Torino, l’ultimo gol su punizione compie tre anni: lo firmò Ljajic a Genova

Torino, l’ultimo gol su punizione compie tre anni: lo firmò Ljajic a Genova

Approfondimento / Adem Ljajic, tre anni fa, firmava l’ultima rete su calcio piazzato: cos’è successo ai tiratori del Toro?

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

Punti di forza e punti deboli. Il Torino ha attraversato diversi stadi negli ultimi anni, trovando costanza di rendimento e tornando anche ai preliminari di Europa League lo scorso anno. Un percorso di crescita nato con Gian Piero Ventura, che ha portato i granata a competere costantemente per la parte sinistra della classifica, se si esclude il grosso incidente di percorso di questa stagione. Ma ci sono aspetti in cui il Toro ha compiuto un’involuzione senza appelli: uno su tutti, i calci di punizione.

Torino, Vagnati a colloquio con i giocatori: obiettivo ricompattare l’ambiente

TRE ANNI – Sono passati, ormai, tre lunghi anni da quel 21 maggio 2017. Il Torino cadeva in casa del Genoa ma, allo stesso tempo, Adem Ljajic realizzava l’ultimo gol sul punizione dei granata. 1095 giorni in cui nessun giocatore granata, nonostante la crescita della rosa, sia riuscito a realizzare una rete su un calcio da fermo. Il sintomo di un’arma che ormai il Toro non ha più.

De Feudis e quel gol-promozione del 2012: “Gioia incredibile, i tifosi lo meritavano”

POST LJAJIC – Quando è arrivato Mihajlovic alla guida del Torino, i calci piazzati erano in cassaforte. In primo piano c’era proprio Ljajic, lo specialista per eccellenza, che andava anche a scuola dal mister serbo. Non solo per i gol, anche molto importanti (come quello contro la Juventus, un capolavoro), ma anche per gli assist a Belotti e compagni. In caso di assenza di Ljajic, c’era uno Iago Falque abbastanza incisivo. E poi? Quando Ljajic ha lasciato il Toro, il suo ruolo di battitore non è mai stato preso da nessuno. Per quanto ci sia stato impegno da parte di molti giocatori granata, tra cui anche Daniele Baselli. Il numero 8 del Toro ha un destro più che educato, ma purtroppo i risultati sono stati negativi. Dopo tanto tempo di astinenza si aspettava l’arrivo di Simone Verdi, anche lui considerato uno specialista, dato il suo curriculum (che vanta anche un match in cui ha segnato due gol su punizione con due piedi diversi). Ma non è stato affatto un successo: il gol su punizione tanto atteso, non è mai arrivato. Il Toro ha perso un’arma che molto spesso può risultare più che utile. Tra le mille considerazioni che la squadra granata dovrà fare in questa stagione, ci sarà anche questa: serve al più presto un nuovo Ljajic. E, per inciso, il serbo poteva piacere o meno, ma aveva un talento spropositato sui calci da fermo.

22 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Come un pugno chiuso - 3 mesi fa

    ma questa è solo una delle tante qualità di una squadra difficilmente migliorabile
    e all’altezza, in tutti i sensi, del suo illuminatissimo tutore !
    come non ricordare i calci d’angolo battuti all’indietro, il magnifico autogol
    di un portiere su rilancio, la classe sopraffina e la potenza di fuoco di un centrocampo
    mai così forte, il gioco sempre spumeggiante, il numero impressionante di derby vinti,
    la sensazione costante di una squadra ed una società in costante crescita e
    vicinissima ai fasti del passato…
    insomma, io direi non tre, ma ben quindici anni di assoluta goduria !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. drino-san - 3 mesi fa

    Io rivorrei liajic solo se in panchina arrivasse Delio Rossi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maxx72 - 3 mesi fa

      Ahahah è vero! Quante mazzate gli ha tirato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. maxx72 - 3 mesi fa

    Io aspetto Simone….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bacigalupo1967 - 3 mesi fa

      Butta in aria le mani
      e poi lasciale andar
      muovile ancora con me
      un po’ di qua e un po’ di la’
      Batti in aria le mani
      e poi falle vibrar
      se fai come Simone
      Adesso che hai capito
      certamente puoi
      giocare sempre
      con gli amici tuoi
      Come puoi veder
      non e’ difficile
      segui il ritmo e niente piu’

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Bacigalupo1967 - 3 mesi fa

      Aspetteresti meno con Donnarumovich

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. CLAUDIO - 3 mesi fa

    Eppure C’è chi ricorda adem solo per la Ferrari al fila… Ma Belotti senza i suoi assist ha meno che dimezzato le sue Reti . su punizione non si segna nemmeno per sbaglio e di giocate degne del prezzo del biglietto non se ne sono più viste……..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bacigalupo1967 - 3 mesi fa

      Lo ricordiamo anche per essere stato messo fuori squadra da Sinisa che lo aveva fortemente voluto.
      Lo ricordiamo anche perché nessuna squadra di media levatura europea lo ha voluto.
      Lo ricordiamo perché la sua avventura turca sembra finita senza troppa gloria.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. maxx72 - 3 mesi fa

        Ricordiamolo anche per quella superfidanzata

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Bacigalupo1967 - 3 mesi fa

          Numero uno assoluto.
          Bellissima.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Bacigalupo1967 - 3 mesi fa

          Nulla a che vedere con le sgallettate acchiappa tronisti affamate di fama

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. maxx72 - 3 mesi fa

            Vedi le varie fidanzate di Parigini…

            Mi piace Non mi piace
          2. Bacigalupo1967 - 3 mesi fa

            La limonatrice dubeiana.
            Ps non parlare di Parigini o chi sai tu dice che la bullizzo

            Mi piace Non mi piace
      2. Simone - 3 mesi fa

        La serie A è piena di giocatori che hanno discusso/litigato col proprio allenatore.
        Ljajic fece una settimana o poco più in tribuna, poi tornò e illuminò come prima il.gallo.
        Xò è più comodo attaccarsi al litigio x offuscare tutto il resto…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. maisenzatoro - 3 mesi fa

    “Minchia, tre anni!” (cit. Antonio Catania nel film premio Oscar “Mediterraneo”).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 3 mesi fa

      Grande citazione 🙂

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Immer - 3 mesi fa

    Grande giocatore e noi l’abbiamo perso per due soldi il nostro amato guru ha voluto cosi. Il nostro prode non acquisterà mai nessuno come lui.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. grup_8223689 - 3 mesi fa

    La spiegazione é abbastanza semplice… Il nostro gioco é lentissimo quasi mai giochiamo con ripartenze veloci,che mettono in difficoltà le difese.. Ci limitiamo ad un lentissimo giro palla al limite del area avversaria che di solito si esaurisce con un ridicolo tentativo di dribbling oppure con un passaggio sbagliato..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. suoladicane - 3 mesi fa

      hai dimenticato il traversone dalla trequarti per nessuno in area
      SFT

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. crew_389 - 3 mesi fa

    Una delle più brutte punizioni. magistrale quella contro i gobbi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Héctor Belascoarán - 3 mesi fa

      Il cioccolatino infilato nel kulo delle Mèrde…

      Perdonate i francesismi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. christian85 - 3 mesi fa

    E’ il solito problema che abbiamo… da anni.
    Ljajic è vero che era tutto particolare, ma uno che tira bene le punizioni è oro colato.. soprattutto per una squadra come noi che non ha ancora quella mentalità da grande.

    Dovrebbe essere Verdi, ma viste le sue punizioni lasciamo stare…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy