Toro, convivenza Belotti-Zaza possibile? Il parere di Vagnati e la sfida di Longo

Toro, convivenza Belotti-Zaza possibile? Il parere di Vagnati e la sfida di Longo

Focus on / Torna un tema sempreverde in casa granata: i due attaccanti sono adatti per giocare insieme?

di Andrea Calderoni

Il ritorno in campo inizia ad avvicinarsi. Si può tornare a parlare di calcio, ancora non giocato ma quanto meno abbozzato. Il tema è vecchio, ma puntalmente rispunta. Andrea Belotti e Simone Zaza possono convivere? Ormai da un paio di stagioni è un tormentone in casa granata. Tanto si era discusso di questa coppia d’attacco con Walter Mazzarri. Alcuni li ritengono compatibili, altri invece non li vedono insieme. I dati dimostrano che Belotti e Zaza hanno sempre faticato a diventare una coppia affiatata. Di occasioni non ne hanno mai avute troppe, ma in quelle circostanze nelle quali sono stati schierati l’uno affianco all’altro hanno quasi sempre deluso, con pochi movimenti sincronizzati e poco dialogo efficace.

Torino, Vagnati e la considerazione per i tifosi: “Siamo noi ad essere in difetto”

TEMA EVERGREEN – Il sempreverde tema Belotti-Zaza è stato rilanciato da Davide Vagnati. Il nuovo direttore granata ha lanciato una sorta di sfida nella sfida a Moreno Longo. Farli coesistere, infatti, non sarà semplice ma il nuovo responsabile dell’area tecnica granata è convinto che “i giocatori forti possono sempre coesistere, Zaza è anche un giocatore tecnico, che può legare il gioco tra centrocampo e attacco, Belotti è più una prima punta che attacca la profondità, ma è il mister che decide schemi di gioco e la possibilità di farli giocare insieme”. In realtà, tatticamente Belotti e Zaza hanno espresso più volte un’incongruenza di fondo, legata proprio ai movimenti. La grande generosità che da sempre contraddistingue Belotti, difatti, non lo rende semplicemente una prima punta che attacca la profondità ma anche un attaccante in grado di svolgere un grande movimento in favore dell’intera squadra. Qui si presenta il problema di gestione degli spazi e dei compiti con Zaza.

Toro, tiene banco anche la questione riscatti: senza proroghe la scadenza è il 30 giugno

COME STAVANO? – Come li abbiamo lasciati prima del lockdown e della pausa forzata? Zaza aveva disputato 22 partite stagionali, di cui 15 in Serie A. Sei le reti messe a segno (tre in campionato, l’ultima nella vittoria per 2 a 1 contro la Fiorentina dell’8 dicembre). Anche Belotti era reduce, come tutto il Torino da un momento di profondo appannamento, soprattutto sotto porta. Ha siglato, difatti, soltanto due reti nel suo 2020, concentrate nella dolce notte dell’Olimpico di Roma contro i giallorossi. Da quel momento, era il 5 gennaio, nove match ufficiali (due di Coppa Italia) senza più andare a segno. Si presenterà alla ripartenza della Serie A con nove gol in campionato più sei nelle qualificazioni all’Europa League. Il 20 giugno il pallone tornerà a rotolare. Per Vagnati Belotti e Zaza in campo insieme possono coesistere, ma la palla l’ex Spal l’ha appoggiata a mister Longo. Spetterà a lui l’ultima decisione.

 

15 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Bischero - 1 mese fa

    Zaza il meglio di sé lo da giocando spalle alla porta per giocar di sponda con i due dietro che inevitabilmente devono poi creare il gioco andando in dribbling per poi tirare o rigiocarla su Zaza una volta che la difesa si muove. Belotti occupa la stessa zona di campo ma a differenza del lucano é uno che attacca lo spazio soprattutto nelle ripartenze.stesso ruolo ma interpretato in maniera diversa. Entrambi il meglio lo hanno dato come punto di riferimento offensivo con 2 dietro o larghi che giocavano la palla. Iago Belotti ljajic al toro. Berardi Zaza Sansone al Sassuolo. Continuare ad insistere su due centroavanti é solo tempo perso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. GRISCHIANO - 1 mese fa

    Zaza sembra un ex calciatore, se devo cercare la salvezza e futuro punterei su Millico e Edera

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. ALESSANDRO 69 - 1 mese fa

    L’anno che arrivò Aguilera Mondonico lo mise in coppia con Casagrande, ebbene, nonostante non avessero mai giocato insieme, in campo sembrava si conoscessero da una vita, si trovavano a memoria senza che nessuno insegnasse loro i movimenti. Erano entrambi dotatissimi tecnicamente e anche tatticamente erano due giocatori intelligenti.. Nel caso di Belotti e Zaza le cose stanno diversamente e purtroppo lo abbiamo potuto constatare nelle occasioni in cui hanno giocato insieme. Pur provando continuamente a cercarsi durante la partita se non si parla lo stesso linguaggio calcistico diventa impossibile…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Junior - 1 mese fa

      Difatti la stessa cosa é stata la coppia Gallo – Immobile. Andavano benissimo, senza particolari difficoltà. Secondo me Zaza è stato sopravvalutato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bischero - 1 mese fa

        Si… Ma all epoca Belotti faceva lo Zaza di adesso. Ciro essendo molto più tecnico e mobile riusciva ad integrarsi meglio. Ma se vi ricordate il gallo esplose prendendosi il centro Dell attacco da solo dopo l infortunio di immobile.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Bischero - 1 mese fa

    Ma basta con sta storia.sono due anni che va avanti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. drino-san - 1 mese fa

    Ancora questa storia? Non é bastato vederli pestarsi i piedi per un anno?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dingo68 - 1 mese fa

      Non credi che dipenda da come l’allenatore schieri un 11, dal sistema di gioco, dagli schemi e tant’altra roba? Vedi ad esempio il Gallo, inarrestabile quando la squadra giocava con lui come riferimento da mandare in gol, ma, stessi giocatori un anno dopo media gol dimezzata

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. drino-san - 1 mese fa

        No. IlGallo andava forte quando c’era Falque che partiva ben lontano dalla porta. Falque col Gallo ha segnato tanto e fatto tanti assist.Con Zaza si pesta solo i piedi. Zaza é una prima punta

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Bischero - 1 mese fa

        Non é proprio come dici tu. Belotti Nell anno dei 26 gol giocava con Iago largo a destra e ljaijc largo a sinistra. Con un centrocampo a 3.l anno successivo sempre con sinisa giocavano con 2 a centrocampo e 3 dietro e per di più Belotti rimase fuori quasi 2 mesi.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Roland78 - 1 mese fa

    Io continuo a dire che non possono convivere, ma, naturalmente, spero proprio di sbagliarmi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. CLAUDIO - 1 mese fa

    Se Longo riuscisse a farli convivere la salvezza sarebbe molto molto più vicina. Belotti in forma e lo Zaza che si era meritato la nazionale sarebbero tanta ” roba”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Bacigalupo1967 - 1 mese fa

    Zaza potrebbe fare nelle 13 partite rimanenti quei 4-5 gol che potrebbero avvicinarci ai 13 punti necessari per salvarci che ad oggi sembrano un miracolo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Paul67 - 1 mese fa

    Che la buttino dentro singoli o in coppia nn importa.
    Poi che entrambi vadano a fare del bene da un’altra parte, si anche il Gallo avete capito bene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Fb - 1 mese fa

    Se convivono, niente mascherina?comment_parent=0

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy