”Peccato, non stavamo giocando male”

”Peccato, non stavamo giocando male”

In mixed zone dell’Olimpico dopo la sospensione decretata da Velotto per Torino-Reggina interviene GIuseppe De Feudis (foto N. Campo). Il centrocampista, che non stava disputando affatto una brutta gara, si è detto “rammaricato per la decisione. Anche a Padova, quando ero sceso in campo, è successa la stessa cosa. Ma d’altra parte la palla non rimbalzava, c’era poco altro da fare. L’importante è ora ripartire dal buon…

di Redazione Toro News

In mixed zone dell’Olimpico dopo la sospensione decretata da Velotto per Torino-Reggina interviene GIuseppe De Feudis (foto N. Campo). Il centrocampista, che non stava disputando affatto una brutta gara, si è detto “rammaricato per la decisione. Anche a Padova, quando ero sceso in campo, è successa la stessa cosa. Ma d’altra parte la palla non rimbalzava, c’era poco altro da fare. L’importante è ora ripartire dal buon primo tempo che abbiamo disputato, anche perché in 45′ può ancora succedere di tutto”.

 

Sulla sua prestazione, elogiata anche sugli spalti, De Feudis resta come sempre piuttosto schivo: “il merito è dei miei compagni, e voglio anche ringraziare il mister, perché già in settimana mi aveva fatto capire che sarebbe toccato a me. Era un po’ che non giocavo, ma non è un problema: siamo una squadra competitiva e dobbiamo saper accettare tutte le decisioni prese dal nostro allenatore”.

 

Bene il parziale risutlato di Torino-Reggina, bene anche il punteggio delle dirette rivali del Toro per la promozione: “Sì, gli altri risultati ci sorridono, ma noi dobbiamo concentrarci solo su noi stessi. Non abbiamo ancora fatto nulla, e manca tutto un tempo da giocare. L’importante è scendere in campo sempre con la stessa determinazione. Se giocheremo come abbiamo fatto nella prima parte di gara, potremo portare a casa il risutlato”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy