Difficile rinunciare ad un Gasbarroni così

di Roberto Maccario– Archiviato con un po’ di amaro in bocca il pareggio casalingo con il Cittadella i granata si apprestano ad accogliere i due nuovi arrivati, Mirko Antenucci e Denilson Gabionetta.
Il primo è una punta che può agire come sostituto , al fianco o alle spalle di Bianchi, mentre il secondo, fortemente voluto da mister Lerda dopo la brillante esperienza al Crotone, può giocare in tutti…

di Roberto Maccario

di Roberto Maccario– Archiviato con un po’ di amaro in bocca il pareggio casalingo con il Cittadella i granata si apprestano ad accogliere i due nuovi arrivati, Mirko Antenucci e Denilson Gabionetta.
Il primo è una punta che può agire come sostituto , al fianco o alle spalle di Bianchi, mentre il secondo, fortemente voluto da mister Lerda dopo la brillante esperienza al Crotone, può giocare in tutti i ruoli della trequarti offensiva.
Il tecnico cuneese li ritiene due elementi in grado di cambiare il volto di questo Toro e di far  fare alla squadra il tanto desiderato salto di qualità; come ogni operazione di mercato però anche questa ha le sue conseguenze: il reparto offensivo dei granata è ormai decisamente troppo affollato(Lazarevic, Sgrigna, Iunco, Scaglia, Belingheri, Stevanovic, Bianchi, Pellicori, Gasbarroni), ed inevitabilmente qualcuno dovrà partire per far spazio ai nuovi arrivati.
Fino a qualche giorno fa Andrea Gasbarroni era uno dei principali indiziati per il ruolo di partente, visto il categorico rifiuto di Lerda di lasciar partire il giovane Stevanovic; dopo la partita di ieri lo scenario potrebbe essere cambiato.
Il fantasista di Borgo Vanchiglietta ha tirato fuori dal cilindro una prestazione eccellente, sfoderando numeri d’alta scuola, cogliendo una traversa, mandando in goal capitan Bianchi e fornendo tanti palloni giocabili per i compagni.
Ora bisogna guardare le due facce della medaglia: da una parte il “Gas”si è reso appetibile agli occhi di eventuali compratori, dall’altra ha lanciato un segnale ben preciso a Lerda, ovvero che per una squadra con ambizioni di promozione è difficile rinunciare ad un talento così; inoltre dalle voci di spogliatoio si apprende che i compagni lo adorano e che lo vorrebbero vedere sempre in campo.
Il mercato porterà risposte, attendiamo fino al fatidico 31 gennaio.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy