Torino, che portierone Hart: a Firenze Joe di nuovo al top

Torino, che portierone Hart: a Firenze Joe di nuovo al top

Focus On / Un vero leader viene fuori nel momento più difficile: il britannico lo ha fatto di nuovo

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

Il Torino, allo stadio Franchi di Firenze, è uscito con un punto in tasca, che nel primo tempo sembrava più che insperato: ma se il risultato si è fissato sul 2-2, buona parte del merito va data anche a Joe Hart, il portierone inglese che, per l’ennesima volta, ci ha messo più di una pezza. Il vero leader trascina la squadra nel momento più difficile, e il britannico ha dimostrato di esserlo pienamente. Nessuna incertezza, interventi da cineteca, salvataggi provvidenziali: il numero 21 del Toro ha tenuto in piedi tutta la squadra, quando rischiava di affondare sotto i colpi della Viola.

FLORENCE, ITALY - FEBRUARY 27: Joe Hart and Arelind Ajeti of FC Torino reacts during the Serie A match between ACF Fiorentina and FC Torino at Stadio Artemio Franchi on February 27, 2017 in Florence, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)
FLORENCE, ITALY – FEBRUARY 27: Joe Hart and Arelind Ajeti of FC Torino reacts during the Serie A match between ACF Fiorentina and FC Torino at Stadio Artemio Franchi on February 27, 2017 in Florence, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

MIRACOLI – Si definiscono spesso così, quando si parla di portieri, e ieri, Joe Hart, ne ha compiuti diversi. In occasione del primo gol ha fatto una parata d’istinto sul tiro ravvicinato di Borja Valero che sarebbe da premiare, ma i difensori granata non riescono a spazzare il pallone e il Toro subisce il gol. Pochi minuti più tardi per, ecco la giocata della partita, una delle più belle (e decisive) parate che il britannico abbia fatto in maglia granata: Ajeti sbaglia in modo grossolano, Kalinic si invola verso la porta. Il danno sembra ormai fatto, il croato carica il tiro, ma Hart – con il piede destro – devia il pallone quel tanto che basta ad evitare il gol. La bravura dell’inglese, oltre al fatto di aver salvato il risultato, è stata nella sua prontezza: appena colto l’errore di Ajeti si è fiondato su Kalinic, coprendo lo specchio dall’attaccante viola.

FLORENCE, ITALY - FEBRUARY 27: Joe Hart of FC Torino in action during the Serie A match between ACF Fiorentina and FC Torino at Stadio Artemio Franchi on February 27, 2017 in Florence, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)
FLORENCE, ITALY – FEBRUARY 27: Joe Hart of FC Torino in action during the Serie A match between ACF Fiorentina and FC Torino at Stadio Artemio Franchi on February 27, 2017 in Florence, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Prima del secondo gol della Fiorentina, poi, ha fatto capire che era in serata di parate da urlo: Chieso serve Tello, che sfrutta un buco macroscopico della difesa granata, ma il tiro viene stoppato in modo eccezionale da Hart. La palla è poi finita tra i piedi di Kalinic, che si è fatto ipnotizzare dalla “danza” del britannico davanti alla porta, calciando il pallone sopra la traversa.

Non sono serviti questi colpi per far innamorare i tifosi granata di Hart, ma sono “solo” la conferma che, in questa stagione, il Torino ha tra i pali un vero e proprio fuoriclasse, che non cade mai. La fase difensiva del Torino, con 42 gol in 26 partite, è una delle peggiori del campionato: senza il portiere inglese e la sua capacità di salvare il risultato, la situazione in casa granata sarebbe stata peggiore. Hart e Belotti, portiere e centravanti del Toro sono al top: è il resto della squadra che, purtroppo, spesso e volentieri latita o almeno non è a questo livello.

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. WGranata76 - 3 anni fa

    E pensare che gente che a mio avviso capisce molto poco di calcio lo ha criticato spesso durante l’anno, mentre sto portiere spesso para anche in condizioni improbabili, avendo noi una difesa davvero ridicola.
    Per me rimane un gran professionista, che sa giocare benissimo e sa condurre la squadra, infatti non se la prende mai troppo con i compagni, tranne richiamarli giustammente all’ordine in casi dovuti.
    Bravo Joe, merita una squadra al top, ma vorrei che rimanesse nella nostra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. LoviR - 3 anni fa

    Sirigu ci costa meno di 18 Milioni e è altrettanto valido, se non di più!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. WGranata76 - 3 anni fa

      A me Sirigu non piace molto. Secondo me è molto inferiore ad Hart e infatti lo hanno silurato al PSG per le troppe papere e ora trova larghe critiche anche all’Osasuna, in prestito dal PSG. La prima parte della stagione l’ha fatta in prestito al Siviglia dove ha fatto 3 presenze e non è riuscito ad imporsi come primo portiere.
      Onestamente se Hart costa troppo, e non giudico 18mln troppo, per la società allora proviamo il giovane Savic e speriamo che sia una stella.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. fabrizio - 3 anni fa

    infatti, senza di lui il prossimo anno saranno dolori!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy