Fiorentina-Torino 2-0, le statistiche: zero parate per il portiere viola

I numeri / La squadra di Beppe Iachini ha tirato più del doppio rispetto ai granata e hanno avuto anche più occasioni

di Marco De Rito, @marcoderito

Una sconfitta meritata per il Torino di Moreno Longo, quella contro la Fiorentina, e anche le statistiche lo confermano. I tiri effettuati dai toscani sono più del doppio rispetto a quelli granata (12 contro 5), i Viola hanno centrato lo specchio in quattro occasioni mentre i granata solo una volta. La Fiorentina ha avuto 6 occasioni da gol, mentre il Torino 3.

Leggi anche: Sabatini: “Contestare Cairo? I tifosi facciano un bell’esame di coscienza”

POSSESSO PALLA – La supremazia gigliata non si è verificata nel possesso palla. Andrea Belotti e compagni hanno trattenuto la sfera per il 51% del tempo. La differenza è stata nella modalità del possesso, per il 71% il Toro l’ha tenuta nella propria metà campo e per il 29% in quella avversaria . Mentre la Fiorentina l’ha effettuato per il 62% nella propria metà campo e per il 38% in quella granata.

Leggi anche: Toro, escluse lesioni per Izzo: due giorni di stop, salta il Verona. E lui: “Spero di esserci domenica”

DIFESA – La maggior mole di gioco creata dalla squadra di Beppe Iachini si nota anche nelle statistiche difensive. Il Toro ha fatto 62 recuperi, contro i 49 dei gigliati. Viste le maggiori ripartenze dei Viola (62 contro 49) e le maggiori occasioni da gol della squadra di Firenze, il dato conferma che i granata sono stati impegni maggiormente in fase difensiva a causa di ciò che hanno creato i padroni di casa. Inoltre, Salvatore Sirigu è stato chiamato in causa con tre parate, mentre Pietro Terracciano non si è sporcato i guanti (zero parate: nell’unica conclusione pericolosa dei granata, il colpo di testa di Belotti, il portiere è stato salvato dal palo). Statistiche che devono far riflettere in vista della gara contro l’Hellas Verona di mercoledì.

Dati statistici: Lega Serie A

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Il Giaguaro - 3 mesi fa

    Più o meno sono le stesse statistiche di ogni partita di quest’anno (e anche dell’anno scorso, se vogliamo: solo che i risultati erano diversi)… I nostri avversari, di qualunque livello siano, tengono tutti di più la palla nella nostra metà campo (ergo fanno più gioco e creano più occasioni). Per l’anno prossimo urge un cambio di mentalità (ancor più che di presidente o di giocatori). Un bravo allenatore, un “mental coach” (soldi ben spesi vista la situazione), qualche innesto a centrocampo e sulle fasce… Se poi arriva il presidente con la valigia piena ben venga, ma che non sia un americano con l’accento da “Il Padrino” tipo Fiorentina (perchè in quanto a squadra di m…a anche a Firenze non hanno scherzato – vivo in Toscana e con tifosi della Viola parlo).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. rb27 - 3 mesi fa

    Iago Falque era uno che tirava in porta… e cosa ne é stato fatto?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. aledranata81 - 3 mesi fa

    Con zero tiri in porta vogliamo ancora parlare di alibi???

    Ma daiiiii!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. MAZZOLAFOREVER - 3 mesi fa

    CAIRO VATTENE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Simone - 3 mesi fa

    Longo: colpa dell’arbitro

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy