Torino, inizio sfortunato per Millico: out per le prime due amichevoli

Torino, inizio sfortunato per Millico: out per le prime due amichevoli

Focus / Un affaticamento e un problema alla caviglia costringono ai box l’attaccante, che intanto riflette sul suo futuro

di Redazione Toro News

Non si può dire che l’inizio della stagione 2020/2021 sia stato particolarmente fortunato per Vincenzo Millico, che ha saltato le prime due amichevoli per problemi fisici. Un affaticamento ha indotto lo staff tecnico a tenerlo fuori per la prima uscita contro il Novara, mentre una botta alla caviglia subita in allenamento lo ha fermato per la seconda amichevole contro la Pro Patria. E così l’attaccante è stato costretto ad assistere dalla tribuna ad entrambe le partite.

Ora Millico cercherà ovviamente di rendersi disponibile per la terza amichevole, quella in programma sabato alle 18 contro la Pro Vercelli, in modo da avere una chance di dimostrare a Giampaolo di poter svolgere con profitto il ruolo di seconda punta nel 4-3-1-2. Intanto, resta per lui aperto il tema relativo al calciomercato, con il Torino che valuta la possibilità di prestarlo per una stagione in modo da permettergli di giocare con continuità. Alcuni club, anche di Serie A, sono interessati.

 

10 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ALESSANDRO 69 - 3 settimane fa

    Più che sul futuro dovrebbe riflettere sul recente passato…Chiedo scusa per la battuta ma se prima non riflette sulle proprie cazzate ogni discorso sul futuro diventa impossibile..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Pacman - 3 settimane fa

    Ma sto ragazzo ha sempre qualcosa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. bertu62 - 3 settimane fa

    Magari è “uveite” come Zangrillo diagnosticò al Berlusca un po di tempo fa,
    Oppure come per Briatore (sempre Zangrillo) è prostatite anziché Covid-19,
    và a capire…Certo che se fai la somma fra le ultime due di campionato (dove mancava il Gallo) e le prime due amichevoli (in cui nell’ultima mancava di nuovo il Gallo) il totale che risulta è sotto gli occhi di tutti…
    Diventa sempre più evidente che abbiamo bisogno di un attaccante “affidabile” che non abbia pretese da primadonna che si accontenti di stare parecchio in panchina e che non faccia “casino” casomai dovesse accadere ma che al tempo stesso sia “pronto” a subentrare nel caso in cui dovesse servire: Borini?? L’incontro di ieri di Vagnati è stato proprio con il Suo agente, magari il nostro DS avrà voluto assicurazioni in tal senso, non abbiamo bisogno di “uno sfascia spogliatoi”, serve gente “umile” ma allo stesso tempo “affidabile”, in poche parole dei professionisti…
    I nomi che sono stati accostati (Piatek) o altri che magari lo saranno portano TUTTI con se una grande incognita: si accontenteranno di starsene buoni in panca? Il Gallo NON SI DISCUTE, Lui E’ e RESTERÀ titolare imprescindibile, chiunque sarà la Sua riserva questo lo deve capire ed accettare, buono buono, senza fare casino o mandare a quel paese Allenatore di Turno o Società o entrambi, sennò finisci fuori squadra e poi in prestito, perché si sa, le “uveiti” sono sempre dietro l’angolo 🙂 ….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata69 - 3 settimane fa

      A noi serve l’attaccante titolare da affiancare al Gallo , non credo sia Borini quel giocatore. Serve uno di peso, inteso non come stazza,ma come presenza in campo, un punto di riferimento. Ripeto che non mi dispiacerebbe Torregrossa. Un altro anno ancora per capire che Zaza non può essere la spalla di Belotti? Sarebbero tre anni per arrivare a capire l’ovvio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Cuore granata 69 - 3 settimane fa

        Concordo..Zaza è un punta centrale come il.Gallo .concordo anche su Torregrossa bel giocatore a Brescia lo scorso anno uno dei pochi che si è salvato..buon senso della posizione e sa far gol un po in tutti i modi..Gabbiadini se no non sarebbe male ma credo che Ranieri non lo voglia cedere e Ferrero non può decimare la squadra..quando si era paventato uno scambio con Zaza dicevo ma magari..invece niente

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. bertu62 - 3 settimane fa

      Ciao ragazzi…
      Sarei anche d’accordo con Voi ma poi, a conti fatti, è Giampaolo l’allenatore del Toro adesso ed è Lui che sa come vuole che giochi la squadra e che ha in mente i ruoli, pertanto chi sono io per dire a Lui chi dovrebbe giocare a fianco di chi?
      Nel senso, SE il suo Modulo prevede che ci siano 2 punte (centrale, seconda…io sono convinto che Giampaolo non fa queste distinzioni “figlie” di un gioco del calcio che Lui non pratica..), ebbene Belotti e Zaza lo sono ed entrambi hanno dimostrato di saper buttare la palla in rete, hanno dimostrato di saper tenere alta la squadra e di poter giocare in funzione dell’altro…
      Noi commettiamo spesso l’errore di basare i nostri giudizi sul “passato”, su “come ha giocato “X” quando c’era Mazzarri”, ad esempio, oppure Ljajic e Sinisa: beh Giampaolo voleva già Zaza alla Samp e non penso proprio per “tenerlo in panchina” e fargli fare la riserva, sono convinto che aveva già in mente come sfruttare le Sue caratteristiche…
      Noi abbiamo visto Zaza e Belotti NON giocare assieme però era il Toro di Mazzarri, che NON HA NULLA a che fare con il calcio di Giampaolo, fatto da un 3/4rtista che Mazzarri non voleva, 2 mezzali che Mazzarri non voleva, un play basso che Mazzarri non voleva, in definitiva è un calcio completamente diverso dal precedente, fatto di possesso palla veloce e tocchi rapidi, di prima o al massimo un paio poi scaricare al compagno meglio messo, fatto di imbucate, di punte che fanno le punte e non gli esterni o i centrocampisti, fatto di pressing alto e di ripartenze, diversissimo dal PRIMO non prendere Gol ma esattamente l’opposto, facciamo PIU’ Gol possibili, comunque SEMPRE almeno uno PIU’ degli avversari (molto “Zemaniano”…)… Onestamente non so SE e QUANDO Giampaolo riuscirà in questo intento ma mi pare che la direzione intrapresa finora lasci ben sperare: acquisti mirati e funzionali al gioco del Mister (terzini di ruolo e mezzala), ricerca e pressing su play e 3/4rtista…
      Insomma, abbiamo sopportato il tiki-taka di GPV sterile se non per le invenzioni di Cerci & C., abbiamo sopportato il modulo 3-1-6 di Sinisa, tutti avanti e speriamo bene, abbiamo sopportato il difensivismo estremo di Mazzarri col Suo 6-3-1, possiamo almeno aspettare e vedere DOVE ci porterà il 3-4-1-2 di Giampaolo prima di deprimerci tutti quanti alla Vanni & C?
      Ciao a Granata69 e Cuore_Granata69, grande annata quella, come tutte quelle “targate” anni ’60 🙂 … Un saluto anche a LeoJunior, CIAO FRATELLO!!!!
      FV♥G!! SEMPRE!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Grizzly - 3 settimane fa

    Per come calcia in porta potrebbe anche restare e cercare di ritagliarsi uno spazio, però tatticamente è veramente molto acerbo per cui lo vedrei bene in prestito in una squadra di serie B dove potrebbe mettersi in mostra, non lo darei in serie A perchè difficilmente una squadra di A tende a valorizzare giocatori in prestito senza esperienza.

    Peccato non averlo provato di più in questi pochi giorni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Pavl73 - 3 settimane fa

    Ecco bravo
    Che rifletta…
    Ne ha bisogno
    Sono sincero. Lo vedo più come un personaggio negativo x un gruppo
    Deve maturare e tanto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. iard68 - 3 settimane fa

    Mah…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bertu62 - 3 settimane fa

      Concordo…e anzi rilancio 🙂 !!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy