Torino: Ventura costretto a ridimensionare le aspettative

Torino: Ventura costretto a ridimensionare le aspettative

Roma- Torino 3-0 /  ”Obiettivo salvezza”: ma il tecnico solo pochi mesi fa diceva ben altro…

di Redazione Toro News

Una dichiarazione del tecnico del Torino, nel post-partita di Roma-Torino, è particolarmente da approfondire. Il mister genovese ha infatti detto ieri: “L’obiettivo del Torino è il mantenimento della categoria. Ma del resto credo che sia l’obiettivo di tutte le squadre di questo campionato, eccetto che per cinque o sei compagini…”

Per chi ha buona memoria, queste sono parole che stridono parecchio con dichiarazioni rilasciate nei mesi scorsi dallo stesso “Mister Libidine”. Ad esempio, riprendiamo le parole di Ventura dopo il Torino-Udinese terminato 2-0 dello scorso aprile, che lanciava i granata al sesto posto a tre giornate dalla fine della Serie A 2013-2014. L’anno prossimo dovremo fare meglio di quest’anno, o altrimenti tutto questo lavoro sarà stato inutile”, diceva allora Ventura.

Intendiamoci, è da apprezzare il realismo di oggi di Ventura. Ciò che ha detto ieri il mister genovese corrisponde probabilmente alla realtà: il Torino prima di tutto deve pensare a fare quaranta punti. Chi deve invece porsi delle domande sono  i vertici della società, in primis il presidente Cairo: sbagliava in quei tempi Ventura, che forse si era lasciato prendere troppo dall’entusiasmo, o ieri il mister ha pubblicamente preso atto del fatto che la squadra consegnatagli lo costringe a un ridimensionamento degli obiettivi? Non si può negare: puntare alla salvezza, per una società l’anno scorso terminata settima, è un passo indietro: soprattutto in un campionato dove il livello francamente non è altissimo e in cui, salvo che per due-tre squadre decisamente superiori, la qualità è decisamente livellata e ce la si può giocare con tutti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy