Torino-Palermo: è Nestorovski l’unica certezza dell’attacco rosanero

Torino-Palermo: è Nestorovski l’unica certezza dell’attacco rosanero

Verso il match / Il macedone classe ’90, con dieci gol stagionali, è una delle poche note liete della deludente stagione dei rosanero

di Nicolò Muggianu

Quando si dice “fare reparto da solo”. E’ il caso di Ilija Nestorovski, attaccante macedone classe 1990 attualmente in forza al Palermo, che grazie a uno spiccato senso del gol risulta essere una delle poche certezze della stagione sottotono dei rosanero. Arrivato tra la curiosità nel capoluogo siculo il ragazzo si è subito ritagliato uno spazio da protagonista in un reparto offensivo che stenta ancora a trovare la giusta quadratura. Dopo la partenza nel mercato invernale di Quaison, infatti, sono stati in molti ad alternarsi al fianco del numero trenta; ma con scarsi risultati.

PALERMO, ITALY - OCTOBER 17: Ilja Nestorovski (C) of Palermo shows his dejection after missing a goal during the Serie A match between US Citta di Palermo and FC Torino at Stadio Renzo Barbera on October 17, 2016 in Palermo, Italy. (Photo by Tullio M. Puglia/Getty Images)
PALERMO, ITALY – OCTOBER 17: Ilja Nestorovski (C) of Palermo shows his dejection after missing a goal during the Serie A match between US Citta di Palermo and FC Torino at Stadio Renzo Barbera on October 17, 2016 in Palermo, Italy. (Photo by Tullio M. Puglia/Getty Images)

I vari Trajkovski, Embalo, Balogh e Sallai infatti hanno avuto più occasioni per mettersi in mostra senza però mai riuscire a lasciare il segno. Significativi, a questo proposito, sono i dati riguardanti le marcature dei giocatori citati in precedenza con il personal-score di ognuno fermo ancora a zero reti, salvo il macedone Trajkovski, autore di un unico gol in campionato in un rocambolesco Genoa-Palermo del 19 dicembre 2016 conclusosi poi 3-4. Da sottolineare però anche la giovanissima età dei giocatori in questione con gli ungheresi Balogh e Sallai nati rispettivamente nel 1996 e 1997 ed Embalo – originario della Guinea-Bissau – nato nel ’94. Su di loro dunque potrebbe essere costruito il futuro offensivo del Palermo con una squadra e una società sempre più in crisi di risultati e di identità.

PALERMO, ITALY - FEBRUARY 12: Head coach Diego Lopez of Palermo looks on during the Serie A match between US Citta di Palermo and Atalanta BC at Stadio Renzo Barbera on February 12, 2017 in Palermo, Italy. (Photo by Tullio M. Puglia/Getty Images)
PALERMO, ITALY – FEBRUARY 12: Head coach Diego Lopez of Palermo looks on during the Serie A match between US Citta di Palermo and Atalanta BC at Stadio Renzo Barbera on February 12, 2017 in Palermo, Italy. (Photo by Tullio M. Puglia/Getty Images)

Buone notizie dunque per la difesa granata che scontrerà proprio i siciliani nel prossimo incontro di Serie A in programma domenica 5 marzo alle ore 15.00. Oltre al recupero di Rossettini, infatti, il Torino potrà sfruttare le difficoltà offensive della squadra allenata da Diego Lopez che, con soli 22 gol all’attivo, costituisce il terzo peggior attacco di tutto il campionato. A tal proposito però, un trattamento d’eccezione dovrà essere riservato proprio a Nestorovski il quale, con dieci gol, è certamente l’uomo in più del Palermo. Al suo fianco, nel 4-3-3 del tecnico urugayano, potrebbero esserci poi Sallai e Balogh autori di una buona partita nell’ultimo incontro casalingo dei rosanero terminato 1-1 contro la Sampdoria.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy