Empoli-Torino, i piazzati sono il tallone d’Achille dei toscani

Empoli-Torino, i piazzati sono il tallone d’Achille dei toscani

Verso il match / La squadra di Andreazzoli è molto brava nel fraseggio, il Toro dovrà chiudere bene le trame empolesi

di Roberto Ugliono

Empoli-Torino si avvicina e sarà una partita intensissima. Per i toscani quella di domenica potrebbe essere l’ultima spiaggia per la salvezza, mentre i granata sono chiamati a vincere a prescindere dal risultato della finale di Coppa Italia.

ASPETTO MENTALE – Sarà quindi necessario non perdere l’equilibrio, fondamentale per il Torino durante tutta la stagione. Servirà soprattutto mantenere lucidi dal primo all’ultimo minuto, senza avere la fretta di voler sbloccare il match. La partita con il Sassuolo ha dimostrato la forza mentale dei granata, che, due volte in svantaggio, hanno saputo rimontare due volte gli avversari.

IN DIFESA – Innanzitutto sarà fondamentale fare molta attenzione alla velocità del fraseggio empolese. La squadra di Andreazzoli è tecnicamente molto valida e contro la Samp ha messo in mostra una certa facilità negli uno-due, merito sia delle qualità individuali, sia di un sistema di gioco fatto su misura per le caratteristiche dei giocatori. L’Empoli, infatti, è formato da tanti giocatori brevilinei, che sanno pungere in profondità; servirà particolare attenzione quindi sulla trequarti, dove nascono le principali azioni dei toscani.

Empoli, la difesa è il punto debole: solo il Chievo ha subito più gol

IN ATTACCO – Se in attacco i ragazzi di  Andreazzoli sono pericolosissimi, il tallone d’Achille è la fase difensiva. Già all’andata il Torino aveva approfittato di questa debolezza mettendo a segno tre reti e al Castellani dovrà essere la stessa cosa. Innanzitutto sono da sottolineare i problemi avuti dai toscani con i duelli aerei e con i calci piazzati durante la stagione attuale, due aspetti in cui il Toro va forte. Se a questo si aggiunge la difficoltà nelle letture difensive sui cross, ecco che si chiude un cerchio. I granata dovranno puntare molto su queste situazioni per creare pericoli con continuità e, fino a ora, sono soluzioni che non sono mai mancate alla squadra di Mazzarri.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. PrivilegioGranata - 2 mesi fa

    Potrebbe essere utile il 4-4-2 con gente come Berenguer e Falque a buttare cross per Belotti e Zaza, con le sovrapposizioni in fascia di due tra Aina, De Silvestri e Izzo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy