Mazzarri-De Zerbi, duello ideologico: possesso palla contro calcio verticale

Mazzarri-De Zerbi, duello ideologico: possesso palla contro calcio verticale

Focus on / Mazzarri ritrova da allenatore uno dei suoi ex giocatori ai tempi del Napoli

di Redazione Toro News

Mazzarri e De Zerbi si conoscono bene, o meglio il secondo conosce bene il primo. L’ultimo anno da giocatore in serie dell’attuale tecnico del Sassuolo fu proprio alla corte del tecnico di San Vincenzo a Napoli, ma non fu una stagione felice per De Zerbi, considerando che non è mai sceso in campo. Da allenatori c’è un solo incrocio tra i due e risale allo scorso 28 gennaio, quando il Toro superò con un netto 3 a 0 il Benevento, anche se, va detto, la Strega ben figurò al Grande Torino.

FASE DI COSTRUZIONE – Due allenatori diversi, che sembrano avere in comune solamente la capacità di far cambiare modulo in corsa alle proprie formazioni. Mazzarri parte sempre con una difesa a 3 e a gara in corso, più volte, per aumentare il peso offensivo dei suoi, è passato a una linea a 4. De Zerbi, invece, parte proprio dalla difesa a 4, che muta a 3 principalmente per due motivi: necessità puramente difensive o facilitare il palleggio da dietro. Proprio quest’ultimo dettaglio è la grande differenza tra i due tecnici, perché l’attuale allenatore dei neroverdi è, prima di tutto, un creatore di gioco. Già ai tempi di Foggia, De Zerbi, riuscì a contraddistinguersi per la qualità della manovra espressa dalla sua squadra, che si fonda sul concetto del ‘terzo uomo’ o più banalmente, la creazione di triangoli di gioco per poter far partire la manovra sempre da dietro. A Sassuolo ha portato qualche cambiamento, diminuendo la costruzione del gioco su linee orizzontali e cercando più verticalizzazioni per poter sfruttare al meglio il trio Babacar-Di Francesco-Berardi. L’obiettivo è proprio il connubio tra queste due interpretazioni, volendo vedere in campo una squadra che sappia gestire forze e tempi attraverso il palleggio o la verticalizzazione. Per Mazzarri, invece, sembra esserci una sola possibilità di scelta: la verticalizzazione. Il Toro, infatti, ha dimostrato quest’anno di essere più preparato in situazioni di campo aperto, andando invece in difficoltà quando deve gestire il possesso contro una squadra chiusa.

FASE DIFENSIVA – Un punto in comune, però, c’è tra i due e riguarda l’organizzazione della fase difensive. Entrambi prediligono il pressing alto e la copertura degli spazi nella metà campo avversaria, finalizzati a chiudere tutte le linee di passaggio e per poter recuperare il prima possibile la palla. Un lavoro dispendioso e che ha effetti contrari: il Sassuolo ha subito 22 reti in 16 giornate a differenza delle 17 del Toro. Il motivo va ricercato nell’esperienza degli interpreti. I granata possono contare sul trio Izzo-Nkoulou-Djidji abile a coprire anche tanto spazio alle proprie spalle, mentre i neroverdi stanno pagando ‘l’apprendistato’ di Lemos, Magnani e Marlon (il primo dovrebbe essere in panchina domani, mentre gli altri due sono i maggiori indicati per una maglia da titolare). A Magnani e Marlon dovrebbe essere affiancato Ferrari, che invece è già esperto di un certo sistema di gioco avendolo già appreso alla Samp di Giampaolo.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. prawn - 8 mesi fa

    De Zerbi piace molto, un po’ presto forse pensare al post WM ma se non combina niente in due anni un pensierino si dovrebbe fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy