Toro, le statistiche parlano chiaro: grande difficoltà a recuperare palla

Toro, le statistiche parlano chiaro: grande difficoltà a recuperare palla

Approfondimento/ I granata, nella classifica riguardante i palloni recuperati, si piazzano decisamente in basso, superati da giocatori di tutte le squadre di Serie A

di Lorenzo Bonansea, @BonanseaLorenzo

Quando si osservano giocare i granata capita spesso, in questa stagione, di veder perdere palloni clamorosi a centrocampo, conseguenza naturale di passaggi frettolosi ed imprecisi che rendono davvero facile il compito di recuperare palla per la squadra avversaria. Certo, obietterà qualcuno, questa è una situazione abbastanza normale, che non capita solo al Toro ma a molte squadre di medio livello. Potrà anche essere vero, ma è certo che una volta perso il pallone l’undici di Ventura fatica ad impossessarsene nuovamente, più delle altre squadre, ed è questo il nucleo del problema qui trattato.

LA STATISTICA INCRIMINATA – Basta osservare le statistiche ufficiali per accorgersi subito di un dato piuttosto evidente. Nella classifica dei palloni recuperati, il primo ad apparire tra i granata è Nikola Maksimovic con (udite, udite) un non certo esaltante quarantaduesimo posto, a fronte di 229 palloni recuperati (peraltro a pari merito, ma avendo disputato più partite nei fatti figurerebbe 44esimo). Il secondo granata in classifica è Emiliano Moretti, quarantottesimo con 222 recuperi. Il terzo, ed ultimo a salire sul podio tra i giocatori del Toro, Matteo Darmian. L’esterno di Legnano si piazza cinquantanovesimo con 207 palle recuperate. Insomma, come si può ben notare, i risultati non sono esaltanti.

LA CLASSIFICA TOTALE – Il podio di questa speciale classifica potrebbe sorprendere ad una prima lettura, ma andando più a fondo rappresenta una situazione piuttosto prevedibile. Nelle prime posizioni si piazzano difensori di squadre “piccole”, in quanto statisticamente subiscono molti più attacchi rispetto alle big e di conseguenza hanno più opportunità di recuperare palla. Primo classificato: Magnanelli del Sassuolo, con 362 recuperi. Seguono a ruota Rugani e Tonelli, entrambi dell’Empoli, con rispettivamente 349 e 344 palloni riconquistati. Questi ultimi dimostrano, ancora una volta, l’ottimo lavoro svolto da Sarri. Tutte le venti squadre di Serie A, però, hanno almeno un rappresentante prima dei granata, comprese quelle che ora navigano in zona retrocessione. Rossettini (Cagliari) è quinto, Lucarelli (Parma) è ottavo, Volta (Cesena) è ventottesimo. Il primo per la Juventus è Chiellini.

Se il Toro quest’anno fatica in campionato, la colpa è da cercare anche in questa statistica. Recuperare palloni con facilità, evidentemente, consente di correre meno rischi in difesa e di conseguenza far partire più frequentemente l’azione. Un problema da superare a tutti i costi, già a partire dalla prossima partita. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy