La Serie A contro il razzismo: lettera aperta dei club per combattere il problema negli stadi

La Serie A contro il razzismo: lettera aperta dei club per combattere il problema negli stadi

Iniziativa / Le 20 società della massima serie hanno scritto una lettera rivolgendosi a chi ama lo sport

di Redazione Toro News

Una dura battaglia quella contro il razzismo, soprattutto se è da affrontare negli stadi. Le società di Serie A stanno provando a combatterla tutte insieme e hanno deciso di scrivere una lettera congiunta a tutti coloro i quali amano lo sport.

DI SEGUITO IL CONTENUTO DELLA LETTERA, FIRMATA ANCHE TORINO FC:

Dobbiamo riconoscere che abbiamo un serio problema con il razzismo negli stadi italiani, e che forse non l’abbiamo combattuto a sufficienza nel corso di questi anni. Anche in questa stagione le immagini del nostro calcio, in cui alcuni calciatori sono stati vittima di insulti razzisti, hanno fatto il giro del mondo, scatenando ovunque dibattito. E’ motivo di frustrazione e vergogna per tutti. Nel calcio, così come nella vita, nessuno dovrebbe mai subire insulti di origine razzista. Non possiamo più restare passivi, aspettare che tutto questo svanisca.

Su stimolo degli stessi Club, nelle ultime settimane, è stato avviato un confronto costruttivo con Lega Serie A, FIGC ed esperti internazionali su come affrontare e sradicare questo problema, un fine su cui siamo tutti uniti e determinati. Lo faremo in armonia con la Lega Serie A, che ha dichiarato di voler guidare questo percorso attraverso una solida e completa politica anti-razzismo, con nuove leggi e regolamenti più severi, insieme a un piano di sensibilizzazione mirato per tutti coloro che sono coinvolti in questo sport. Non c’è più tempo da perdere. Dobbiamo agire uniti, e così faremo di qui in avanti. Ora più che mai il contributo e il sostegno di tutti voi, tifosi dei nostri club e del calcio italiano, sarà fondamentale in questo sforzo di vitale importanza. Tutti uniti per un calcio italiano inclusivo, universale, equo. Tutti uniti per dire NO al razzismo.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Arciduca - 10 mesi fa

    Toccante, ho le lacrime agli occhi.
    Ma finché la nostra cara e vecchia Europa sarà terra di sbarco e di conquista per orde di africani e asiatici maomettani; e i vertici politico-economici del continente incentiveranno questo lento e inesorabile stanziamento; e finché le magistrature useranno due pesi e due misure nel sanzionare i crimini compiuti dagli stranieri e dagli autoctoni; e le classi dirigenti rimarranno sorde ai lamenti dei popoli europei: finché tutto questo avverrà, non ci si stupisca che la protesta ed il dissenso si manifesteranno in modi sempre più rozzi e violenti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13967438 - 10 mesi fa

    Quindi bisogna dare retta alla politica che scambia il nazionalismo col razzismo, o allo sport che scambia la deficienza col razzismo?
    Tanto per saperlo…
    Papillon

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy