Cairo: “Museo del Torino al Filadelfia? Sono pronto a fare la mia parte”

News / Il presidente granata ha rilasciato una breve intervista a Tuttosport: “Sono totalmente d’accordo sul fatto che la Fondazione proceda per ultimare al meglio il progetto Filadelfia”

di Redazione Toro News

Il presidente del Torino Urbano Cairo ha rilasciato alcune dichiarazioni a Tuttosport in merito alla realizzazione del nuovo Museo del Grande Torino e della Leggenda Granata che dovrebbe sorgere al Filadelfia, tra via Bruno e il campo principale di allenamento della squadra granata: “A scanso di equivoci, vi garantisco che è assolutamente mio desiderio realizzare al più presto il Museo e completare l’intero progetto Filadelfia. Sono pronto a fare la mia parte – dice il patron granata – , valutandone le modalità pratiche, come ad esempio l’accensione di un mutuo. Questo è l’ultimo miglio da percorrere in fretta: sono totalmente d’accordo sul fatto che la Fondazione proceda per ultimare al meglio il progetto Filadelfia. Non ho mai cambiato idea“.

LEGGI ANCHENicola: tra presente e voglia di rivalsa. Ma niente polemiche alla vigilia

Nei giorni scorsi – sempre tra le pagine del quotidiano torinese – l’assessore regionale allo Sport, Ricca, aveva dichiarato: “Da oltre un anno rivolgo un appello a Cairo affinché si sieda a un tavolo per ultimare al più presto il Fila. E ribadisco che, come Regione, siamo pronti a dare un contributo economico per il Museo“. Il presidente Cairo ha risposto anche all’assessore: “In attesa di entrare nei dettagli nelle sedi opportune, rispondo all’appello dell’assessore regionale Ricca: che mi contatti e molto volentieri gli parlerò, per il fine comune che abbiamo“.

31 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. SIMOLINCE - 3 settimane fa

    Già quando vedo un titolo di un articolo che presuppone una spesa per le sue tasche, nemmeno lo leggo. So che è una falsa promessa e quindi mi limito a ricordare a lui che deve stare zitto e vendere la società.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. granatadellabassa - 3 settimane fa

    E il Robaldo? Ci stanno tenendo fermi da alcuni anni ma Cairo non protesta. Forse gli fa gioco il non poter avviare i lavori? Un presidente normale avrebbe già fatto fuoco e fiamme.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Prawda - 3 settimane fa

    Non sono d’accordo. Il Filadelfia o meglio i due campi di allenamento dove una volta sorgeva lo stadio Filadelfia è stato costruito grazie ai contributi che hanno messo Comune e Regione, con quelli di Cairo a malapena si sono pagati i tendoni oscuranti. Che poi la Regione lo faccia facendosi carico di un mutuo o mettendoli in contanti non cambia nulla, la Fondazione quei milioni li ha ricevuti; come è vero che gli oneri di urbanizzazione sono stati vincolati alla ricostruzione del Filadelfia ma è stata una scelta che ha significato comunque un investimento da parte del Comune di somme che altrimenti sarebbero stati usati per altro, mentre dal fallimento Cimminelli non è arrivato nulla per un errore formale.
    Già proprio il Comune commise un errore quando il fallimento Cimminelli fu rilevato e la conseguenza è stata di non aver incassato nulla; ah giusto per curiosità chi ha rilevato il fallimento ed ha beneficiato dell’errore sollevando la questione in sede giudiziaria è stato il gruppo Fiat. Infine non va dimenticato che Cairo pagava per l’affitto della Sisport una cifra più alta per avere una struttura più vecchia, più piccola e non disponibile 24 ore su 24; quindi il paragone con l’appartamento non centra nulla perché l’inizio dovrebbe essere quello di passare da un camera e cucina ad uno di salone due camere e cucina avendo anche diminuito il canone di locazione. Sempre senza dimenticare che quando il liquidatore fallimentare offrì a Cairo di prendere anche il Filadelfia oltre al titolo sportivo, il magnifico presidente rifiutò. Quindi eccepire oggi una mancata proprietà quando è stata rifiutata in passato è privo di logica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Anonymus - 3 settimane fa

      Che Cairo abbia sbagliato a non prendere anche il fila non c’è ombra di dubbio. mentre sbagli sui soldi del comune, quelli non sono mai stati del comune ma prima del toro di Ciminelli e poi del fila.E’ una questione tecnica, se io ho un area non edificabile e un altra edificabile, spostando la possibilita di cubatura da un area all’altra chi costruisce è come se costruisse sull’altra area, quindi tutti gli introiti sono del proprietario dell’area. E visto che l’accordo era fatto da Ciminelli i soldi erano di Ciminelli, e non del comune. Sull’affitto cosa cavolo centra quello che uno pagava prima???? io posso pagare un ffitto di 100 per un rudere o di 10 per una villa con piscina. Ma se affitto una casa nuova è assurdo che mi si facciano pagare i lavori di ampliamento e poi mi si aumenti l’affitto, senza contare che oltre all’affitto il Toro paga anche tutte le spese sia quelle di manutenzione ordinaria che straordinaria cosa che in un normale cotratto di affitto le spese di manutenzione straordinaria sono a carico del proprietario. Se fosse una cosa equa dovrebbe esserci un affitto a riscatto. In poche parole l’unico ente pubblico che ha tirato fuori i soldi è stata la regione, i restanti soldi li hanno messi i tifosi o Cairo o il toro pagando l’affitto. Quindi da tifoso del Torop e fregandomene di cio che fa Cairo con tutte le sue cazzate. Io penso che il toro, indipendentemente da chi è il presidente, paga l’affitto fino al termine dei lavori, una volta finiti, si paga ancora l’affitto fino al raggiungimento dei 3 milioni che vengono restituiti alla regione e a quel punto il Fila è di proprietà del Toro. In qualsiasi altro caso resto dell’idea che sia una truffa a spese del toro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Prawda - 3 settimane fa

        Mi dispiace ma non è cosi. Il Torino di Cimminelli monetizzo’ lo spostamento di cubatura a favore del Bennet ma quei soldi sono andati perduti. Il comune ha infatti utilizzato gli oneri di urbanizzazione vincolando alla ricostruzione del Filadelfia. È ben diverso e presuppone comunque una uscita per il bilancio comunale. Il paragone dell’appartamento l’ha fatta lei, il dato assolutamente anomalo è piuttosto quello che il Torino per una struttura nuova, più ampia e moderna paga un affitto più basso rispetto alla Sisport. Detto questo il contratto prevede che quando la Fondazione realizzerà gli altri due lotti il canone verrà aggiornato, mi pare chiaro che se fosse fatto a carico del Torino non vi sarebbero variazioni. Cairo non fu interessato a rilevarlo dal curatore fallimentare non è certamente interessato adesso. Molto più comodo pagare un piccolo contratto di locazione che fare un investimento, senza contare che nell’attuale situazione giuridica una variazione della proprietà è quasi impossibile. L’unico dato è che Cairo ha messo un importo con cui si sono a malapena pagati i teloni che tra l’altro si sono pure già rotti e non lo definirei certo una truffa: Cairo paga meno di quanto pagava a libero mercato, ne ha avuto semnai un beneficio altro che truffa.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Anonymus - 3 settimane fa

          Mi scusi, Lei continua a parlare di Cairo, non interessa quello che ha fatto Cairo. Quì si parla del Fila e di cosa è utile per il Toro.
          C’è un contratto che stabilisce un affitto che aumenterà al termine dei lavori e tutte le spese di manutenzione sia ordinaria che straordinaria sono a carico del Toro.Quindi non interessa quella che pagava per l’affitto della sisport, però visto che viene tirato in ballo, bisogna anche dire che l’affitto era minore ma le spese di manutenzione straordinaria erano a carico della sisport,quindi ci credo che l’affitto del Fila sia minore, e poi l’impianto Sisport, si può solo dire che è più vecchio del Fila e basta. Per tutti i dipendenti Fiat che l’hanno frequentato, sanno che è decisamente più grande del Fila, infatti è comprensivo di palestra e piscina, più sala ristorante.Poi non capisco perchè continua a citare Cairo e quanto ha versato, non è questo il contendere. Io mi reputo un tifoso del Toro e sono convinto che affittare un impianto a quelle cifre, con a carico tutte le spese di manutenzione ed in più tirare fuori i soldi per proseguire i lavori sia una truffa per il Toro.
          L’esempio dell’appartamento poi calza a pennello Lei affiterrebbe un alloggio nuovo, da terminare, da pagarci tutte le spese di manutenzione oltre alle spese per terminare i lavori anche solo allo stesso affitto di quello vecchio, dove oltre all’affitto non vi era nessun altra spesa??? Inoltre mi fa un po’ incacchiare che un tifoso del Toro sostenga che i soldi del Bennet siano andati persi, come i 20 milioni stanziati da Ciminelli per la ristrutturazione del vecchio Comunale e i lavori eseguiti. Con il fallimento del Toro, il comune si è ritrovato due stadi, diciamo un terreno edificabile ed uno stadio, che grazie al terreno edificabile ha incassato gli oneri di urbanizzazione, e ha si dovuto terminare i lavori del vecchio comunale, ma lavori in parte pagatio dal Torino calcio, che se non li avesse iniziati sarebbero stati tutti a carico del comune che avrebbe comunque dovuto realizzare lo stadio per le olimpiadi.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Prawda - 3 settimane fa

            Potrà farla arrabbiare ma i soldi del fallimento Cimminelli sono andati perduti. Il comune non si è trovato nessun terreno edificabile che era già stato ceduto e solo il vecchio Comunale come stadio visto che anche il Delle Alpi era già stato ceduto. I soldi utilizzati sono derivati da oneri di urbanizzazione. Se il Comune fosse un soggetto privato forse potrebbe anche essere in parte condivisibile quanto lei scrive ma quale soggetto pubblico si è trovato con dei costi non indifferenti per ultimare lo stadio per le Olimpiadi e ne ha avuto unicamente una uscita di cassa. Certo non credo lo avrebbe fatto se avesse previsto il fallimento di Cimminelli. Sul Filadelfia il contratto dice che quando la fondazione realizzerà gli altri due lotti il canone verrà adeguato, non dice certamente che lo sia anche nel caso sia il Torino a sostenere i costi per i lavori. Come le spese ordinarie sono usualmente a carico del conduttore mentre le spese straordinarie in una struttura nuova fanno ridere o lei ha pagato spese straordinarie per un appartamento appena costruito. Infine quando si parla di Torino non si può prescindere dal parlare di Cairo visto che ne ha la proprietà e ne prende le decisioni.

            Mi piace Non mi piace
          2. Anonymus - 3 settimane fa

            Inizio dai costi, è vero che in un appartamento nuovo non vi sono costi di manutenzione straordinaria, ma al fila si. Lo scrive Lei stesso che i teloni sono già rotti, cosa assurda visto che non sono mai stati utilizzati chi paga per ripararli, il rifacimento del campo è sicuramente manutenzione staordinaria, quante volte è già stato rifatto???
            Su Cairo, è vero è l’attuale presidente, ma se domani vende, come mi auguro, la truffa del fila chi se la prende??? Resta sempre al Toro.
            Sui costi per ultimare lo stadio, ripeto, lo stadio doveva essere realizzato a prescindere, quindi il comune ha rilevato uno satdio con lavori già appaltati per circa 20 milioni di euro, un bel risparmio. Poi non voleva spenderli, perchè non fare i giochi al Delle Alpi??? Stadio praticamente nuovo, efficente, con pochissima spesa si poteva utilizzare quello, chissà come mai nessuno ci ha pensato??? Forse perchè era dei Gobbi??? Sull’aggiornamento dell’affitto, anche qui mi ripeto, deve essere aggiornato il canone se i soldi li aggiunge il comune o la regione e basta. Ma se li mette un tifoso come ad esempio Beretta perchè il Torino deve pagare di più di affitto??? Il canone di affitto, secondo me, doveva essere valutato su quanto è costato hai cittadini (comune e regione) Per assurdo se con la sottoscrizione si fossero raccolti i soldi necessari per realizzare completamente lo stadio il Torino avrebbe dovuto pagare da subito un canone più alto. Cioè più io,tifoso, metto soldi per realizzare il Fila più il Torino paga di affitto.Poi resto dell’idea che il comune non ha tirarto fuori un euro, perchè è vero dei soldi di urbanizzazione, ma sono stati incassati perchè sull’area del Fila non fosse più possibile costruire, allora se il comune non metteva i soldi nel Fila avrebbe dovuto ridare all’area del Fila la stessa cubatura preesistente, altrimenti anche quì vi sarebbe una truffa verso il Torino.Cioè io do al toro un area con tot metri di cubatura, questa viene trasferita su un altra area, il toro fallisce l’area del fila resta al toro, ma senza più la cubatura di prima. Faccio notare che il Toro è fallito nel 2005, e se non erro i magazzini Bennet li hanno aperti a fine 2007, quindi si potevano ancorta fermare .

            Mi piace Non mi piace
    2. Anonymus - 3 settimane fa

      Un ultima cosa. Provi a guardare chi ha realizzato, un proprio stadio o un centro di allenamento, nessuno lo ha fatto con le caratteristiche del Fila, come mai ???
      Perchè uno stadio sia conveniente, ci devono essere bar, ristoranti, negozi, altrimenti è solo una spesa, una perdita costante e non una risorsa. Vorrei ricordarle, che il Filadelfia è stato, se non erro, il primo stadio di proprietà in Italia, ed è stto regalato da Calleri al Comune di Torino, senza che nessuno abbia protestato????
      Quando è iniziata la demolizione del Fila, prima di iniziare a demolirlo,con le gru, hanno dovuto tagliare l’armatura interna alle tribune, per poi far vedere le immagini della demolizione. Lo stadio è stato demolito nonostante il vincolo delle belle arti, che gravava soprattutto sulla tribuna in legno, che pure è stata la prima ad essere abbattuta. Invece guarda caso, lo stadio Grande Torino non si è mai potuto abbattere, anche se aveva un vincolo molto meno stretto rispetto al Fila, mentre si è potuto abbatere il DelleAlpi appena costuito, praticamente nuovo. E poi chiedersi come mai i giornali di Torino continuano ad insistere perchè Cairo acquisti lo stadio Olimpico e non dicono mai che è impossibile perchè è ancora gravato da ipoteche per il fallimento di Ciminelli??? Le stesse ipoteche che sono state levate dal Fila, anche se molto più lentamente, rispetto a quelle che erano state messe, dove vi erano, sugli stabilimenti di Ciminelli, che sono stati rilevati dagli Agnelli alla velocitò della luce,

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Prawda - 3 settimane fa

        Mi piacerebbe rispondere a tutti i suoi punti ma purtroppo non ne ho il tempo. Stringendo, il terreno è stato ceduto da Cimminelli alla Bennet, il comune non poteva certo revocare o bloccare una cessione fatta con un atto legittimo. Poi è chiaro che la realizzazione sia stata successiva ma la proprietà era già stata trasferita. Qui non si sta parlando di stadio che Cairo nemmeno è mai stato sfiorato dal pensiero di realizzarlo ma di un centro allenamento; chiaro che rispetto a gran parte di quelli di serie a sia decisamente modesto e piccolo ma guardi quanto è il business plan di quello della Fiorentina per comprendere di che ordine di grandezza si parli. I costi di gestione del Filadelfia non sono eccessivi ed il problema di dover rizollare spesso i due campi è la conseguenza di un uso eccessivo, in poche parole è una struttura piccola per far allenare una squadra di serie a ed addirittura di farci fare anche giocare la primavera. Non credo proprio che se Beretta ci mette dei soldi la fondazione aumenti il canone, a meno che non sia fatto come una sponsorizzazione perché in quel logicamente cambia. Ribadisco che non vedo dove sia la truffa, Cairo non ha voluto acquistarlo, è stato edificato con i soldi messi da comune e regione, mi pare logico che paghi un canone. Anche perché quei soldi sono pubblici e non possono essere usati nell’interesse di un privato. Un saluto granata.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-15014553 - 3 settimane fa

    E allora comprasse il fila ….ma difendiamolo ancora questo signore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. come un pugno chiuso - 3 settimane fa

    facia ‘d tola e contabale, piantala di blaterare a vuoto, ormai non ti crede più nessuno, lo vuoi capire sì o no ? l’unica cosa che devi fare, invece di accendere un mutuo, è di riaccendere le nostre speranze levando le tende del tuo ridicolo circo

    penoso poi, per non dire mortificante, lo scaricabarile fra lui e l’assessore…chiami tu o chiamo io ? ma no, chiama tu … alla fine nessuno chiamò e nessun contributo arrivò

    povero Fila, in qualunque altro Paese che ha a cuore la sua storia saresti stato trattato come un patrimonio nazionale, qui invece si è preferito puntare sull’area fognaria della continassa e affidare la custodia e la valorizzazione della memoria a dei fanfaruch

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Anonymus - 3 settimane fa

    Provo a dire la mia sul Fila, premetto che io ho versato soldi, pochi per carità, alla fondazione per la realizzazione del nuovo Fila.
    Devo dire che ad oggi, probabilmente non verserei più un euro per la il Fila.
    Le mie considerazioni sono queste. Ad oggi gli unici che hanno messo soldi per lòa realizzazione dello stadio è stato Cairo ed i tifosi. Il comune di fatto non ha messo un euro, in quanto i 3 milioni erano quelli ricavati con il famoso supermercato Bennet ed erano quindi del Toro di Ciminelli che essendo fallito quei soldi li ha incassati il comune, la regione ha fatto un mutuo per dare i soldi e ad oggi non ho ancora capito se ha fondo perso o no.Leggendo il contratto per l’affitto del Fila è scritto chiaramente che il Toro deve pagare un affitto , e questo aumenta con l’avanzamento dei lavori. E qui sorgono le questioni. La prima è perchè i tifosi dovrebbero dare dei soldi per fare i lavori che poi farebbero aumentare il canone di affitto??? E ancora peggio, perchè il Toro o Cairo dovrebbero pagare per i lavori per poi farsi aumentare l’affitto??? Da tifoso devo dire che al posto di Cairo io a queste condizioni non avrei versato un euro, oppure avrei cercato di modifoicare il contratto che mi sembra assurdo. Pensate essere in casa d’affitto, c’è da ampliare l’alloggio costruendo 2 camere in più.il propietario vi chiede di pagare voi i lavori e poi una volta fatti vi aumenta l’affitto perchè l’alloggio è più grande rispetto a prima.A me non risulta che nel tempo il Fila diventi proprietà del Torino, quindi perchè i tifosi o la società dovrebbero mettereci dei soldi???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gallochecanta - 3 settimane fa

      Credo che nel 2021, con la situazione economica attuale, richiedere ai cittadini di pagare le tasse per costruire uno stadio mi pare anti storico. Sei una spa? Vuoi lo stadio? Investi! Non ne hai la capacità finanziaria? Vattene.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. rafvallone - 3 settimane fa

      La parte sportiva del Filadelfia è costata sette milioni, sei dei quali sono stati messi da Comune e Regione. Dubito che si possa dire che a metterci i soldi sono stati solo i tifosi e Cairo. Il Toro paga un canone d’affito alla fondazione Filadelfia e quei soldi sono la base per poter realizzare il secondo e terzo lotto, che altrimenti rimarrebbero un miraggio. C’era un altra soluzione per non pagare l’affitto: bastava che il Torino acquistasse il Filadelfia. Con i soldi del Toro, non con quelli di Cairo. Sarebbe costato più o meno quanto Gojak e meno della metà di Niang. Si è deciso di non farlo e così viaggiamo al ritmo di chi aspetta che siano gli altri a metterci i soldi – le istituzioni pubbliche, le fondazioni bancarie. Viaggiamo al tempo di chi guarda l’erba crescere sul campo del Robaldo, di chi aspetta che lo stadio di proprietà piova del cielo. E rimaniamo indietro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Gallochecanta - 3 settimane fa

    Vattene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Nemo - 3 settimane fa

    E quale sarebbe la sua parte? Stare fermo e aspettare che gli regalino le cose? In quanto presidente del Torino dovrebbe prendere l’iniziativa e forzare la situazione. Avrebbe i mezzi per farlo. Invece gioca alle belle statuine. 15 anni di promesse. Ma chi ti crede?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. MartinVasquez - 3 settimane fa

    Venda la società, sparisca, torni a Milano. Ci pensiamo noi dopo a sistemare il Museo al Fila.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. mp63 - 3 settimane fa

    Continuo a credere che se sta zitto ne guadagnano tutti. E lui di guadagni se ne intende.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Mimmo75 #prexit - 3 settimane fa

    È da 15 anni che lo dici: hai mandato Pinocchio dallo psicologo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. zaccarelli - 3 settimane fa

      “Pinocchio dallo psicologo” rende bene l’idea.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Giaguaro 66 - 3 settimane fa

    Cairo svegliaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. fandangogranata - 3 settimane fa

    Ahahahahah, buffone!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. claudio sala 68 - 3 settimane fa

    Cairo non prenderà mai iniziative, sempre a rimorchio di qualcuno oppure qualcosa. Quest’anno però questo suo vivacchiare, sta portando al fallimento non solo sportivo la società. Speriamo in bene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. CUORE GRANATA 44 - 3 settimane fa

    Urbano “folgorato sulla via di Damasco?”In proposito ho molti dubbi…Và detto che negli oltre 15 anni della Sua “Presidenza”,forse mai come quest’anno è in palese difficoltà.I nodi stanno venendo al pettine e purtroppo evidenziano una Società di cartapesta che stà perdendo pezzi a 360°ed allora…Troppe promesse mai mantenute,come può pensare di essere credibile in questo caso? Considera la più parte di noi tifosi dei minus habens? Il tempo di Urbano, a mio parere, è ormai ampiamente scaduto(purtroppo ciò non significa che mollerà l’osso…)e cerca di “rifarsi una,come dire..”verginità”.Il Capitano,comunque vada,giustamente,sempre a mio parere,non rinnoverà(rimarrà però nel ns.cuore granata) ed oltre a Lui vi saranno altre uscite(A\B che sia.Mi verrebbe da dire in riferimento a tale maldestro tentativo fuori tempo massimo per Lui:Urbano fà nò l’bagalon del luster!Ciapa i danè e và a scoà l’mar!Sempre FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. lake - 3 settimane fa

    Qualcuno crede ancora a questo uomo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Tarzan - 3 settimane fa

    Cairo fatti furbo. Sei fuori tempo massimo per tutto. Queste cose dovevi dirle anni fa, ormai suonano – come tutte le tue parole – false.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Gigiotto - 3 settimane fa

    Un incubo senza fine? Chiudera per fallimento anche il museo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. user-15014553 - 3 settimane fa

    Allora si levi dalle scatole anche velocemente ..così magari qualcosa di quel poco rimasto di Toro(belotti compreso)…si potrà salvare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. prussianblu_2420880 - 3 settimane fa

    Alla buon’ora…ed il Robaldo con comodo, mi raccomando.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. VM8 - 3 settimane fa

      E perché lo stadio di proprietà?
      I seggiolini granata in sto cesso di stadio?
      Abbiamo avuto anche il tabellone rotto coi Wolwes e altre partite in A..

      Barbun!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy