Roma-Toro, Fonseca sfida Mazzarri: il rapporto con i tifosi è agli antipodi

Roma-Toro, Fonseca sfida Mazzarri: il rapporto con i tifosi è agli antipodi

Focus on / Confronto tra i due tecnici: il giallorosso festeggia per quanto fatto fin qui, il granata deve accelerare per risollevarsi e risollevare l’ambiente

di Andrea Calderoni

Paulo Fonseca e Walter Mazzarri stanno vivendo un periodo diametralmente opposto. Si trovano attualmente agli antipodi. Il primo anno in Italia del tecnico 46enne portoghese si sta trasformando in un successo. La sua Roma gioca bene e soprattutto ottiene risultati pesanti. Grazie alla somma dei due aspetti, il lusitano è riuscito a portare al centro sportivo “Tre Fontane” più di 2mila persone per un semplice allenamento. Mazzarri, invece, sta entrando nel terzo anno alla guida del Torino e sta attraversando il momento più complicato. Sono lontani i sorrisi e le speranze della scorsa primavera. Ora i granata navigano in cattive acque e il rapporto tra l’allenatore toscano e la tifoseria è ai minimi storici.

OBIETTIVI 2020 – Il 2020 è iniziato con auspici diversi per Fonseca e Mazzarri. Il primo è chiamato a confermarsi. L’obiettivo primario è chiudere nelle prime quattro posizioni il campionato e poi vorrebbe ben figurare sia in Coppa Italia che in Europa League (sedicesimi di finale contro il Gent). Il secondo, invece, deve necessariamente rilanciare la squadra, innanzitutto per non essere esonerato per la seconda volta in carriera e poi per poter almeno in parte risanare la profonda frattura con i tifosi granata. Indubbiamente Fonseca si è preso la Roma con i risultati positivi, ma anche con il bel gioco. Il suo 4-2-3-1 piace e diverte il popolo giallorosso. È riuscito a recuperare pienamente un grande attaccante come Dzeko, che quest’estate sembrava ai titoli di coda a Roma. L’ha rimesso al centro del progetto e ora il bosniaco è imprescindibile per la Roma.

Torino, a Roma sarà una gara di rimessa. Occhio alle corsie giallorosse

QUESTIONE GIOCO – La questione relativa al gioco è una delle principali ragioni di contestazione ai danni di Mazzarri. Il Torino della scorsa stagione aveva sicuramente un’identità chiara e precisa. Era una squadra poco spettacolare ma molto quadrata. Ogni elemento sapeva perfettamente cosa doveva fare e ciò garantiva una solidità quasi granitica alla formazione granata. In questa stagione, dopo il nefasto esito dei preliminari di Europa League, non è più stata ritrovata l’organizzazione tipica delle squadre di Mazzarri. I gol subiti sono troppi e i punti in classifica meno di quanto ci si potesse attendere alla vigilia. Domani capiremo se la sosta natalizia avrà fatto bene al Toro. Intanto, però, una cosa è certa: Fonseca e Mazzarri si affronteranno per la prima volta in carriera con una situazione ambientale completamente opposta.

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. DARIOGRANATA - 7 mesi fa

    MAZZARRI VATTENE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Carlin - 7 mesi fa

    MAZZARRI VATTENE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. fabio.tesei6_13657766 - 7 mesi fa

    Sicuramente c’era qualche 007 del volpone tra i 2000. Fonseca si è fregato da solo,ancora è inesperto,gli allenamenti si fanno in gran segreto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Toro71 - 7 mesi fa

    MAZZARRI VATTENE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Immer - 7 mesi fa

    A noi 2000 tifosi non ci saranno neanche allo stadio. Dopo 15 anni del nostro prode forse sono addirittura troppi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. prawn - 7 mesi fa

    2000 all’allenamento ciao Mazzarri devi andartene!!!!!!!?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy