Granata ventuno volte al tiro

Granata ventuno volte al tiro

Si interrompe la serie di vittorie ma non quella di risultati utili consecutivi del Lerda-bis, arrivata a quota quattro grazie al pareggio ottenuto ieri sera contro la Reggina. Una gara sfortunata per il Torino che nonostante la mole di gioco creata e un buon numero di occasioni non riesce ad avere la meglio degli amaranto, distanziati sempre di un punto in classifica.

I numeri testimoniano la supremazia granata ed il dato riguardante le…

di Redazione Toro News

Si interrompe la serie di vittorie ma non quella di risultati utili consecutivi del Lerda-bis, arrivata a quota quattro grazie al pareggio ottenuto ieri sera contro la Reggina. Una gara sfortunata per il Torino che nonostante la mole di gioco creata e un buon numero di occasioni non riesce ad avere la meglio degli amaranto, distanziati sempre di un punto in classifica.

I numeri testimoniano la supremazia granata ed il dato riguardante le conclusioni effettuate è emblematico: 21 contro 4, anche se poi lo score dei tiri in porta si riduce a cinque contro uno. Ciò significa che Rubinho non ha dovuto compiere neanche un intervento nel corso dei novanta minuti. Il Toro ha poi annientato la Reggina anche per ciò che riguarda l’indice di pericolosità, con il 53% contro il 24 ospite, e nella supremazia territoriale (13 minuti a 5). Ormai non più una novità, invece, il predominio nel possesso palla, con 60% a 40. La formazione di Atzori, dal canto suo, ha protetto meglio la propria area di rigore e comanda anche nella percentuale di attacco alla porta, con il 51% contro il 42 granata.

Dando poi uno sguardo alle statistiche individuali, emerge come ancora una volta il Toro domini in lungo e in largo la classifica dei passaggi riusciti. I primi sei posti sono tutti di giocatori granata, con De Feudis che svetta su tutti a quota 57, seguito da Zavagno e Pratali. Dominio Toro anche nei tiri fatti, con Bianchi che comanda con addirittura nove tentativi. L’unica graduatoria dove la Reggina è in prima posizione è quella delle palle recuperate, con Cosenza a quota 37, seguito da Di Cesare (33) e Adejo (29).

Infine, si conferma implacabile Bianchi quando trova sulla sua strada la Reggina. Quello di ieri sera è il sesto centro del capitano granata contro i suoi ex compagni e in dieci partite da avversario Bianchi non ha mai perso.

(foto: M. Dreosti)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy