Toro News
I migliori video scelti dal nostro canale

toro

Chi non ci crede stia a casa

Editoriale / Il gruppo di Mazzarri ha dimostrato valori umani che possono rappresentare la base di un'altra stagione importante anche in caso di eliminazione dall'Europa League. E a Wolverhampton non sarà solo una gita

Gianluca Sartori

"C'erano tante difficoltà per il Torino nella partita contro il Sassuolo. Una squadra atleticamente più fresca da affrontare; un ricordo amaro nella mente come la sconfitta contro il Wolverhampton; un ambiente in cui iniziava a serpeggiare il malcontento (sia chiaro, tutti hanno il diritto di manifestare il proprio dissenso, specie se in forma civile e ironica come è stato fatto con quegli striscioni). E poi una vera e propria bomba esplosa all'interno del gruppo, con uno dei leader come Nkoulou che si è dimenticato di avere un contratto da oltre 1.5 milioni l'anno sino al 2021: l'encomiabile presa di posizione del presidente Cairo meriterà un applauso sincero se alla fine il giocatore rimarrà veramente a Torino.

"Insomma, per lo sporco manipolo di 14 giocatori scesi in campo ieri non era così facile venire a capo della situazione. Ce l'hanno fatta invece, trascinati da un Belotti che corre per undici, da un Sirigu che para per quattro, da uno Zaza totalmente trasformato. Il gruppo forgiato da Mazzarri stavolta ha superato una vera prova di forza mentale. Che poi la squadra necessiti di più ricambi, e in particolare modo di un giocatore che migliori il raccordo tra mediana e attacco, di un secondo portiere e di un altro laterale è sotto gli occhi di tutti, anche della società, che ieri ha avuto l'ennesima conferma del fatto che allenatore e squadra meritino anche questo tipo di supporto. Il mercato è ancora aperto, alla fine si tireranno le somme.

"Intanto c'è il match di ritorno contro il Wolverhampton: a caldo abbiamo definito "probabile" l'eliminazione del Torino, una sensazione che rimane anche a mente fredda, ma i valori umani che il gruppo di Mazzarri ha messo in mostra ieri, se tali rimarranno, possono rappresentare la base di un'altra stagione importante anche in caso di addio all'Europa. E in ogni caso il Torino di Mazzarri in Inghilterra non andrà in gita. Chi non crede in questo gruppo, faccia come Nkoulou: se ne stia a casa.