Torino, il pagellone di fine 2019: Aina 5, le disattenzioni si pagano

Torino, il pagellone di fine 2019: Aina 5, le disattenzioni si pagano

I voti / Il difensore chiude il 2019 al di sotto del proprio potenziale

di Andrea Marchello, @AndreaMarchell0

Manca davvero poco alla fine del 2019, ed è tempo di giudizi, anche per i giocatori del Torino. Continuiamo adesso con Ola Aina, autore di una stagione – che ha visto il nazionale nigeriano disputare 14 gare e prendere 4 gialli – fin qui al di sotto del proprio potenziale.

PARTITA TOP – La sua migliore gara, ampiamente sopra la sufficienza, è forse quella disputata contro il Brescia. In quella occasione Aina si è dimostrato intraprendente nella costruzione dell’azione offensiva, aiutato da grande corsa e tanto fiato. Contro il Brescia il nazionale nigeriano è stato pure fonte di ispirazione per Belotti, messo più di una volta davanti al portiere avversario.

Da Sereni a Sirigu, da Pia a Belotti: ecco come è cambiato il Toro nel corso del decennio

PARTITA FLOP – Le prestazioni insufficienti del giocatore sono state molte: possiamo identificare però contro Cagliari, Inter e Verona le occasioni nelle quali è parso più in difficoltà. In queste gare il suo andamento è stato altalenante ed è stato superato facilmente dai suoi avversari, risultando non incisivo. Ma ciò che influisce di più nel giudizio finale sono state le frequenti disattenzioni, che hanno messo il Toro in una situazione di svantaggio, compromettendo l’andamento della gara ed il risultato finale.

VOTO – Alla luce di quanto visto, il voto che assegniamo al difensore granata è insufficiente, 5. Aina purtroppo ha fin qui mostrato un andamento altalenante, con dei cali di concentrazione che sono costati cari al gruppo. Nel 2020 Aina dovrà migliorare le sue prestazioni, per raddrizzare una stagione fin qui non soddisfacente.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. pupi - 6 mesi fa

    Danno Nicola ormai i panca al Genoa e Badelj al Toro. Beh, se non son lenti come la macina non li prendiamo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Giancarlo - 6 mesi fa

    Ok per il centrocampista che serve come il pane, ma il lato destro della squadra è altrettanto insufficiente. A pare mio il rendimento di Izzo risente anche dalle prestazioni di Aina, dovendo coprire i buchi che si creano in quella zona ed occuparsi anche della sua. Mi dispiace perchè, all’inizio specialmente, avevo creduto in lui, ma ora lo riterrei forse più utile più avanti, quando il caso, libero da compiti di marcatura e di spingere, cosa che mi pare talvolta sappia fare discretamente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy