Toro alla slava

di Igor Stasi

Analizzando il mercato del Torino con un occhio particolare al reparto d’attacco, possiamo notare che nel tridente di trequartisti sono presenti due giovani giocatori, Lazarevic e Stevanovic, che potrebbero essere protagonisti (il primo agendo sulla destra il secondo sulla sinistra) nel gioco dei granata, dando vita quindi ad un inedito e curioso attacco alla slava.

I giocatori…

di Redazione Toro News

di Igor Stasi

Analizzando il mercato del Torino con un occhio particolare al reparto d’attacco, possiamo notare che nel tridente di trequartisti sono presenti due giovani giocatori, Lazarevic e Stevanovic, che potrebbero essere protagonisti (il primo agendo sulla destra il secondo sulla sinistra) nel gioco dei granata, dando vita quindi ad un inedito e curioso attacco alla slava.

I giocatori di origine balcanica si contraddistinguono in generale per il loro carattere sempre un po’ pazzerello dentro e fuori dal campo, ma di certo nel nostro calcio in alcuni casi sono passati alla storia anche per il loro grande talento.

C’è da augurarsi che i due giovani ragazzi che saranno allenati da Franco Lerda, abbiano maggiori fortune in maglia granata, rispetto ai loro predecessori con le medesime origini geografiche.
Dalla fine degli anni ’80 sino ai giorni nostri, si sono succeduti alcuni giocatori di origine slava che tuttavia non hanno mai lasciato un significativo ricordo, senza riuscire mai a sfondare veramente

I due giocatori che forse hanno fatto meglio sono stati il bosniaco Skoro che vestirà il granata per 3 stagioni (dall1988 al 1991) collezionando 87 presenze e 17 reti, e Florijancic sloveno che giocò nella stagione 1996-97 con 36 presenze e 7 gol.

Per numero di presenze, e qui si torna alla storia recente, Lazetic ne ha collezionate 62 nel corso di 3 stagioni dal 2005 al 2008, giocatore sicuramente generoso ma sempre molto fumoso.

A parte questi, gli altri che sono passati a Torino hanno lasciato un anonimo o non roseo ricordo. Troviamo quindi Ivic attaccante pesante e lento che non riuscì mai a segnare un gol in un’intera stagione e Juric modesto centrocampista che ha collezionato appena 14 presenze. Qualche presenza in più per Karic (23) mentre tornando alla storia recente anche il croato Bjelanovic non ha trovato fortuna nella sua unica stagione granata priva di reti.

Il nostro augurio è che queste due giovani promesse possano sovvertire questa tendenza e fare divertire i propri tifosi

(Foto: Dreosti)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy