Baselli, voto 6: incostante ma prezioso, la sua è un’altra stagione in crescendo

Il Pagellone / Rimandata ancora l’esplosione definitiva, ma se messo in condizione mostra di essere un perno di questo Torino: qualità e “inaspettata” quantità

di Federico Bosio, @fedebosio19

Fine della stagione, tempo di bilanci: è il momento del tradizionale pagellone di fine anno. Giudicheremo l’annata di ogni giocatore del Torino tenendo conto del rendimento in campo, delle aspettative e del contesto intorno a lui. Per i lettori è sempre a disposizione lo spazio dei commenti per “giudicare” i nostri giudizi.


Le aspettative erano numerose ed elevate, e non si può dire che siano state rispettate appieno; dall’altra parte, un sacrificio troppo spesso sottostimato ed una qualità cristallina emersa ancora una volta solamente a tratti ma di certo impossibile da ignorare: la stagione di Daniele Baselli si è tinta di qualsiasi possibile tonalità, su un’agrodolce montagna russa. Dall’infortunio iniziale al rientro condito da una grande marcatura personale, dalle partite in apnea – forse anche perchè penalizzato dallo schieramento tattico – ad un finale in crescita e nuovamente disputato da leader, dall’espulsione rimediata nella stracittadina d’andata alle sorprendenti statistiche relativa all’energia ed alla grinta spese sul terreno di gioco. Ma andiamo con ordine.

Il finale della passata stagione, quando il centrocampista aveva finalmente trovato continuità nelle prestazioni offerte, aveva fatto ben sperare in previsione dell’annata appena terminata in termini di “salto di qualità”: questo campionato aveva tutte le carte in regola per coincidere con quello della definitiva esplosione, che a bocce ferme e valutando l’annata nel complesso è stata invece – ancora – rimandata. Che la mezzala sia una delle pedine dotate di maggiore caratura tecnica all’interno della rosa granata non può essere messo in discussione, ma altrettanto indubbio è il fatto che la decisiva maturazione non sia ancora stata raggiunta per via della poca continuità di prestazioni sul terreno di gioco: insomma, Baselli ha talento e anche parecchio ma – come aveva già sottolineato anche Mihajlovic allenandolo – deve ancora lavorare, probabilmente dal punto di vista psicologico, per riuscire a completare la metamorfosi e diventare un giocatore di livello superiore a tutti gli effetti.

LEGGI: Genoa-Torino 1-2, Baselli: “Ho un contratto lungo, salvo novità eclatanti resto”

Una trasformazione comunque già intrapresa da tempo, che ha portato il centrocampista ad essere uno di quei giocatori che – in maniera forse troppo silenziosa – danno davvero tutto sul campo per la maglia che indossano: dal punto di vista della grinta e dell’agonismo Baselli è, già in questo momento, un elemento completamente evoluto rispetto al suo approdo in granata. Senza dimenticare il primato nella speciale classifica dei maggiori macinatori di chilometri: la distanza media percorsa a partita nell’ultima stagione dalla mezzala ammonta a 10.849 km, più di qualsiasi altro granata. Un’altra annata in chiaroscuro dunque, cominciata con ben altre aspettative, e conclusa come quella precedente con un crescendo di prestazioni e di appuntamenti con il gol nella parte finale.

Under 21, l’Italia cerca riscatto in Francia: Bonifazi spera in una chance

Niente di nuovo quindi? Non proprio: resta infatti evidente che quando messo in condizione di esprimersi al meglio (e questo è accaduto in particolare sotto la guida Mazzarri, poichè il 4-2-3-1 utilizzato precedentemente rischiava forse di penalizzarlo e di farlo giocare spesso “in apnea”) Baselli ha dato risposte positive. La convocazione in Nazionale maggiore da parte di Mancini non è un caso, così come un caso non è che il tecnico granata subentrato a gennaio sia determinato a ripartire anche da lui per il suo nuovo Torino, e che la società non abbia l’intenzione di privarsi di un profilo del suo calibro. Nella speranza che la prossima sia, davvero, la stagione della definitiva consacrazione.

LE STATISTICHE DELLA STAGIONE 2017-18 DI BASELLI

 # CAMPIONATO COPPA ITALIA
Presenze 32 2
Minuti giocati 2656′ 143′
Gol  4 0
Assist 2 0
Cartellini gialli 12 0
Cartellini rossi 1 0
VOTO 6
3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. prawn - 3 anni fa

    Vabbe’ non lo venderei come leggo sotto, di fatto nessuno poteva reggere gli schemi stupidi di miha al centrocampo (o la mancanza di tali schemi… o la matematica scelta di essere matemamaticamente inferiori nei numeri all’avversario…)

    pero’ baselli fa crescita tutti gli anni, ma partire una buona volta da dove era arrivato l’anno scorso?

    cosa faremo con sti pagelloni sei politico e qualche 8 a quelli veramente sopra le righe (Iago/Sirigu/N’Kolou)?

    O diamo poi la colpa al gallo o a miha? o a sadiq?

    Vabbe’ sono numeri che lasciano il tempo che trovano, i numeri veri sono IL BILANCIO e i PUNTI IN CLASSIFICA

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. daunavitagranata51 - 3 anni fa

    Baselli; la sua una stagione in crescendo. ma perfavore, speriavo venga venduto assieme a Rincon

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Marino - 3 anni fa

    Ad oggi dalle pagelle siamo su una media del 6.5/7. Strano che non siamo arrivati secondi o terzi. Ah già dimenticavo che il vostro padrone deve vendere… ma non trova mica i polli come qui sopra

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy