Toro, Ola Aina verso un’altra chance: servono novanta minuti senza errori

Toro, Ola Aina verso un’altra chance: servono novanta minuti senza errori

Focus on / Il laterale può partire dal primo minuto: le buone giocate ci sono, la continuità non ancora

di Alberto Giulini, @albigiulini

Scalda i motori Ola Aina, che domenica a Verona potrebbe trovare una maglia dal primo minuto. Lorenzo De Silvestri dovrebbe tornare presto in gruppo dopo aver smaltito la contusione al ginocchio, ma il fatto che si sia allenato a scartamento ridotto fin qui in questa settimana può favorire l’ex Chelsea per la titolarità sulla corsia di destra.

VERSO UNA MAGLIA – Ma facciamo un passo indietro. Contro la Fiorentina la scelta di Mazzarri per l’esterno destro è ricaduta su De Silvestri, ma la gara del laterale romano è durata appena 12’. Un infortunio che si è rivelato decisamente meno grave del previsto, ma che ha spalancato le porte ad Ola Aina, che contro la Viola ha preso il suo posto. Ora le condizioni di De Silvestri sono in netto miglioramento e non è da escludere che l’esterno possa già essere convocato per Verona. Ma avendo lavorato con più continuità con il gruppo, è più che lecito aspettarsi che Aina sia in vantaggio.

OBIETTIVO CONTINUITÀ- Ola Aina che, in caso di maglia da titolare, sarebbe chiamato a giocare novanta minuti senza cali mentali. Ripartendo da quanto di buono fatto contro la Fiorentina, insomma. Perché la rete del 2-0 siglata da Ansaldi è partita proprio da una sua ottima giocata sulla corsia di sinistra. La dimostrazione di come l’anglo-nigeriano sia capace di fare buonissime cose. Ma non può ancora bastare, perché nell’arco dei novanta minuti Ola Aina ha dimostrato di non avere sufficiente continuità. Sempre contro la Fiorentina, ad esempio, il gol viola di Caceres è nato dal mancato contenimento di Chiesa, che ha superato troppo facilmente il nigeriano per arrivare sul fondo. Le due azioni sono un chiaro esempio da una parte delle buone potenzialità tecniche e dall’altra limiti mentali in quanto a concentrazione di Aina. In caso di conferma dal primo minuto, l’obiettivo sarebbe proprio questo: fornire una prova continua nell’arco dei novanta minuti.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Quello che il Toro è il Fila, i Balon boys, il Grande Turin e Meroni - 10 mesi fa

    Cederlo a gennaio. Lui e molti altri. Al miglior offerente e senza rimpianti. Concordo su Buongiorno: quante chance hanno avuto i nostri ragazzi? Avete visto cosa hanno fatto i ragazzini del Barca a Milano… non pensate che i nostri siano così scarsi: semplicemente non ci crediamo e non gli diamo fiducia un problema tutto italiano

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Giancarlo - 10 mesi fa

    E Bongiorno? Purtroppo è italiano e canterano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. palmiro - 10 mesi fa

    “un’altra chance”…già…Quante “chance” il “Sei un grande. punto” ha dato ad altri giocatori?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. jimmy - 10 mesi fa

    Alura suma a post…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. eurotoro - 10 mesi fa

      ..io credo fortemente su ola!!..diventerà esterno tutta fascia tra i piu forti in serie A!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy