Mercato Toro, un bilancio positivo (ad oggi)

di Alessandro Brunetti

A cinque giorni dalla chiusura delle trattative, si può tracciare un primo e parziale bilancio del calciomercato granata. Il mercato di riparazione ha portato in dote a Lerda quelle tre pedine, tanto richieste dal tecnico del Torino per poter sviluppare al meglio il suo sistema di gioco. Un regista, un esterno offensivo e un attaccante da affiancare a Bianchi, esigenze che si sono tramutate…

di Redazione Toro News

di Alessandro Brunetti

A cinque giorni dalla chiusura delle trattative, si può tracciare un primo e parziale bilancio del calciomercato granata. Il mercato di riparazione ha portato in dote a Lerda quelle tre pedine, tanto richieste dal tecnico del Torino per poter sviluppare al meglio il suo sistema di gioco. Un regista, un esterno offensivo e un attaccante da affiancare a Bianchi, esigenze che si sono tramutate in tre nomi di primissimo piano per la cadetteria, ovvero Budel, Gabionetta e Antenucci.

Nomi, questi, che, nei piani di Petrachi, dovrebbero permettere al Torino quel salto di qualità per centrare quantomeno i playoff e che garantiscono geometrie (Budel), assist (Gabionetta) e gol (Antenucci). A differenza dei precedenti mercati di riparazione, ci sono stati anche investimenti più o meno importanti, come nel caso dell’attaccante ex Catania e del prestito con diritto di riscatto del brasiliano. Con i nuovi arrivi l’organico del Toro è da considerarsi il terzo dopo quelli di Siena e Atalanta e spetta a Lerda, ora, il compito di amalgare i nuovi innesti nel suo sistema di gioco.

Un bilancio positivo, se si considera che, fino adesso e salvo clamorose sorprese, non sono partiti né Bianchi nè Ogbonna, dato per sicuro partente da settimane. Il Napoli, che tra oggi e domani ufficializzerà Ruiz, ha mollato la presa per il gigante di Cassino, che dovrà aspettare ancora qualche mese per assaggiare di nuovo la serie A; una sua eventuale cessione dell’ultimora, certo cambierebbe radicalmente il giudizio su questa campagna-acquisti (e cessioni). Petrachi, inoltre, è riuscito nell’impresa di alleggerire il monte ingaggi della squadra, con i movimenti in uscita di Diana (finito al Bellinzona), Loviso (in prestito al Crotone), Salgado (tornato in Cile) e Saumel, che ha rescisso il contratto per andare a giocare nella serie B tedesca.

(foto di A. Dreosti)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy