Belotti torna a parlare: “La Nazionale, la clausola, l’Europa col Toro e…”

Le parole / Il capitano granata al Corriere della Sera di Torino: “Quando giocherò la Champions? L’Atalanta ci ha insegnato che è possibile sognarla”

di Redazione Toro News

Torna a cantare il Gallo Belotti. A quasi sei mesi dall’ultima occasione, il centravanti e capitano granata è tornato a concedere un’intervista e lo ha fatto per un’occasione speciale, l’uscita del primo numero del Corriere della Sera di Torino, che esordisce quest’oggi in edicola. Tanti i temi toccati dal capitano granata in un momento per lui molto delicato, tra l’eliminazione dai Mondiali con l’Italia, il pesante rigore sbagliato con il Chievo e Milan-Torino all’orizzonte. Ecco alcuni stralci dell’intervista firmata da Giampiero Timossi: “Il calcio italiano può rinascere se dimostreremo di essere tutti uniti. Ho pianto con la Svezia, ma non ho perso gli stimoli: ora sono concentrato sul campionato, con il Toro dobbiamo raggiungere l’Europa League. La clausola da 100 milioni? Ho già detto che non è un peso, così come il fatto di non segnare da due mesi. Sono rimasto un mese fermo per infortunio… Il gol non è un’ossessione”.

Sul suo silenzio prolungato: “Non è che ce l’avessi con qualcuno, ma ero arrivato ad un punto in cui da tutta Italia mi cercavano: giornali, riviste, trasmissioni, premi. Allora ho chiesto alla società di potermi concentrare solo sulla mia attività di calciatore”.

Pungolato sul suo futuro, il Gallo si esprime così: “Quando giocherò la Champions? L’Atalanta ci ha insegnato che non è impossibile sognarla. Ora pensiamo all’Europa League, in futuro chissà. I rigori? Non ho mai detto di voler smettere di tirarli. Ora c’è il Milan a San Siro, sarà dura. Hanno avuto qualche difficoltà, ma quando inserisci tanti giocatori è normale”.

13 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. fabio.tesei6_854 - 3 anni fa

    Lo detto anche ieri è un calciatore che emoziona, lo dimostra il fatto che anche i tifosi delle altre squadre che conosco ne parlano bene, forse perché non è il solito divo. Ma incarna il vero calciatore che purtroppo oggi non esiste più. Tranne il nostro gallo. Non so quanto possa rimanere con noi. Ma tiferò sempre per il suo bene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. valex - 3 anni fa

      Ben detto. Io sarò un suo tifoso sempre, qualunque squadra lo prenderà in futuro (tranne una, naturalmente)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ottobre1955 - 3 anni fa

    Penso che il Gallo abbia affrettato il rientro per problemi del Toro e della Nazionale. Solo questo fatto da lo spessore dell’uomo prima del calciatore. Se fosse un egoista non avrebbe affrettato il rientro, avrebbe pensato alla sua cariera e stop.Pur non brillano e sbagliando parecchio ha fatto recuperi e aiutato la squadra acentrocampo e in difesa. È un vero giocatore da Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FVCG-70 - 3 anni fa

      La grinta non manca mai!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. valex - 3 anni fa

        Se Niang prendesse esempio da lui…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Athletic - 3 anni fa

    Ma nessuno ha notato il colpo da maestro? Belotti non parla da mesi, niente dichiarazioni, niente interviste, nemmeno due parole su instagram. Tutti ansiosi di sapere quello che pensa Belotti. E quando finalmente decide di rilasciare un’intervista? Alla prima uscita dell’edizione torinese del corriere della sera. Cairo top

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granat....iere di Sardegna - 3 anni fa

      A dimostrazione che il gallo è in perfetta sinergia col presidente, altrimenti non avrebbe rilasciato nessuna intervista….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. WGranata76 - 3 anni fa

      Sempre detto che come imprenditore è ottimo. Un vero colpo di astuzia mediatica…
      Ora che seguano i fatti a parole così concrete. Di partita in partita la forma migliorerà e ci auspichiamo che con il 4-3-3 torni a segnare di più.
      Ricordo che l’hanno scorso molti mettevano in dubbio chi analizzava la stagione senza i gol di Belotti in modo negativo, ebbene mi sembra che quest’anno si capisca bene il dubbio dell’anno scorso.
      Senza i gol del Gallo l’anno scorso avremmo rischiato la retrocessione e oggi non andremo in europa, perciò forza Gallo e FVCG!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Athletic - 3 anni fa

    Ma nessuno ha notato il colpo da maestro? Belotti non parla da mesi, niente dichiarazioni, niente interviste, nemmeno due parole su instagram. Tutti ansiosi di sapere quello che pensa Belotti. E quando finalmente rilascia un’intervista? Alla prim

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. PrivilegioGranata - 3 anni fa

    “Il silenzio di un Capitano assente”, ahahahah!!!
    Il Gallo ha parlato, ha detto cose semplici e abbastanza ovvie, ma l’umore sembra buono. Quello che importa è che timbri con maggior regolarità, e pace se non saranno tutte reti meravigliose come quella contro il sassuolo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Granat....iere di Sardegna - 3 anni fa

    Oooh saranno contenti ora i giornalisti?…speriamo canti anche in campo, l unica cosa che conta

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. granatissimo - 3 anni fa

      …Si ma che non mi tocchi ancora leggere commenti negativi sul ragazzo anche qui e/o che qualcuno, ed è successo, metta in discussione le qualità del giocatore! Il “4,5” che qualche testata gli ha rifilato per la pessima prestazione di domenica scorsa ci sta anche considerando tutte le attenuanti del caso ma…Limitiamoci a quello e piuttosto aspettiamolo, coccoliamocelo e teniamocelo stretto! Dichiarazioni come le sue, ovvero che tradotto in soldini la Champions la si può anche “sognare” rimanendo nel Toro andrebbero salvaguardate come “reliquie preziose”, comunque merce rara di ‘sti tempacci oltre che essere foriere di una ventata di ottimismo che per tifosi storicamente depressi come noi sono oro colato!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granat....iere di Sardegna - 3 anni fa

        I voti bassi secondo me non erano solo frutto di un’analisi calcistica…mi pare che ultimamente fosse prevalente un certo fastidio “giornalistico” per il suo silenzio, perché soprattutto in Italia alcuni giornalisti (non tutti) confondono il diritto/dovere all’informazione con il (presunto) diritto a conoscere sempre e comunque il pensiero di chi non ha nessuna voglia di esternarlo, magari per ricamarci un po’ di gossip che fa tanta audience…è purtroppo una deformazione della professione per cui se non parli ai giornalisti rischi di prendere un brutto voto…come ha ampiamente chiarito era proprio questo il motivo del silenzio: una eccessiva esposizione mediatica ed una eccessiva morbosità giornalistica, ora ha parlato magari prende qualche voto in più eh eh eh

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy