Torino-Chievo 1-1: altri due punti persi tra i fischi

Nessun svolta dopo il bel pari di San Siro: il Toro va sotto, la raddrizza ma nella ripresa spreca tutto sbagliando un rigore con Belotti, irriconoscibile rispetto al Gallo che tutti conoscevamo

di Lorenzo Bonansea, @BonanseaLorenzo

E’ un 1-1 deludente e che lascia tanto amaro in bocca quello che matura tra Torino e Chievo: nessuna svolta dopo il bel pari di San Siro e altri due punti (pesanti) persi. E questa volta pesano tantissimi gli errori di Belotti, soprattutto quello dal dischetto per il potenziale vantaggio: il Gallo è specchio di una squadra che sembra aver già smarrito la verve di San Siro, e che crea poco concedendo tanto. I fischi finale del Grande Torino sono inevitabili.

Mihajlovic conferma la stessa formazione di San Siro, ma l’avvio non è esaltante come quello di due settimane fa: i granata, infatti, partono con freno a mano tirato, e le prime occasioni sono del Chievo. Alcune, anche molto importanti: al 6′ Castro spaventa e non poco Sirigu, con il palo che salva i granata dal vantaggio clivense. La manovra del Toro è lenta e prevedibile, e non trova sbocchi importanti negli ultimi 30 metri: di fatto, nei primi 30′, l’unico tiro granata è di Obi, e non preoccupa Sorrentino. Il Chievo, invece, fa la sua partita – difendendo con ordine e ripartendo pericolosamente – come al 15′, quando trova il vantaggio: spizzata di Meggiorini, sul secondo palo arriva Hetemaj che salta in testa a De Silvestri battendo Sirigu.

Il Toro prova a scuotersi, Burdisso si divora il gol del pareggio a due passi da Sorrentino, Baselli va vicinissimo a palo al 30′, ma non sbaglia al 34′ – quando i granata trovano finalmente l’1-1: cross preciso di Obi, Baselli salta imperiosamente e batte Sorrentino con un bel colpo di testa. I granata cominciano a giocare con maggiore convinzione, consci che però servirà maggiore brillantezza – e velocità nel giro palla – per far male al Chievo nei secondi 45′.

TURIN, ITALY - NOVEMBER 19: Andrea Belotti (L) of Torino FC is challenged by Bostjan Cesar of AC Chievo Verona during the Serie A match between Torino FC and AC Chievo Verona at Stadio Olimpico di Torino on November 19, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
TURIN, ITALY – NOVEMBER 19: Andrea Belotti (L) of Torino FC is challenged by Bostjan Cesar of AC Chievo Verona during the Serie A match between Torino FC and AC Chievo Verona at Stadio Olimpico di Torino on November 19, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

La ripresa inizia col Toro in avanti, ma di fatto la prima (enorme) occasione è del Chievo al 49′: pallone sul secondo palo per Hetemaj, che calcia a botta sicura trovando però un Burdisso monumentale ad immolarsi davanti alla porta di Sirigu, salvando un gol già praticamente fatto. Il Chievo è ancora più chiuso che nel primo tempo e il Toro è troppo compassato per pensare di fare male alla difesa avversari, non concludendo mai in porta (e neanche arrivandoci vicino) nei primi 15′ del secondo tempo: troppi palloni sbagliati a centrocampo per i granata, e gestione del possesso da rivedere.

Il primo squillo granata arriva al 66′, ed è clamorosa l’occasione sprecata: De Silvestri mette un pallone preciso per Iago, traversa piena e sulla respinta Belotti calcia in curva. Continua il momento no per il Gallo, che questa volta si mangia un gol sicuramente alla sua portata. Miha sceglie di cambiare modulo: fuori Obi e dentro Niang, gli ultimi 25′ si gioca con il 4-2-4. Al 26′ la possibile svolta del match – che però si trasforma in psicodramma granata: Belotti atterrato in area, l’arbitro ci pensa ma poi assegna rigore al Toro con l’ausilio del Var. Il Gallo va dal dischetto ma si fa ipnotizzare da Sorrentino, fallendo il penalty del possibile vantaggio. Un disastro assoluto oggi. Miha si gioca la carta Berenguer a 10′ dalla fine, togliendo uno stanco Iago Falque. Il Toro attacca, ma lascia pericolose praterie al contropiede: al 40′ brividi granata, con Inglese che salta Sirigu e mette dentro ma l’arbitro segnala giustamente posizione di fuorigioco. Nel finale la partita si accende: Niang e Radovanovic non se le mandano a dire, e Banti butta fuori il centrocampista clivense per una reazione sul franco-senegalese. Chievo in 10 negli ultimi minuti di gara. Non succede più niente, finisce 1-1 tra Torino e Chievo – tra i giustificati fischi della Maratona.

28 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ettore - 3 anni fa

    Unici giocatori su cui rifondare la squadra sono Baselli, Barreca e Ljanco erchr’er quest’ultimo potenziale fuoriclasse.Belotti se si riprende va ceduto al meglio.Mihajlovic cacciato subito ma Cairo non lo farà ‘ mai per non perdere quattrini.Se continua così ‘ faremo la fine dell’Empoli nel campionato scorso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13657769 - 3 anni fa

    Fine andata a 23 punti se ci gira bene. Meglio pensare a non creare l’ultima di ritorno con il genoa, a genova, una sfida salvezza.
    Come ho sempre scritto, sbagliando, che pensavo fosse un campionato da salvezza tranquilla

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. morassut.maur_295 - 3 anni fa

    Una squadra triste, senza gioco, guidata da un allenatore mediocre, sarà anche questa una stagione triste, altro che europa. E siamo solo a metà novembre…….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pieffe64 - 3 anni fa

      hai proprio ragione! altro anno buttato via… anzi … fatto l’ennesimo passo indietro, servirà il prossimo anno per ripartire dal niente

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. ALESSANDRO 69 - 3 anni fa

    Questa è la prova che quando i giocatori non sono al meglio non c’è modulo vincente che tenga. Leggo giudizi catastrofici che non posso condividere. Nessuno nega i problemi ma bisogna pensare e vivere partita per partita e l’obiettivo sarà sfumato solamente quando sarà la matematica a sancirlo. Oggi è stata una partita che potevamo anche perdere quindi cerchiamo di vedere il bicchiere mezzo pieno.
    Belotti non è in forma, tutti i grandi campioni attraversano momenti di crisi. Passerà e sarà più forte di prima non lo critico per aver sbagliato il rigore, lo apprezzo per aver avuto il coraggio di calciarlo.
    Un campione non deve mai sottrarsi alle sue responsabilità e lui oggi si è caricato sulle spalle la responsabilità anche di sbagliare ,dobbiamo essere orgogliosi di avere un giocatore così…Cerchiamo di sostenerlo, lui ci ha tolto tante castagne dal fuoco…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. granata - 3 anni fa

    Le colpe di chi deve dare un gioco alla squadra sono evidenti. Che senso ha far stazionare Baselli sulla fascia destra, quando è evidente che con la nuova disposizione tattica dovrebbe stare al centro del campo, con le spalle coperte dai due mediani (Obi e Rincon?), e dettare gioco? E perchè ognuno va dove vuole? Ho visto Ansaldi (terzino sinistro) operare a destra, Iago Falque spostarsi a sinistra, la squadra lunga e sfilacciata, nessuno in area quando si tentava il cross dalle fasce, Belotti retrocedere in difesa. E poi un ritmo soporifero, come ai tempi del peggior Ventura. Palloni malamente buttati in avanti per un Belotti sempre più malinconicamente isolato. Belle scelte sono stati Niang e Berenguer! Dateci Maran, che almeno sa schierare in campo i suoi con sagacia tattica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Simone - 3 anni fa

    Altra giornata buttata nel cesso grazie al NON gioco di Miha.
    San siro ci ha illusi e rieccoci a vedere nuovamente la mediocrità di questo allenatore.
    Teniamocelo fino alla morte!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. ciccio76 - 3 anni fa

    Questo probabilmente sarà un campionato di alti e bassi con piazzamento finale tra ottavo e decimo perché rispecchia la mediocrità di questo allenatore che non sa dare un gioco consigliando acquisti anche indecenti tutto questo alla faccia di credeva che la partita con l’Inter era la svolta. Nonostante tutto sempre più FVCG è che la prossima campagna acquisti ci porti un allenatore decente finalmente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. natureboy - 3 anni fa

    Comunque Belotti non deve tirare i rigori, non ha il piede delicato e non ha molti colpi. Lui deve fare altre cose, e le sa fare benissimo, ma i rigori lasciamoli tirare a Ljaic, Iago..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Filadelfia - 3 anni fa

    La differenza tra Torino e Sampdoria è nel 20% in più che da l’allenatore. Naturalmente a favore di Giampaolo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 3 anni fa

      Gianpaolo superiore ma anche il lavoro di quaglia e zapata, entrambi non graditi a torino

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Filadelfia - 3 anni fa

        Sottoscrivo totalmente.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. ilpalodiBeruatto - 3 anni fa

    Anche la Samp ora è andata. Ce la giochiamo con il Milan, la Viola e l’Atalanta. Se perdiamo con il Milan il campionato quest’anno è finito anche prima di Natale. Miha riuscirebbe a fare peggio anche dell’anno scorso.
    Belotti: non ci riesco a prendermela con lui. Secondo me dobbiamo aiutarlo noi. perdonatemi sono di parte e a lui perdono tutto!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 3 anni fa

      per carita’ non bisogna prendersela col gallo ma e’ dall’inizio che sono preoccupato del suo stato mentale (le tanti voci di mercato, una partenza non spumeggiante) e il metodo Miha anche qui, sembra essere gioca a tutti i costi, tira i rigori, non ha funzionato con Niang funziona col Gallo?

      Finche il gallo non gioca da Gallo non ci sono schemi, commenti, cazzate che tengono, e’ un toro sterile, incapace di finalizzare.

      Le bestemmie piu’ che altro vanno a Cairo & Petrachi a non prendere un centrale all’altezza, poi Miha a non provare NESSUN’ALTRO MAI in quella posizione. Manco 5 minuti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ilpalodiBeruatto - 3 anni fa

        hai ragione. Il Gallo è entrato in un imbuto psico-fisico pericoloso. L’infortunio forse è stato curato frettolosamente per la nazionale; l’inizio del campionato vedeva il Toro giocare con il 4231 che è un modulo che già l’anno Belotti soffriva; poi c’è stata la nazionale. Ci sperava nella qualificazione tanto da rinunciare a grossi ingaggi convinto di giocare titolare al Toro, fare sfracelli e entrare in carrozza a Russia 2018. Ora sa che tutto questo non ci sarà e che il suo valore forse è pari a un quinto dell’anno scorso. Infine non è sicuro che Miha sappia aiutarlo visto il gioco di oggi.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. drino-san - 3 anni fa

    De Silvestri non deve più giocare! Ci ha di nuovo fatto perdere 2 punti! Ma come si fa a non saltare su una palla del genere! Cosa pensava, di rinviarla? Magari di farla anche rimbalzare?! Giochiamo senza terzino destro, un qualunque centrale adattato farebbe meglio!! BASTA! BASTA! BASTA!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. silviot64 - 3 anni fa

      De Silvestri? Ah Belotti invece … Un attaccante da 100 milioni (ora ne varrà 20) non sbaglia rigori a raffica.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. robert - 3 anni fa

    Un attaccante che non sa tirare i rigori vale ZERO !!!!!Altro che 100 mln !!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. miele - 3 anni fa

    La fugace illusione suscitata dalla partita contro l’Inter si è già dileguata. Oggi si è visto chiaramente che la nostra collocazione è questa: centro classifica scarso, con tendenza allo scivolamento verso il basso. le prossime 4 partite ci porteranno al massimo 2 punti, con le conseguenze che è facile immaginare. e’ stato veramente imperdonabile non aver allontanato Mihajlovich dopo Firenze. Si è buttato un mese nella speranza che dalle rape si potesse cavare sangue, ma la realtà non tarda a venir fuori. Ora si insisterà con lui in panchina per risparmiare sull’ingaggio e si perderanno un sacco di quattrini per svalutazioni varie. Se almeno questa considerazione riuscisse a smuovere Cairo, sarebbe già una buona cosa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. natureboy - 3 anni fa

    E adesso iniziano 3 partite complicatissime, Miha tornerà a traballare e solita routine… che brutta partita oggi, mamma mia…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. natureboy - 3 anni fa

      mi correggo, 4 partite… la vedo grigia per Miha

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. FVCG'59 - 3 anni fa

    Giocatori spenti, senza grinta, pressing, gioco: ma il motivatore in panca, con 15 gg a disposizione, come l’ha preparata la partita? Solo Ansaldi si è salvato, tutti gli altri hanno fatto una partitaccia… che DELUSIONE!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Piero52 - 3 anni fa

    Ma per cortesia…. Niang non è in grado di legarsi le scarpe

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. rossogranata - 3 anni fa

    La schizofrenia del gioco granata riflette i problemi “naturali” eterni…del nostro Mister!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. prawn - 3 anni fa

    Maran superiore a Miha, Gallo non in forma doveva giocare al massimo un tempo.
    Complimenti al Chievo, la partita non e’ stata un gran bel vedere ma dissento dal criticare il Toro oggi, diverse occasioni, diversi cross.

    Rischierei Niang punta centrale con un Gallo appannato come oggi, almeno 45 minuti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Golfo - 3 anni fa

      fatto sta che qualsiasi cosa si provi o si cerchi di cambiare, non ce ne va mai bene una

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. magnetic00 - 3 anni fa

      Maran è dieci volte superiore a miha, cmq salviamoci e basta

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. natureboy - 3 anni fa

        non scriviamo stupidate, con questa squadra non retrocederemo mai, come d’altrocanto sarà quasi impossibile centrare l’europa.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy