Torino, che Berenguer a Verona! Lo spagnolo in trasferta si trasforma

Torino, che Berenguer a Verona! Lo spagnolo in trasferta si trasforma

Focus on / I quattro gol siglati dallo spagnolo sono stati effettuati fuori dalle mura amiche

di Marco De Rito, @marcoderito
Berenguer

Alex Berenguer si riscopre un giocatore decisivo per il Torino. Contro l’Hellas Verona lo spagnolo è stato il valore aggiunto dei granata sino al 29′ della ripresa, quando è stato sostituito da Andrea Belotti e il risultato era ancora sorridente alla banda Mazzarri (1-3). L’immagine principale del match dell’ex Osasuna è stato senza dubbio il gol del provvisorio 2-0, il quarto stagionale. Un po’ di fortuna nel vincere il rimpallo con Rrhamani, ma poi una bellissima pennellata di destro sul secondo palo che ha mandato in visibilio il Torino. In generale Berenguer ha dato fantasia e brio alla manovra offensiva del Toro e lo confermando anche i numeri del suo match che riporta whoscored.com.

LE STATISTICHE – Oltre al gol del momentaneo 0-2, l’ex Osasuna si è contraddistinto per i dribbling. Ben 7 dribbling riusciti: migliore di tutti i giocatori in campo delle due squadre, al secondo posto c’è Verdi con 4. Due tiri effettuati ed entrambi hanno centrato lo specchio della porta, di cui uno ha trafitto Marco Silvestri e l’altro è stato però un pesante errore sottoporta, quello del quinto minuto di gioco quando il navarro, pur liberatosi benissimo in area, ha tirato molle e centrale. Due anche i suoi passaggi chiave, solo Simone Zaza ha fatto meglio (3). Ha avuto anche una buona percentuale di realizzazione dei passaggi (76%) e solo un pallone perso. Statistiche che risaltano la sua prestazione. Quando ha la palla tra i piedi è difficile toglierla e spesso dai suoi piedi nascono insidie per le difese avversarie. Insomma, Berenguer ha dimostrato di aver la qualità giusta per giocare da trequartista del 3-4-2-1.

La moviola di Verona-Torino 3-3: molti dubbi sul rigore fischiato a Bremer

LA PRESSIONE IN CASA – La grande prestazione di Berenguer è arrivata dopo una prova decisamente sottotono, quella tra le mura amiche contro la Fiorentina. Su questo tema ha riflettuto anche Walter Mazzarri nella conferenza del post-partita.“Voglio chiedervi una cosa, perché Alex fa meglio in trasferta? Perché in casa soffre più la pressione, forse…”. Una riflessione che il tecnico ha effettuato ad alta voce, insieme ai giornalisti presenti a Verona e conferma un’impressione che si è avuto in questo campionato. Impressione confermata anche dai dati. Berenguer ha infatti segnato quest’anno quattro gol tutti in trasferta: uno a Parma con l’Atalanta, due a Brescia, uno a Verona. Quando invece gioca a Torino, Berenguer non riesce a incidere, sbagliando spesso la misura delle giocate. Il lavoro che deve fare l’allenatore granata dunque non è solo tattico, ma anche psicologico: il navarro deve riuscire a liberarsi dal peso della pressione e prendersi rischi in campo anche a Torino, esattamente come fuori casa.

 

13 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Bischero - 7 mesi fa

    Berenguer é una buona riserva con dei limiti fisici caratteriali e tecnici. Giustamente ora gioca perché manca Iago essendo superiore a parigini e più esperto di edera. Sarà prezioso nelle rotazioni. Ma é impensabili che un giocatore così sia titolare in una squadra che ambisce alle prime 7 posizioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Opi - 7 mesi fa

      ….. infatti noi non aspiriamo alle prime 7 posizioni
      Eventualmente aspiriamo a prendere il posto di quallche squadra che non può partecipare allecoppe per problemi finanziari

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Andreas - 7 mesi fa

    Speriamo si continui con il 3-4-2-1. Un trittico avanzato Verdi Gallo Iago con riserve Berenguer Zaza Edera/parigini direi che è ottimo x noi. Bravo Alex !!! Con la pochezza di centrocampo è inutile continuare con il 3-5-2. Ed io continuo ad aspettare la miglior forma di Verdi e Iago!!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Héctor Belascoarán - 7 mesi fa

      Il problema e che i vari Millico, Edera e Parigini, che dovrebbero essere quelle riserve adite a dar fiato ai titolari, Mazzarri non li vede proprio… piuttosto mette un incontrista in più (anche fuori ruolo).

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. r.ponzon_13686323 - 7 mesi fa

    Ho letto uno scambio di battute tra “il grande Policano” e “ Max72”: chapeaux, !
    Pur mantenendo le posizioni I si sono confrontati civilmente . Sarebbe bello fossimo tutti capaci di fare così. Io ovviamente per primo.
    Perché alla fine siamo tutti qua per la passione che ci unisce, il Toro; non dimentichiamocelo
    Forza TORO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. r.ponzon_13686323 - 7 mesi fa

    Come detto più volte, Berenguer è un buon giocatore; forse è vero che non è quello che ci fa fare il salto di qualità, ma è sicuramente meglio dei nostri giovani tanto amati Parigini e Edera. Quindi direi che è uno che in questo Toro ci può stare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Andreas - 7 mesi fa

      Certo!! Forza Alex !!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Simone - 7 mesi fa

    Peccato che il “genio” l’abbia inspiegabilmente sostituito

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Héctor Belascoarán - 7 mesi fa

      quelli che ti danno meno si chiedono ancora come è possibile che il Verona abbia preso campo…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Simone - 7 mesi fa

        Non mi sono mai preoccupato né dei più che dei meno.
        Se non sei in grado di articolare un pensiero (qualunque esso sia) non mi interessa

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. ottobre1955 - 7 mesi fa

    Non ho mai conosciuto un calcitore che ha paura di giocre in casa. Ho sempre saputo che le squadrette sono forti in casa e fuori casa fanno catenaccio e non mettono mai la testa fuori dalla propria metacampo. Ciò premesso, mi pare che Berenguer sia un giocatore dotato di una tecnicnica sopraffin, bravo nel saltare l’avversario, di norma va in forma presto perchè è leggerrino. Io penso che Beleguer si un ottimo giocatarore di u a rosa di 20 gocatori, non ti fa fare il salto d qualità perchè difetta di personalità, non si spiega altrimeti la pessima partita contro la Fiorentina che, seppur in crisi quando ha innestato la marcia ha fatto vedere di essere una squadra. Ieri purtroppo per noi sul 3 a O per noi hanno considerato la partita chiusa, subendo una rimonta perchè non siamo capaci di gestire le partite, addormentare il gioco? Nascondere la palla? Far passare i minuti con il palleggio e la pressione sui portatori di palla avversari? Insomma abbiamo anticipato la befana. Per Berenguer è sicuramente un buon giocatore ma non mi pare che possa farti fre il famoso saltom di qualità.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. TOROPERDUTO - 7 mesi fa

    Ancora?
    Ma veramente continuiamo con sta buffonata che gioca meglio in trasferta che fuori perché in casa ha paura?
    Ma basta con ste cazzate io fossi in lui sarei parecchio incazzato di sentire ste puttanate

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Opi - 7 mesi fa

      Allora, Tanto per rinfrescare la memoria ai più anziani che leggono, la stessa cosa si diceva anche di Pulici, in trasferta non gioca come in casa e ‘ timido eccetera eccetera e stiamo parlando diPulici ok?
      Questo tanto per rimarcare la nostra atavica propensione a martellarci i coglioni!
      Berenguer è un Buon giocatore con un discreto tasso tecnico non supportato da un fisico strutturato che in altri contesti avrebbero già provveduto ad aumentare …… chi vuole intendere intenda…. gli altri in roulotte!
      E comunque fatelo giocare in una squadra un po’ più votata al gioco offensivo poi ne riparliamo!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy