Torino, l’emergenza in mediana apra gli occhi: serve un centrocampista

Torino, l’emergenza in mediana apra gli occhi: serve un centrocampista

Editoriale / Uomini contati per Mazzarri, che contro l’Atalanta sarà costretto a schierare Lukic e Meité: una mano deve arrivare dal mercato

di Nicolò Muggianu

Lukic, Meité e nessun altro. Il nuovo infortunio di Baselli (LEGGI QUI) fa suonare l’allarme in casa Torino. A dire il vero, la netta sensazione che quattro centrocampisti di ruolo (Rincon, Baselli, Lukic e Meité) non fossero abbastanza per affrontare due competizioni – che sarebbero potute essere tre, se il Torino non fosse stato eliminato dal Wolverhampton ai preliminari di Europa League – la si aveva già a inizio stagione.

Cosa è cambiato dunque da allora? Che il campionato, come preventivabile, ha presentato il conto. Gli infortuni di Baselli e Ansaldi, ma anche le squalifiche simultanee di Rincon e Aina, di fatto costringeranno il Torino a presentarsi con una mediana a quattro obbligata contro l’Atalanta: De Silvestri, Lukic, Meitè e Laxalt. Un film già visto due settimane fa quando, sempre all’Olimpico ma contro il Bologna, Mazzarri dovette fare a meno di Rincon, Baselli e Ansaldi. Con una piccola, ma sostanziale, differenza: in quel caso WM aveva da giocarsi la carta Laxalt, jolly capace di ricoprire tutte le posizioni del centrocampo. A causa della squalifica di Aina, però, Laxalt molto probabilmente sarà costretto a scendere in campo dal 1′ contro l’Atalanta. Se Mazzarri vorrà avere delle alternative per il centrocampo in panchina dovrà pescare dalla Primavera.

Una situazione – è doveroso dirlo: e non è la prima volta che lo evidenziamo su queste colonne – che è frutto anche di una serie di sfortunate coincidenze, ma che una squadra con obiettivi di un certo livello non può permettersi. Che fare allora? La soluzione è a portata di mano, anche se non lo sarà ancora per molto: il calciomercato. Dopo tre settimane di immobilismo, chissà che questa situazione non faccia rendere conto al Torino che è il caso di intervenire con l’acquisto di un centrocampista. Magari proprio nell’ultima settimana, come già accaduto nell’ultimo mercato estivo.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. prawn - 4 settimane fa

    Meite dal primo eh… Non ce la faremo mai contro l’Atalanta.

    Cmq squadra che non si puo’ migliorare… una settimana alla fine del mercato e ancora zero movimenti…

    poi arrivano i non mi piace quando si critica o cairo o bava (il ds che non c’e’)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Daniele abbiamo perso l'anima - 4 settimane fa

    Fosse una società seria e con un progetto il centrocampista sarebbe dovuto arrivare subito.
    Invece chissà se ne vedremo uno decente in entrata da qui a fine mese.
    Toro imprevedibile questo ma servirà un miracolo a non perdere con la Dea sabato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. suoladicane - 4 settimane fa

    oggettivamente la colpa è da suddividere equamente tra società ed allenatore; fino a che testadighisa si accontenterà di adattare esterni a fare le mezze ali i centrocampisti veri non arriveranno mai…….direi bene
    SFT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Il_Principe_della_Zolla - 4 settimane fa

    Servono un presidente e un allenatore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-14554814 - 4 settimane fa

    Non serve solo aprire gli occhi. Occorrerebbe aprire all’ambizione e al portafoglio

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy