I cambi incoronano Juric: tre gol dalla panchina. Berenguer-Belotti, la staffetta non va

I cambi incoronano Juric: tre gol dalla panchina. Berenguer-Belotti, la staffetta non va

Focus on / Il confronto tra i due tecnici al termine dello spettacolare 3 a 3 del “Bentegodi” tra Verona e Torino

di Andrea Calderoni

Non sono bastati i migliori 70 minuti stagionali al Torino per portarsi a casa l’intera posta in palio dal “Bentegodi”. È maturato un misero 3 a 3, che comunque non deve cancellare la bella gara giocata per tre quarti del match dai granata. Walter Mazzarri ha confermato il 3-4-2-1 a trazione anteriore e i risultati sono stati ottimi: Berenguer e Verdi hanno reso imprevedibile la manovra offensiva granata e le giocate proposte, anche grazie all’aiuto di Zaza, sono state di assoluta qualità. Il collettivo è stato esaltato, riuscendo anche a superare indenne il miglior momento dell’Hellas ad inizio ripresa. Tuttavia, nemmeno il secondo e il terzo colpo, rispettivamente di Berenguer e di Ansaldi, hanno permesso al Torino di vincere. Poi, infatti, ci sono state le solite amnesie, su tutte quella decisiva di Ola Aina in occasione della rete di Stepinski. Parlando del confronto tra allenatori, la diversa capacità di incidere sul match con i cambi a gara in corso fa sì che sia stato Ivan Juric a vincere il duello virtuale tra allenatori.

SOSTITUZIONI – Se per 70’ il 3-4-2-1 di Mazzarri ha nettamente surclassato il modulo speculare proposto dal collega Ivan Juric, invece dal punto di vista delle sostituzioni ha avuto ragione l’allenatore dei veneti. Tre cambi vincenti, poiché tutti e tre sono andati in gol. Un’assoluta rarità: è solo la seconda volta che succede in Serie A (prima era successo al Genoa di Thiago Motta contro il Brescia). La reazione di Mazzarri agli ingressi del Verona non è stata efficace. L’allenatore toscano è andato in controtendenza rispetto alle sue abitudini, tanto da togliere un trequartista come Berenguer e da inserire il rientrante Belotti appena dopo il rigore trasformato da Pazzini. La speranza del tecnico era probabilmente che il capitano granata aiutasse la squadra ad alzare il baricentro proteggendo qualche pallone come lui sa fare. Il Torino è così passato al 3-4-1-2: Zaza e Belotti, però, non hanno saputo ripetere i fasti del primo tempo di Berenguer e Verdi. Infatti, il Torino si è affidato a lanci lunghi troppo spesso preda della difesa veronese.

Oltre la beffa c’è di più

MEDIANA DA POTENZIARE PRIMA? – Mazzarri ha sostituito al 33′ Verdi con Lukic per potenziare la mediana, passando al 3-5-2 puro. Verre aveva appena siglato il 2-3. Ma nemmeno quel cambio è stato sufficiente ad arginare la furia dei veronesi, in piena trance agonistica. Al 39′ della ripresa, infatti, Stepinski ha segnato il 3-3. A buoi scappati dalla stalla, minuto 41′, Meité è entrato per Baselli. In generale il filtro del centrocampo, perfetto per 70 minuti, è divenuto meno efficace e il Verona sulle ali dell’entusiasmo ne ha approfittato. I segnali lanciati da Juric sono stati incontrovertibili. Ha esplicitamente detto ai suoi ragazzi attraverso gli ingressi offensivi di Pazzini e Verre, successivi a quello di Stepinski per Di Carmine, di non arrendersi e così è stato.

16 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. TOROPERDUTO - 10 mesi fa

    73° minuto gallo x berenguer
    76° gol Verona
    78° cambio lukic x verdi
    84° gol verona

    Fate tutte le valutazioni del caso ma dire che è una questione fisica…. Mah

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. toro52anni - 10 mesi fa

      I cambi servivano per avere più corsa e dinamismo ma se poi non vanno WM che deve fare?
      NKOULU A FATTO CACARE,AINA PURE quindi provava a correre più in mezzo e avanti ,ma non è bastato.
      A me sti neri fanno incazzare(Meite ancora di più) ma non per essere razzista ,ma a grandi doti fisiche ,purtroppo ,corrisponde poca materia grigia ,e non solo ai nostri del Toro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. TOROPERDUTO - 10 mesi fa

        Vero però io belotti non lo avrei fatto entrare al posto di berenguer, non andava fatto entrare al posto di nessuno, non ha avuto un infortunio da poco per cui salvo che non fosse proprio necessario…
        Detto questo ripeto sti giocatori é evidente che non hanno tenuta mentale/esperienza.
        Quello che dici poi sui neri è verissimo, non per razzismo, ma molte volte a straordinarie doti fisiche non si accompagnano altrettante doti mentali, è piena la storia del calcio di esempi.
        Di desally ce ne sono pochi.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. toro52anni - 10 mesi fa

    E secondo voi se ci rimontano 3 gol è colpa di WM ?
    Non mi fate ridere.
    In campo non va lui,punto.
    Lui non è li a correre e a fare diagonali.
    Si sono rilassati ,hanno peccato di presunzione e si son fatti rimontare.
    Belotti per poco che ha giocato non riusciva a tenere una palla che sia una in attacco,e se non la tiene un po’ su la squadra non riesce a rifiatare e a rallentare il gioco per frenare l’impeto dell’avversario e scoraggiarlo.
    Ieri forse la peggior manciata di minuti del Gallo.
    Può capitare anche a lui di giocar male e non gli faccio certo una colpa visto le volte che ci ha resuscitato.
    Però dare colpe a Mazzarri per la rimonta subita stanno a zero e servono solo a trovare un capo espiatorio.
    Mazzarri ieri ha fatto tutto ma proprio tutto bene.
    Per un’ora siamo stati spettacolari come non mi capitava di vedere da non so quanti anni.
    Se giochiamo così sempre ci faccio la firma.
    Poi con la sfiga e gli arbitri non si compete, ma ieri un gran bel Toro,amareggiato Per la rimonta ma spero di vedere ancora un Toro cosi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Leojunior - 10 mesi fa

    Ora senza voler contestare nessuno, una squadra che prende 3 gol in 15 minuti da un avversario palesemente più scarso ha qualcosa che non va nel profondo. Trovo pure assurdo che si parli di festeggiamenti prima della fine di una partita, neppure i 5 minuti prima di cui parla Mazzarri. Squadre molto più forti di noi fino al fischio finale giocano senza concedere nulla, figurati se se lo può permettere il toro. Tutti ci ricordiamo del 3-3 al derby, dove eravamo sotto di 3 goal a fine primo tempo. I Gobbi nella ripresa sono entrati pensando di scherzare e sono stati puniti, ma se non era per Salas e la buca di Maspero la partita la perdevamo lo stesso. Io personalmente penso che Mazzarri abbia sbagliato tantissime cose, ma penso pure che molti giocatori siano delle fighette, che i senatori tipo Sirigu, Belotti, Rincon siano giocatori di carattere ma evidentemente non carismatici e non sappiano trasmettere la loro grinta. Trovo che a centrocampo siamo davvero scarsi. Non credo che si risolverebbe qualcosa cacciando MAzzarri, ma penso che il suo progetto stia fallendo, e che servirà rifondare ben consapevole che i più forti se ne vorranno andare e che ci vorrà qualche anno per avere una squadra competitiva. Sull’ogetto dell’articolo, concordo i nostri cambi sballati, e se togli uno che sta giocando benissimo come berenguer lo deprimi, se ti impunti a tenere fuori alcuni giovani solo per punirli (vedi Parigini e Bonifazi) creerai un ambiente di spogliatoio pessimo. Ed in fondo alla fine di tutta l’analisi, il problema è quello, ai giocatori non interessa la squadra, ognuno gioca per se e l’allenatore non ha l’umiltà di per riconoscere i propri errori e non sa cementare la squadra . Nel nostro piccolo è quello che è successo al Napoli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ardi - 10 mesi fa

      Rifondiamo, altri 15 anni e troveremo la quadra

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. GlennGould - 10 mesi fa

    Molto meglio perdere che una roba di questo genere.
    Farsi rimontare 3 gol dal Verona negli ultimi 20 minuti è umiliante e sintomo di qualcosa di rotto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. GlennGould - 10 mesi fa

      ..E, per la cronaca, farsi rimontsre 3 gol non era MAI SUCCESSO NELLA STORIA DEL TORO.
      Mai.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. 1947 - 10 mesi fa

      Purtroppo c’è qualcosa di rotto anche tra noi tifosi se in 13 ti danno pollice verso.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. GlennGould - 10 mesi fa

        Contenti loro.
        L’onore non si.comprende ne si compra.
        Lo si ha.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. prawn - 10 mesi fa

    Mazzzarri e’ un grande, Punto! (cit mimmo75)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TOROPERDUTO - 10 mesi fa

      Puoi confutarla?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. leoj - 10 mesi fa

        Ma dopo un campionato del genere,dopo un campionario illimitato di orrori tattici, di ruoli insensati, di stati confusionari continui e risultati adeguati, ma veramente serve ancora confutarla?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. 1947 - 10 mesi fa

    Errore dell’arbitro, cambi sbagliati: tutto vero. Ma avanti di 2 goal a 20 minuti dalla fine una squadra con le palle non si fa rimontare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Conta7 - 10 mesi fa

    Immagino le mitragliate che sarebbero partite se il Gallo fosse stato in panchina al momento della rimonta subita…
    Fino a ieri gli insulti a Berenguer fioccavano…
    Francamente non si può dir nulla su ieri o trovare scuse: scelte iniziali azzeccatissime e cambi che ci stavano (Berenguer stanco e il Gallo serviva per tenere palla e provare a chiudere la partita).
    Ci siamo scontrati con un arbitro che l’ha voluta riaprire a tutti i costi e con i “soliti” pisolini di qualche giocatore a cui per indole è impossibile far digerire alcuni dettami tattici, vero Ola?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 10 mesi fa

      Pur non giustificando gli insulti a Berenguer ieri è accaduta una cosa BEN DIVERSA dalle altre volte. Ieri stava giocando alla grande e non vi era stato nessun segnale che fosse stanco.
      Il suo cambio è stato assolutamente INGIUSTIFICABILE.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy