Torino tutto da testare a Firenze: la Viola punta su concretezza e 3-4-3

Torino tutto da testare a Firenze: la Viola punta su concretezza e 3-4-3

Temi Tattici / Esordio per il nuovo modulo di Giampaolo con un Rincon regista tutto da testare. E le triangolazioni predicate dal tecnico quanto sono già oliate?

di Andrea Calderoni

Quali saranno i temi tattici di Fiorentina-Torino? La partita si presenta con diversi punti di domanda. Le due squadre sono ancora in uno stato embrionale, complice i pochi giorni di preparazione e il calciomercato ancora apertissimo. Una cosa è certa, tuttavia: la Fiorentina sta proseguendo il lavoro iniziato lo scorso inverno con Beppe Iachini, mentre la caravella granata è nel mezzo di una vera e propria rivoluzione di uomini e tattica. Sarà la prima gara ufficiale di Marco Giampaolo e sarà l’esordio del suo 4-3-1-2, che manderà in soffitta la difesa a tre che ha caratterizzato le ultime due stagioni granata.

LEGGI ANCHE: Fiorentina-Torino apre la Serie A 2020/2021: Giampaolo esordisce tra mille difficoltà

TRIANGOLAZIONI – Le triangolazioni sono il fulcro del gioco di Giampaolo, ma per averle bisogna far affidamento su un’organizzazione ben oliata. Il Torino al momento è ancora un po’ indietro da questo punto di vista. La gara del “Franchi” sarà un bel banco di prova per comprendere quanto indietro sia la formazione di Giampaolo, in attesa di inserire nuovi volti soprattutto in cabina di regia. I granata si troveranno di fronte ad una Viola che farà della pragmaticità la sua caratteristica principale. D’altronde la concretezza è il marchio di fabbrica di un allenatore “riparatore” come Iachini, che nella sua Fiorentina si sta giocando l’opportunità più prestigiosa e sentimentalmente più bella della sua lunga carriera.

LEGGI ANCHE: Fiorentina, retroguardia collaudata: Caceres favorito su Igor

3-4-3 VIOLA – Il Torino sfiderà una difesa a tre: la Fiorentina, infatti, attaccherà presumibilmente con il 3-4-3 e difenderà con il 3-5-2. Sarà un obiettivo viola inibire il palleggio di Giampaolo. Dal punto di vista difensivo il Torino, invece, dovrà prestare grande attenzione non soltanto agli avanti di Iachini ma anche ai possibili inserimenti di centrocampisti, su tutti Gaetano Castrovilli. Non a caso nelle tre amichevoli precampionato contro Lucchese, Grosseto e Reggio Audace i gol segnati dalla Fiorentina sono stati 15, a fronte dei 2 incassati. In attesa di un regista (Lucas Torreira favorito su tutti), il Torino avrà come metronomo Tomas Rincon. La sua prestazione influenzerà certamente il match granata. Il suo test sarà complicato, così come per tutto il centrocampo del Torino, perché la mediana della Fiorentina è da top class pur senza Amrabat e probabilmente Pulgar.

LEGGI ANCHE: Toro, il centrocampo della Fiorentina sulla carta è superiore. Ma non ci sarà Amrabat

22 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Innav (CAIRO RESTA CON NOI) - 2 giorni fa

    Se non arriva oggi Torreira perché non girare su Valdifiori? Contratto a numero passaggi superiori ai 3 metri, si può fare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. marione - 2 giorni fa

      Vanni, non ti va bene nulla. A dar retta a te sembrerebbe che cairo abbia fallito in tutti i 15 anni di presidenza

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Innav (CAIRO RESTA CON NOI) - 2 giorni fa

    Un bel 5-4-1, Rincon regista basso, scambiandosi alternativamente con Nkoulou e Meite. Io un pensierino sul Donnarumma serbo per le ripartenze lo farei, al posto di paracarro Sirigu. Portiere inutile negli schemi del MAESTRO.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Toro_felix - 2 giorni fa

      Propongo di schierare il tuo portiere come regista 🙂

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. mont67 - 2 giorni fa

    Dai ” CLASSE “GP fai vedere di che pasta sei fatto!! Vincere o Morire…….
    SEMPRE FORZA TOROOOOOOOOOO!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. marione - 2 giorni fa

      Non vi è bastato quello che ha fatto vedere altrove?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Innav (CAIRO RESTA CON NOI) - 2 giorni fa

        A Milano lo pensano ancora.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. marione - 2 giorni fa

          si, pieno di amore il saluto degli ultras, soprattutto con l’augurio di grandi successi.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Pikabu - 2 giorni fa

    Dunque: acquistato un terzino sinistro a mio avviso molto scarso (Rodriguez); un altro almeno più tignoso (Murru che spero torni quello di Cagliari e primo anno Samp); un terzino destro da scoprire che mi da buone sensazioni come essere umano (Vojvoda); un centrocampista discreto per lotta e sostanza (Linetty).
    In spogliatoio ancora molti scontenti e indecisi sul loro futuro.
    Solito teatrino per l’acquisto di almeno un elemento di qualità (appena) sopra la media (Torreira).
    Un manico nuovo con fama da integralista a mischiare il tutto, con preferenza smaccata per l’usato sicuro.
    Il buon senso e la ragione mi fanno stare preoccupato. Per fortuna il calcio è tutt’altro che scienza e magari il campo stupirà tutti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Toro_felix - 2 giorni fa

      Usato sicuro, non può fare altro viste le esperienze precedenti e la piazza che si palesa su questo forum. Forza Toro e tiriamo in porta!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Messere Granata - 2 giorni fa

    Triangolazioni, certo. Ben oliate, magari. Mentre il Torino “ripassa” la Trigonometria, “spulcio” la lista delle cose da fare. Dunque: ritirare la Posta, dar da mangiare al gatto, pagare le bollette e, ah sì. Tirare in porta, spesso e volentieri. Belle “bombe” da fuori area. Anche senza “triangoli”, per ora. E poi, ricordarsi di chiudere i rubinetti, abbassare le tapparelle e spegnere la luce. Sogni d’Oro amici Granata. Vincere si può. Solo Forza Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. mah... - 2 giorni fa

    “Servirà limitare i danni”, “Sulla carta ci asfaltano”…Ma basta, ma andate tutti a Venaria. Noi sappiamo già di avere ormai lo scudetto in tasca grazie al nostro grande presi*ente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Innav (CAIRO RESTA CON NOI) - 2 giorni fa

      Ambiente negativo. I calciatori si deprimono.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Faustoro - 2 giorni fa

    Sulla carta ci asfaltano… spero di sbagliarmi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. mah... - 2 giorni fa

    “Tutto da testare” un corno. A Firenze si va a insegnare calcio con il Maestro, “una scelta facile”… “I giocatori fondamentali per il mister sono stati presi.” Rassegnatevi “Non sono stati fatti gli errori dello scorso anno”…Andiamo a comandare!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. mah... - 2 giorni fa

      Quanti pollicini giù…tutti gobbi di?…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Gianluca - 2 giorni fa

    Io fossi in Giampaolo in vista di Fiorentina e Atalanta (squadre rodate, anche se i bergamaschi saranno alla prima partita) metterei da parte le novità tattiche – così poi da avere il tempo per lavorarci e non essere esonerato a novembre. Bisogna ripartire dalla squadra che perse 2 trasferte su 19 due stagioni fa. Mi schiererei, sulla falsariga di Mazzarri, ma con difesa a 4, così: Sirigu in porta; Ansaldi a destra e Murru a sinistra (o Vojvoda/Ansaldi); Bremer e NK centrali; poi Rincon davanti alla difesa, senza fronzoli. Con lui Linetty e Lukic/Segre. Quindi Meitè trequartista a pressare alto. Infine Berenguer ad affiancare Belotti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gianluca - 2 giorni fa

      A subentrare Vojvoda/Murru, Zaza, Lukic/Segre, Falque e Izzo. Giocando umili e concentrati possiamo strappare due punti (uno a Firenze e uno in casa che sarebbero preziosi). Poi potremo cominciare, si spera con qualche acquisto, a giocare a calcio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Mimmo75 - 2 giorni fa

      Se Giampaolo si “piega” ad altre tattiche mi faccio prete

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 giorni fa

      Senza nessuna polemica, ma che Gianpaolo schieri la squadra come proponi, è fantascienza allo stato puro…
      Ad ogni modo queste prime partite con defezioni, squadra da completare e nuovo modulo tattico, le vedo molto difficili. Servirà limitare i danni. Se poi faremo punti tanto meglio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Gianluca - 2 giorni fa

        Vediamo. Io dopo 38 partite accettabili (2018/19, alcune a fatica) + 38 insulti al calcio (dai, sono stati decenti i primi 60′ contro il Verona e poco altro) credo di aver capito che questa squadra non può avere la palla fra i piedi, al momento. I fatti sono due: o Giampaolo è un mostro di tattica e di limatura ai piedi e mi smentisce (sarei felicissimo) oppure deve prenderne atto e finché non gli prendono chi gli serve deve adattarsi. Palla alla Fiorentina e noi, come Mazzarri insegna (non tutto è da buttare) a pressare alto con Meitè (che poi inizia l’inverno e lo perdiamo per 4/5 mesi). Non c’è altra soluzione. Linetty può aggiungere qualcosa. E a volta basta avere un uomo in grado di uscire con una certa velocità dal traffico per ripartire bene. Però se mette Verdi e Zaza davanti… bah, se pareggia o vince è un fenomeno. E io lo applaudirò con convinzione.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 giorni fa

      @gianluca: non è che non sono d’accordo con il tuo ragionamento, ma per quel poco che conosco Gianpaolo non ce lo vedo a stravolgere la sua idea di calcio. Secondo me proporrà subito i suoi concetti e anche se non dovessero dare risultati immediati in parte penso sia giusto così, perché i giocatori dovranno assimilare il suo modo di giocare prima possibile e rimandare potrebbe essere ancor peggio rispetto alle prime sconfitte a cui probabilmente andremo incontro a iniziò campionato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy