Torino, Millico e Aina due punti interrogativi: verso la panchina con il Parma

Torino, Millico e Aina due punti interrogativi: verso la panchina con il Parma

Focus / I due giocatori sono segnalati come quelli più indietro dal punto di vista fisico, difficilmente Longo punterà su di loro contro i crociati

di Roberto Ugliono, @UglionoRoberto

Non solo panchina corta, ma soprattutto scelte quasi obbligate per la formazione titolare. Moreno Longo oltre agli infortunati deve fare i conti anche con i giocatori indietro di condizione. I grattacapi per il tecnico, dunque, sono parecchi. Da un lato c’è un Vincenzo Millico che è segnalato come il giocatore più in ritardo di condizione, dall’altra Ola Aina non dà abbastanza garanzie dal punto di vista tattico per l’eventuale 4-4-2 studiato per la ripresa. E questo è un problema doppio, perché proprio nei loro ruoli le scelte sono risicate. In attacco l’infortunio di Simone Verdi, che sembra comunque meno grave del previsto, e sugli esterni quello di Cristian Ansaldi rendono quasi scontate le scelte del tecnico granata.

Torino, l’allenamento odierno: partitelle e palle inattive senza Ansaldi e Verdi

MILLICO – Quasi sicuramente Millico il campo lo vedrà in maniera graduale. Le sue condizioni atletiche sono tali da non permettergli di essere utilizzabile a pieno regime, ma andrà aspettato. Il talentino granata, tra gli ultimi a rientrare, sarebbe di vitale importanza in questo momento, visto la già citata assenza di Simone Verdi. Per questo serve farlo rientrare in condizione, ma senza affrettare i tempi, altrimenti si rischierebbe di perdere un’altra pedina.

AINA – Discorso diverso per il laterale nigeriano. Le condizioni fisiche di Aina non sembrano preoccupare lo staff di Longo, ma per lui il ragionamento è di tipo tattico. Se Longo dovesse optare per il 4-4-2, l’ex Chelsea dovrà trovare una nuova collocazione. Come terzino non ha convinto a pieno il tecnico granata e avrà bisogno di lavorare per poter ricoprire quel ruolo. Più probabile che – soprattutto nelle prime partite – venga utilizzato come esterno di centrocampo. Chiaramente se dovesse essere confermata la difesa a 3, allora Aina potrebbe trovare più spazio da subito. La sua situazione rende comunque ancora più risicate le scelte in difesa, dove al momento c’è un solo terzino di ruolo, ovvero Lorenzo De Silvestri.

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. peter1 - 2 mesi fa

    In questo momento il Toro appare come la squadra più vulnerabile di tutta la serie A. Poi, magari, il campo ci dirà l’esatto contrario.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. gigioscal - 2 mesi fa

    La società ha giustamente rispettato la privacy ma ormai si è capito che era lui il positivo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. gpbess1 - 2 mesi fa

    Mi viene da pensare che Millico potrebbe essere il giocatore risultato positivo e per questo abbia perso almeno 15 gg di preparazione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gianTORO - 2 mesi fa

      beh si potrebbe essere in effetti…grazie dello spunto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. gianTORO - 2 mesi fa

    …mi choiedo…ma come mai Millico che un giovanissimo è in ritardo di condizione mentre altri più “maturi” di lui non lo sono? per evitare di ricamare sul discorso “più maturi di lui” qualcuno ha info? grazie

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. crew_389 - 2 mesi fa

      Millico… tutto avvolto nel mistero.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy