Toro, De Silvestri e Parigini in scadenza: da gennaio potranno accordarsi con altri club

Toro, De Silvestri e Parigini in scadenza: da gennaio potranno accordarsi con altri club

La situazione / Al momento non si registrano trattative per il rinnovo dei due esterni: c’è la possibilità di perderli a zero

di Redazione Toro News

Si avvicina sempre più il mese di gennaio e, con esso, anche il rischio di perdere a parametro zero i giocatori in scadenza di contratto. Già, perché a partire da tale periodo chi andrà a scadenza nel giugno del 2020 sarà libero di accordarsi con altri club.

IN SCADENZA – Nel Toro, tra i giocatori con il contratto in scadenza il prossimo giugno, spiccano Lorenzo De Silvestri e Vittorio Parigini. Due elementi che, se le cose rimanessero come sono, da gennaio sarebbero liberi di accordarsi con altri club per la prossima stagione. E le proposte, per i due esterni, difficilmente mancherebbero se non dovessero arrivare i rinnovi con il Toro.

Torino: tutti i rinnovi dei giocatori bloccati, anche per chi è in scadenza

NO TRATTATIVE – In casa granata c’è la consapevolezze della posizione dei due giocatori, ma al tempo stesso la volontà di non trattare rinnovi in un periodo di crisi. Ad oggi non si registrano infatti negoziati in corso tra le parti e, salvo improvvise accelerazioni da qui al prossimo mese, la situazione di De Silvestri e Parigini è destinata a rimanere tale. Il Toro, in tal senso, sembrerebbe aver messo in conto la possibilità di perdere i due esterni a parametro zero.

26 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ardi - 10 mesi fa

    Certo che se pure uno zaniolo avesse giocato qualche spezzone di partita ogni tanto non sarebbe mai esploso. Per sapere quanto davvero valgano i vari Parigini e Millico avrebbero dovuto giocare con continuità

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. mavri - 10 mesi fa

      Prima di tornare al Toro Parigini aveva raccolto nell’anonimato 102 presenze in 6 anni tra i Pro. Lo vuoi fare giocare titolare fino ai 32 anni per essere sicuro non sia un fenomeno?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ardi - 10 mesi fa

    Altro atto di grande incompetenza e come dice Torino granata sembra li volesse pozzo, bonifazi e parigini

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. TorinoGranata - 10 mesi fa

    Mi dicono che Pozzo voleva sia Bonifazi che Parigini.

    Se quell’asino del giornalaio li avesse portati a Pozzo, aggiungendo 15 milioni di conguaglio, a quest’ora De Paul e Fofana vestirebbero la maglia del Toro.

    Bravo Urbano, in campo calcistico sei sempre un fallito di razza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bischero - 10 mesi fa

      Depaul valutato 35 milioni. Fofana 11.sono 46 milioni. se si facesse fantacalcio sottraendo i 15 milioni di conguaglio parleremmo di 31 milioni di valutazione complessiva di Bonifazi e parigini. Che se va bene insieme valgono 16/17 milioni. Capisci che non ha senso quello che hai detto?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. TorinoGranata - 10 mesi fa

        Ho errato l’importo di conguaglio: volevo dire 25 milioni, gli stessi spesi per Verdi.

        Bonifazi e Parigini insieme i 21 milioni li valgono tutti.

        Come vedi i conti tornano.

        In realtà sono le cacchiate che scrivi tu che non hanno alcun senso, specialmente quando parli del ciuco che siede in panchina,

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. mavri - 10 mesi fa

          Dobbiamo ascoltare lezioni di vita e di Toro da chi neanche sa sommare due numeri…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. TorinoGranata - 10 mesi fa

            Detto da un asino che, oltre a non saper fare una somma, non sa nemmeno leggere, è un complimento.

            Tu di Toro non hai capito e non caprai mai un cazzo, cairota.

            Questa è la cairese,

            Mi piace Non mi piace
  4. TorinoGranata - 10 mesi fa

    Ottimo.

    Diamolo pure via a parametro zero….salvo poi ricomprarlo per 25 milioni.

    Strano, mi ricorda qualcuno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Bela Bartok - 10 mesi fa

    Parigini era uno dei giocatori più promettenti che abbia mai visto quando era nelle giovanili ma ormai la telenovela va avanti da troppo tempo. Deve sempre esplodere e non succede mai, secondo me per limiti suoi ma secondo altri per colpa del Toro quindi è ora di lasciarlo andare e verificare finalmente quale delle due teorie è corretta. De Silvestri invece lo confermerei nonostante l’età.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 10 mesi fa

      Strano, fino all’anno scorso era titolare inamovibile della U21.
      Inspiegabile

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Paul67 - 10 mesi fa

    C’è ne faremo una ragione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Follefra Granata - 10 mesi fa

    Se su Parigini ci fosse la possibilità di fare una plusvalenza penso che Cairo si sarebbe già deciso per il rinnovo. Il fatto che non sia stato fa presupporre che i problemi siano di natura extracalcistica. Spiace perché un ragazzo di ENORME prospettiva finisce in una bolla di sapone. Per Desi, che io reputo ottimo professionista, mi piacerebbe si riuscisse a trovare una soluzione. L’esperienza, la pacatezza e la grinta che ha sono merce utile, anche per formare nuove generazioni di granata futuri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. altoro - 10 mesi fa

    Ribadisco l’opinione personale sui citati calciatori granata in scadenza di contratto il prossimo 30 Giugno 2020.
    A mio parere, il problema su DeSilverstri non si pone assolutamente.
    Il prossimo Maggio il terzino romano compie 32 anni. Giunto alla quarta stagione in maglia granata, il pupillo dell’ex tecnico serbo Mihajlovich, il quale lo ebbe con sé durante le precedenti stagioni alla Sampdoria e lo volle pure al TORO, ha dato il massimo sotto l’aspetto agonistico dell’applicazione e della determinazione ma i limiti tecnici sono assolutamente palesi e pertanto ritengo naturale conseguenza che la sua avventura al TORO abbia termine a fine stagione. Inoltre occorre tenere in considerazione che l’ingaggio di De Silvestri risulta oggettivamente pesante per le casse della Società granata essendo nella fattispecie di circa un milione netto a stagione. Quindi… .
    Per quanto riguarda Parigini, personalmente ritengo che il discorso risulta totalmente differente. Purtroppo la trattativa per il rinnovo contrattuale ad oggi appare complicata in quanto il suo agente ha effettuato una proposta economica che il TORINO F.c. ha ritenuto oggettivamente irricevibile.
    Il “canterano” ha 23 anni e, aldilà di un rendimento sostanzialmente alternante sotto l’aspetto tecnico nelle sporadiche prestazioni disputate durante la scorsa stagione, ritengo che è un ragazzo di assoluta prospettiva per il nostro amato TORO.
    La vicenda contrattuale documenta ampiamente che il suo processo di maturazione umana e sportiva è ancora lento e laborioso, tuttavia egli ha fatto già intravvedere sia con la maglia dell’amato TORO sia con la maglia azzurra della Nazionale Under 21 delle interessanti potenzialità che provano una certa qualità tecnica.
    E’ assolutamente vero che gli manca la continuità di rendimento, ma risulte oggettivo che per conseguirla è necessario avere la prospettiva di poter giocare con altrettanta continuità. In considerazione dell’agguerrita concorrenza il tecnico Mazzarri non gli garantisce tale necessaria continuità di utilizzo in squadra.
    A mio parere, ora è assolutamente necessario che Parigini si metta attorno ad un tavolo con il suo agente e decida in modo responsabile quale orientamento debba essere indirizzata la sua carriera di calciatore professionista.
    A questo punto per Parigini questo bivio è attuale, ossia il seguente : intestardirsi sulla strada del “dio danaro” alla ricerca di un rinnovo importante sotto l’aspetto economico oppure seguendo il cuore accettare la controproposta della Società già avanzata nei mesi scorsi. Il cuore di Vittorio Parigini pulsa per il suo amato TORO, nelle cui file del Settore Giovanile è cresciuto calcisticamente, ma purtroppo la scelta sbagliata di un agente avido e senza scrupoli lo ha certamente destabilizzato, sotto l’aspetto psicologico, in considerazione della sua giovane età.
    Caro Vittorio, da semplice tifoso granata quale mi reputo, mi permetto di suggerire a te di seguire il cuore in quanto nella vita, in genere, tale scelta risulta sempre e comunque l’opzione migliore evitando in questo modo lo strascico successivo di inutili rimpianti personali.
    La Società granata ha la ferma volontà di rinnovarti il contratto e, pertanto, abbandona questo stucchevole contenzioso, innanzitutto provvedendo a sostituire il tuo attuale irresponsabile agente, e accettando quindi le condizioni economiche offerte dal TORINO F.c. .
    Forza Vittorio Parigini ! Alè TORO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bischero - 10 mesi fa

      Bravo. Bel post

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. GlennGould - 10 mesi fa

    Ciao Mimmo.
    Guarda, come hai visto, mi sono limitato a scrivere che se se ne va, per il gruppo è meglio. Tanto basta.
    Posso aggiungere che, in questo senso, anche la partenza di Edera e di Bonifazi sarebbero un’ottima cosa per il gruppo.
    E sono d’accordissimo con te sul fatto che De Silvestri per lo spogliatoio è un valore aggiunto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mimmo75 - 10 mesi fa

      Su Edera e Bonifazi non so nulla e mi taccio ma posso capire il loro eventuale malcontento. Qui però non è l’oratorio dove tutti han diritto a giocare. Qui sono tra professionisti e per scendere in campo devono farsi preferire ad altri per qualità, impegno e professionalità. E queste cose si dimostrano quotidianamente in allenamento. La partita è solo la naturale conseguenza. Ma qui molti pensano che sia l’esatto contrario e che si debba giocare per dimostrare. Come se il mister vedesse la squadra solo alla domenica in quei 90 minuti…bah!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. TorinoGranata - 10 mesi fa

        Magari la vedesse almeno la domenica, in quei novanta minuti.

        Invece, mi sa tanto, che l’ha persa di vista da un bel pezzo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Mimmo75 - 10 mesi fa

    Parigini zero vale e quindi via il prima possibile, così risparmiamo un ingaggio. Ha rotto con molti compagni, come già accaduto ovunque sia stato (so quel che dico). Fenomeno al contrario! DeSi da tenere anche (non solo) per quel che vale nello spogliatoio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TorinoGranata - 10 mesi fa

      Certo, diamo via a gratis i 23enni e teniamo i bolliti!!!

      Dev’essere la famosa politica dei giovani di Cairo e Mazzarri.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. GlennGould - 10 mesi fa

        Ciao.
        Io sogno un Toro composto da giovani del vivaio.
        Per cui, se spero che Parigini si levi dalle palle, ho le mie buone ragioni. Anzi, più che buone.
        Immagino che siano più o meno le stesse di Mimmo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Mimmo75 - 10 mesi fa

          Ma infatti…qui tanti partono da un presupposto sbagliato e cioè che ci sia qualcuno (io, tu o altri) che non ha piacere a vedere giocare in prima squadra i giovani del vivaio. Io farei i salti di gioia a vederne 11 in campo e altrettanti in panchina, però poi c’è la realta del professionismo. E questa pretende, esige che ci alla base ci siano qualità tecniche, atletiche, fisiche, tattiche e professionali di un certo livello. Se i giovani non giocano è perché ancora non le hanno a tal punto da farsi preferire ad altri. Ripeto una cosa detta e ridetta: nessun allenatore è così idiota da andare contro i propri interessi. Se Mazzarri (ma vale per tutti) ritenesse i nostri giovani all’altezza li schiererebbe a occhi chiusi. Perché se la squadra vince lui ne guadagna in reputazione e denaro. È talmente semplice, banale e scontata sta cosa che a legger certi commenti resto basito per quanto non ne tengano conto.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. CUORE GRANATA 44 - 10 mesi fa

    La questione Robaldo è ormai al di fuori di ogni realtà. Se Torino f.c. ha le carte in regola per ottenere i permessi, perchè tace? airo non ha avuto remore ad aprire un contenzioso con “Black Stone” e qui, pur essendo un sassolino, tace. FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. GlennGould - 10 mesi fa

    Parigini, prima se ne va, meglio è per noi. Il gruppo non lo rimpiangera, questo è certo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mimmo75 - 10 mesi fa

      Ho letto solo adesso il tuo intervento su Parigini. Bene, una conferma a quel che ho saputo ieri sera. Da far salire sulla slitta di Babbo Natale per regalarlo al primo che passa. Quando fu mandato a Bari, un caro amico che a quel tempo lavorava in società mi chiamò per prendermi per il culo, visto che gli avevo mandato un messaggio per dirgli che avevano fatto un affare a prenderlo. Due settimane e già era ai margini, dentro e fuori dal campo…serie B eh…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Simone - 10 mesi fa

    Perdiamo due giocatori a parametro zero.
    Ovviamente WM nn c’entra nulla.
    uhhhh

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy