaza e Verdi.

LEGGI ANCHE: Le pagelle di Torino-Genoa 3-0: Belotti degno di accostare Ossola e Gabetto

Nel secondo tempo ci sarà un altro tentativo dei rossoblu ma Sirigu murerà Pinamonti e Sanabria. Un solo gol di scarto non da certezza di vittoria e allora Longo azzeccherà i cambi soprattutto mettendo Lukic al posto di Verdi. Proprio il giovane serbo ricambierà la fiducia con il gol stilisticamente perfetto dopo un bel recupero di Belotti con assist finale. Poi proprio il Gallo deciderà di regalarsi un eurogol stupendo mettendo fine alla partita e alla salvezza del Torino. Non è stata sicuramente una partita facile e il Toro ha trovato inizialmente molte difficoltà ma la volontà e la voglia di vincere ha portato tutta la squadra a vincere questa sfida. Il gol di Bremer ha spezzato l’equilibrio della partita e poi il crescendo dei granata è stato progressivo con la ciliegina del Gallo. Già Belotti è stato – oltre il timbro del suo sedicesimo gol in campionato -il giocatore tuttofare, l’uomo squadra, bravo nella fase difensiva, ottimo a centrocampo e grande in attacco. Non si possono di certo dimenticare le parate di Sirigu. Su tutti Moreno Longo. Questa è una sua vittoria e lo schema su calcio d’angolo con il gol di Bremer è farina del suo sacco. Questo allenatore sta raggiungendo il suo obiettivo ovvero salvare il Toro e lo sta facendo bene.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. altoro - 3 mesi fa

    Prestazione assolutamente monumentale del “Gallo” Belotti per tecnica, coraggio e dedizione alla causa. Personalmente non individuo un aggettivo migliore per celebrare la prestazione del grande Capitano offerta ieri sera contro il Genoa. Attualmente egli gode di una perfetta condizione psico-fisica e infatti pare tornato al livello stratosferico di rendimento ossia assolutamente spettacolare per qualità tecnica e carica agonistica della stagione 2016/17 ossia tre anni fa, quando realizzò 26 reti , al termine di quel memorabile campionato. Soltanto un brutto infortunio, accaduto nella successiva stagione durante il mese di Ottobre 2017, ha inevitabilmente condizionato le sue prestazioni durante le successive stagioni.
    Adesso la condizione fisica è finalmente tornata al top e pertanto ritengo che in particolare grazie a lui e al solito portiere “San” Sirigu che la squadra granata, guidata dall’eccellente tecnico “Cuore Toro” Moreno Longo, da ieri sera pone una ipoteca sull’agognata salvezza a cinque giornate dal termine di questo tormentatissimo campionato. Alè TORO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. MASSIMO64 - 3 mesi fa

    E’ proprio vero,le vittorie riescono come per incanto ad oscurare i grossi limiti di gioco che abbiamo.Vinciamo le partite con le deboli, ma non facciamo mezzo punto quando partiamo sfavoriti.Comunque Belotti da urlo. Forza Toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy