Toro, il 4-4-1-1 cangiante si è rivisto a Genova: ed è di nuovo clean sheet

Toro, il 4-4-1-1 cangiante si è rivisto a Genova: ed è di nuovo clean sheet

Focus on / Difesa a quattro in fase di possesso, 3-4-2-1 con la palla tra i piedi: il modulo adottato contro Napoli e Genoa ha portato a due reti inviolate

di Andrea Calderoni

Il Torino ha confermato di essere un po’ un camaleonte a Marassi. La squadra di Walter Mazzarri, tra diversi importanti difetti, ha il pregio di saper cambiare pelle con discreti risultati. Il 4-4-1-1 in fase difensiva di Genova ha permesso ai granata di essere più solidi difensivamente rispetto al recente passato e non è un caso che la soluzione adottata abbia portato in dote a Salvatore Sirigu e compagni il terzo match senza reti incassate in questo campionato. Tra l’altro la medesima disposizione tattica era stata proposta anche nella gara interna contro il Napoli di inizio ottobre e anche in quel caso Sirigu blindò la porta. Non un’assoluta novità, quindi, la retroguardia con quattro elementi in fase di non possesso.

BREMER TERZINO – Rispetto al match contro il Napoli, non è stato dirottato Armando Izzo sulla fascia di destra nel ruolo di terzino bloccato, ma è stato utilizzato Gleison Bremer sulla sinistra. Ironia della sorte il brasiliano si è trasformato anche nell’uomo del match grazie all’incornata vincente su traversone di Simone Verdi, ma la sua importanza sta a monte. Da laterale difensivo sinistro si è ben comportato, soprattutto in chiave difensiva. È chiaro che con il Torino in possesso palla il sudamericano ha stretto la propria posizione al fianco di Nicolas Nkoulou e Izzo, trasformando il modulo granata dal 4-4-1-1 al 3-4-2-1. Con Bremer terzino a sinistra, è potuto tornare ad occupare il ruolo di laterale difensivo destro Lorenzo De Silvestri. Un ritorno alle origini per l’ex laziale, che ha costruito le fortune della propria carriera in quella posizione, ben diversa rispetto all’esterno nel centrocampo a cinque.

Le prospettive di un Toro così

VERDI ESTERNO – La disposizione tattica ha permesso ai granata di occupare meglio il campo, inibendo soprattutto nel primo tempo la manovra del Genoa. Nella ripresa qualche spazio in più è stato concesso e i rossoblù hanno sfiorato in almeno tre circostanze il gol del vantaggio, ma questo è stato dettato anche dal dispendio di energie del Torino nella prima frazione. Il 4-4-1-1 che diventa 3-4-2-1 è apparso, comunque, un modulo molto contenitivo in grado di garantire maggior equilibrio ad un Toro fragile. Inoltre, è probabilmente lo schema che permette a Verdi di esprimersi nel migliore dei modi: partendo dalla fascia destra con la licenza di svariare sembra poter sfruttare meglio le sue qualità. Vedremo se nel futuro la difesa a quattro in fase di non possesso verrà riproposta: in tal caso capiremo se due indizi, fanno una prova e il Toro tornerà ad essere meno perforabile.

28 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. iugen - 1 settimana fa

    Sisi, tutto bellissimo, pressing, aggressività, blababla… Però l’articolo si è scordato di dire che come al solito non abbiamo creato mezza palla gol, indipendente dallo schema

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FORZA TORO - 1 settimana fa

      quella colossale di Ansaldi,per restare al primo tempo,sei mentalmente cieco

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-14272643 - 1 settimana fa

    Ma quell’ 1 davanti chi era? Probabilmente un ologramma..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TOROPERDUTO - 1 settimana fa

      Il portiere avversario gnurant

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. TOROPERDUTO - 1 settimana fa

    Più che altro clean shit, ricordate di girare con i sacchettini

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Leo - 1 settimana fa

    (1) MAZZARRI è un fissato di TATTICA e di PRESSING e questo sa fare. Se vogliamo massimizzare i risultati è meglio lasciarlo lavorare sul suo terreno. I tentativi di snaturare il suo gioco catenacciaro hanno confuso lui ed i giocatori. A Genova ha riacquistato lucidità e non il contrario.

    (2) Non capisco perché tutto questo scandalo nel vedere BERENGUER schierato come centrale d’attacco: Mazzarri ha molto semplicemente optato per il FALSO NUEVE, un accorgimento utilizzato da un sacco di allenatori.L’idea è di attaccare lo spazio con i centrocampisti e non dare riferimenti ai difensori: se lo fanno gli altri sono dei geni se lo facciamo noi (e vinciamo!) siamo dei deficienti.

    (3) La difesa a 4 va meglio di quella a 3 quando il centrocampo è a 4: secondo me, molto semplicemente, perché è più facile avere un centrocampista che scali al momento ed al tempo giusto. Con la difesa a 3 dobbiamo avere 5 a centrocampo.

    (4) Verdi deve giocare sulla 3/4 avversaria ed a destra : si vede palesemente che lì si trova meglio. Siccome è costato un sacco di soldi e siccome non abbiamo alternative di fosforo, conviene lasciarlo in quella posizione.

    (5) L’acquisto di Zaza è stato un errore, da SEMPRE: è una brutta copia del GALLO. Era stato comprato perché il PRESIDENTE sbavava nel sognare un assegno da 100 milioni con la vendita del GALLO e non voleva farsi trovare con un nuovo AMAURI. Quindi se va via, amen.

    (6) Come si fa a volere in campo MILLICO? Sarebbe per lui un suicidio. Ve lo ricordate quando è entrato col WOLVERHAMPTON? Faceva quasi tenerezza. Il ragazzo è fortissimo e si vede ma manca totalmente di esperienza ed ha bisogno di almeno un anno in serie B con un allenatore che lo lanci.

    (7) Quando il Presidente si deciderà a nominare un Direttore Tecnico sarà sempre troppo tardi (dal momento che BAVA è missing in action)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mimmo75 - 1 settimana fa

      Berenguer non è stato impiegato li per scelta tattica ma per scelta tecnica. Zaza è stato silurato (sennò almeno a gara in corso e bloccata sullo 0 – 0 sarebbe entrato) e il Gallo non c’era. Altre prime punte non ne abbiamo e allora la scelta è caduta sull’unica alternativa appena credibile nel ruolo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Pesce - 1 settimana fa

      Mi piace ricordare che kulusewski e Vlahovic, l’anno scorso giocavano in primavera con atalanta e fiorentina ed oggi giocano e segnano regolarmente in serie a. Millico invece, che lo scorso anno era il vero fenomeno del campionato primavera, quello che distrutto tutte le statistiche non vede mai il campo. Bah!, Altro che un anno di serie b…..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Francesco67 - 1 settimana fa

    Cambiare sempre moduli e giocatori porta solo a confusione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Il_Principe_della_Zolla - 1 settimana fa

    4-4-1-1 con doppio scappellamento a destra, prematurato, o scherziamo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. fabrizio - 1 settimana fa

    diamo i numeri……
    con due pali in meno, sarebbero tre punti in meno…
    poi 4-4-1-1, 5-5-0, 5-5-5 etc….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Leo - 1 settimana fa

      spiace ma la storia non si fa con i “SE”

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-13734369 - 1 settimana fa

    CG
    sarebbe ora di finirla con la contestazione non fate
    altro che demoralizzare i ragazzi e niente altro
    che poi chi fomenta i tifosi più scalmanati x non dire
    altro sono sono solo i gobbi che in queste situazioni
    ci godono e sguazzano sarebbe ora di mandarli a
    stendere
    FVCG
    PS
    BUON NATALE a tutti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Andrea63 - 1 settimana fa

    Purtoppo è stata solo una serie di eventi fortunosi che ci ha permesso di uscire indenni dal Ferraris e contro una squadra sicuramente non trascendentale, io sincersmente non ho visto niente di nuovo anche perché abbiamo un tecnico che sa molto di naftalina e a parte difendersi e sperare non vedo progressi, oltremodo giocare a Genova senza una punta di ruolo sperando di pressare l’avversario come hanno fatto egregiamente il primo tempo lo trovo utopistico e da fuori di testa!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. GranaSiempre - 1 settimana fa

    Per carità, il calcio è materia opinabile e lo sappiamo tutti, ma a chi parla solo di culo, vorrei sottolineare alcuni aspetti:
    – Andatevi a riguardare il primo tempo: i movimenti e le scalate preparate da Mazzarri sia in fase difensiva che in fase attiva non hanno consentito al Genoa di superare la metà campo, tant’è che i loro tifosi li fischiavano fin da subito perchè dovevano indietreggiare sempre.
    – Linea difensiva nostra sistematicamente a centrocampo: se questo vuol dire essere difensivi, c’è qualcosa che non torna…
    – Prima dei loro 2 pali (sulla traversa scheggiata Sirigu è ampiamente sulla palla e il tiro sul primo palo è una mezza ciabattata), abbiamo avuto 2 occasioni colossali con Ansaldi, a portiere battuto, che pesano di più per limpidezza e per il momento, visto che saremmo passati comunque in vantaggio.

    Ho capito che ormai abbiamo messo il paraocchi delle proteste e basta, ma almeno guardiamo le partite con attenzione prima di tirare fuori giudizi a caso!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FORZA TORO - 1 settimana fa

      perfetto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Mimmo75 - 1 settimana fa

      Uno dei pochissimi commenti “centrati” che ho letto da sabato sera. Il fatto è che le partite bisogna guardarle con un minimo di cognizione per capire quel che accade in campo e apprezzare anche ciò che non salta immediatamente agli occhi come una giocata di classe. Ma non se ne può fare una colpa a nessuno: il tifoso medio capisce molto poco di calcio in tutte le sue sfaccettature e va di pancia, vuole vincere divertendosi e basta. Giusto così, per carità!Però è bello ogni tanto leggere anche posts come il tuo, persi in un mare di bile non sempre giustificata (come per la gara di sabato, secondo me ben giocata e che con il Gallo in campo ci avrebbe regalato una vittoria più limpida).

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Athletic - 1 settimana fa

        LOL Allora facciamo così, visto che hai fatto capire che di calcio ci capiamo poco o niente, e per la carità ci sta, può essere vero… voi che invece siete dei fini intenditori, e andate oltre le giocate ad effetto e riuscite a comprendere tutta la tattica, gli schemi, i movimenti …. ti chiedo, se avessimo perso, cosa di cui almeno mi darai atto che sarebbe potuto succedere, visti i due pali presi da loro … ecco, se avessimo perso, sarebbe stata comunque una partita “ben giocata” ? “i movimenti e le scalate preparate da Mazzarri” sarebbero state “sfaccettature” che avrebbero lasciato ben sperare per il futuro ? No, perchè i giornalisti e i commentatori queste cose non le hanno notate, ma ovviamente mi fido di voi che ne capite di più.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Mimmo75 - 1 settimana fa

          Se avessimo perso sarebbe comunque accaduto quel che è accaduto. A volte si gioca bene anche se si è brutti e si vince. E’ quel che è successo sabato sera. Avessimo perso sarebbe cambiato solo il risultato finale ma la prestazione quella sarebbe stata

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. fabrizio - 1 settimana fa

      insomma, abbiamo fermato il real Madrid o il Liverpool…..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Athletic - 1 settimana fa

      – Il Genoa non superava la metà campo perchè il gioco che vuole il loro allenatore impone di uscire dalla difesa giocando la palla, il problema è che ci vuole qualità per fare questo tipo di gioco e il Genoa ne ha poca, per cui fatica molto a metterlo in pratica, quando però gli riesce da i suoi frutti e si è visto nelle azioni dei due legni e subito dopo hanno messo un altro giocatore solo davanti a Sirigu, anche in questo caso se non ha segnato è perchè ci ha messo troppo tempo nel controllo e Sirigu come al solito ha fatto una gran parata. Ma tutta questa preparazione da parte di Mazzarri non l’ho vista, ho visto però che nel loro momento migliore la nostra difesa ballava da far paura.
      – Su questo sono d’accordo, esattamente come lo scorso anno, giochiamo con una linea difesiva altissima e facciamo un pressing altrettanto alto. Per fare questo ci vuole una condizione atletica eccellente, e secondo me questo è uno dei problemi per cui facciamo fatica rispetto all’anno scorso.
      – Ansaldi non ha sbagliato un gol a porta vuota, ha cercato di spingerla dentro, ma aveva il difensore avversario molto vicino, quindi non era semplicissimo, ha fatto il massimo che poteva, non è che si sia mangiato il gol, tanto per capirci. Il tiro di Favilli più che una ciabattata è stato un piattone, ha preso il palo e ci è andata bene, così come per la traversa, se il tiro fosse stato pochi centimetri più basso, mi sono rivisto adesso gli highlights, secondo me Sirigu non ci sarebbe arrivato.

      Tutti i cronisti hanno parlato di partita bruttissima, e sì… l’abbiamo vista tutti, e con attenzione … anche se è stata dura, non a caso in qualche articolo si è letto “primo tempo soporifero”. Infine, se c’è malcontento non è certo unicamente per la partita di sabato, i motivi sono altri.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. FORZA TORO - 1 settimana fa

        la parata di Sirigu è stata normale amministrazione,sulla cibattata invece sono daccordo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. TOROPERDUTO - 1 settimana fa

      60% possesso palla genoa
      40% possesso palla toro

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Duccio - 1 settimana fa

      Concordo pienamente, però non dimentichiamoci che di fronte avevamo il Genoa!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Toro ch - 1 settimana fa

    Clean sheet casuale: Han preso due legni e meritavano loro, il che è tutto dire…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Paul67 - 1 settimana fa

    Il clean sheet è stato più culo che meriti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Toro ch - 1 settimana fa

    Clean sheet casuale … Han preso 2 legni e meritavano loro, il che è tutto dire!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Giancarlo - 1 settimana fa

    Teoricamente tutto giusto. Peccato che in fase difensiva abbiamo concesso al Genoa, a quel Genoa di sabato, non al Real Madrid, due pali ed alcune occasioni da rete. Sugli altri reparti non ho visto nulla di nuovo eccetto che in attacco l'”uno” non c’era. Non ha voluto rischiare ne Zaza (bene), ne Millico (male). Abbiamo avuto fortuna e portato tre punti a casa, ma domenica contro la Fiorentina che pure ha perso in casa col Lecce forse il culo non basta più, anche perchè non ci è mai stato propriamente amico.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy