Helsinki-Torino: restare imbattuti si può e si deve

Helsinki-Torino: restare imbattuti si può e si deve

Verso Torino-Helsinki / Il Toro ha la miglior difesa del girone, mentre l’HJK il peggior attacco, basterà questo in Finlandia?

di Cristina Raviola, @CriCuoreToro

Helsinki-Torino è sicuramente un importante crocevia della stagione granata. Lo è perché con una vittoria il Toro metterebbe un’ipoteca sui sedicesimi, ma lo è anche per il morale dei giocatori, che potrebbero essere particolarmente galvanizzati uscendo dallo stadio di Helsinki continuando a non subire gol.

IL PEGGIOR ATTACCO… – L’HJK non è insuperabile, anzi. I finlandesi hanno subito, sino a qui, ben 7 gol in 3 partite, non riuscendo mai, MAI, ad andare a segno. I ragazzi di Lehkosuo faticano incredibilmente nell’essere pericolosi in area avversaria, complice un reparto offensivo che sembra non reggere la categoria. Bancè, l’attaccante centrale, la stella della squadra, era partito dalla panchina a Torino, a favore di Kandji, ma potrebbe trovare una maglia da titolare giovedì. Gli attaccanti scandinavi, comunque, faranno di tutto per modifica lo “zero” accanto ai gol messi a segno. Un dato che fa dell’HJK il peggior attacco di questa fase finale di Europa League, e sicuramente gli uomini di Lehkosuo non vorranno abbandonare il torneo con questa impietosa statistica, provando fino alla fine a fare male ai granata, trascinati dal proprio pubblico e dall’effetto campo, che potrebbe essere un assist agli scandinavi.

…CONTRO LA MIGLIOR DIFESA – Il Toro, dalla sua, va in Finlandia con la consapevolezza di aver subito zero gol complessivi nei tre incontri fin qui disputati, che si vanno ad aggiungere ai quattro, anch’essi a reti granata inviolate, dei preliminari, portando a 7 ( su un totale di 7, appunto) le gare europee senza subire una marcatura. Un dato confortante per gli uomini di Ventura, che segnala un’evidente superiorità tattica granata in fase difensiva. Una statistica ancora più importante se si pensa che in due di queste gare la difesa non era assolutamente quella, cosiddetta, titolare. Jansson ha infatti sostituito Glik sia in Belgio contro il Brugge, sia nella gara casalinga contro i finlandesi; stesso discorso per Gaston Silva, non certo un giocatore esperto come Emiliano Moretti, che però ha riposato in 2 delle 3 gare fin qui disputate, lasciando il posto al giovane pari-ruolo uruguaiano. Maksimovic, invece, che in campionato ha fatto vedere prestazioni altalenanti, in Europa sembra dare il meglio di sè, forse galvanizzato dalla vetrina internazionale.

Vedremo quali saranno le scelte di Ventura, in ogni caso giovedì sara “Peggior attacco vs Miglior difesa”, con il Toro che deve avere un solo obbiettivo: confermare il trend, portando a casa quei punti che potrebbero voler dire qualificazione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy