Toro, l’esordio dei nuovi: Rodriguez non al meglio, Linetty c’è, sprazzi di Vojvoda

Toro, l’esordio dei nuovi: Rodriguez non al meglio, Linetty c’è, sprazzi di Vojvoda

Focus on / L’elvetico e il polacco subito in campo dal 1′, mentre il kosovaro, ultimo arrivato, è subentrato nel secondo tempo

di Andrea Calderoni

Due dall’inizio, uno da subentrato ma tutti e tre immediatamente protagonisti allo stadio “Grande Torino”. Stiamo parlando dei primi tre acquisti di questa sessione estiva di calciomercato. Rodriguez e Linetty sono partiti dal 1’ contro il Novara, mentre l’ultimo in ordine di tempo sopraggiunto sotto la Mole, Vojvoda, è stato messo in campo nel secondo tempo. Che Rodriguez e Linetty siano partiti dall’inizio non è stato affatto frutto del caso. Sono due ragazzi ben conosciuti da Marco Giampaolo e anche con pochi allenamenti all’interno del gruppo granata possono strappare una maglia da titolare.

LEGGI ANCHE: Ecco il primo Torino di Giampaolo: pressing asfissiante e possesso palla

SVIZZERA-POLONIA – Tutti e tre partiranno a breve per ricongiungersi alle proprie nazionali. Giampaolo ne ha parlato, riferendosi all’elvetico Rodriguez e al polacco Linetty, perché “li ho già avuti e mi preoccupo di meno”. I due conoscono già le idee di calcio del tecnico e proprio per questo necessitano di meno lezioni tattiche rispetto al resto del gruppo, reduce da un paio di stagioni con dettami completamente differenti. Tornando ai segnali evidenziati ieri: Rodriguez contro il Novara è apparso un po’ imballato contro un avversario scattante e fastidioso come l’esterno novarese Cisco. La lunghissima inattività si fa sentire. Lo svizzero ha praticamente perso la scorsa annata, caratterizzata appena da appena 11 presenze e interrottasi sul più bello, ovvero quando stava iniziando ad ingranare in Olanda con il PSV. L’ex Milan è comunque un giocatore affidabile e la condizione migliorerà col passare dei giorni. Linetty, invece, ha sfornato una prestazione senza infamia e senza lodi. Ha fatto intravedere, però, quanto potrebbe diventare decisivo nel nuovo Torino di Giampaolo, tra tocchi intelligenti e corse in avanti per inserirsi. Il suo tipo di gioco è dispendioso e richiede una buona gamba. Quando l’acquisirà, vedremo il vero Linetty, quello che Giampaolo ha voluto a tutti i costi.

LEGGI ANCHE: Torino-Novara 4-1, Ansaldi: “Giampaolo vuole vederci giocare a calcio”

VOJVODA – Vojvoda, a differenza di Rodriguez e Linetty, non conosceva fino a pochi giorni fa il tecnico Giampaolo e nemmeno il contesto italiano. Ha appena iniziato ad ambientarsi nel nuovo mondo e nel nuovo calcio, ma ha già messo in evidenza i pezzi più pregiati del suo curriculum. È dotato, infatti, di una tecnica di base notevole, soprattutto per il ruolo che ricopre. Già con il Novara, le sue principali peculiarità sono emerse ed è entrato da protagonista nell’azione del quarto gol rubando palla sulla linea di fondo e offrendo l’assist a Edera. Dovrà essere bravo a entrare subito in sintonia con le idee del tecnico poichè il campionato inizia tra una ventina di giorni. Intanto, però, all’allenatore non è sfuggita una frase della conferenza del kosovaro, ovvero “basta sentire le parole di Vojvoda che ha detto di aver scelto il Toro proprio per la sua storia”. Giampaolo le ha immediatamente fatte sue. Una buona base per costruire un ottimo rapporto tra lui, Vojvoda e il Torino.

 

12 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ezio 76 - 3 settimane fa

    Speriamo non sia il Rodriguez visto nel Milan, alla fine sostituito da Theo, fortunatamente per loro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. maxx72 - 3 settimane fa

    Ma io non capisco: ma rodriguez bisogna già schiantarlo dopo una partita?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. christian85 - 3 settimane fa

      Esatto fratello Max.
      Iniziano già a fare i noiosi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Bacigalupo1967 - 3 settimane fa

      Pensa se fosse stato disponibile Singo….
      Ci aspetta una lunga stagione

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. granataLondinese - 3 settimane fa

    Speriamo che Rodriguez non sia un pacco va…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Innav (CAIRO RESTA CON NOI) - 3 settimane fa

      Uno pagato 3 milioni? Cosa potrà mai essere?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Andrea D’Alberto - 3 settimane fa

        Certo, Maksimovic, Darmian, Glik Quagliarella, tutti pagati 3 milioni o meno, tutto pacchi giusto?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Mik - 3 settimane fa

          In campo e nel calcio non ti basta imbroccarne ed averne uno ogni tanto. Sarebbe troppo facile. Quest’anno per impegno e qualità ne avevamo 3 che valevano un piazzamento in coppa, Sirigu, Belotti e Ansaldi (quando stava bene). E si è visto benissimo come é andata. Si gioca purtroppo in 11 e nei 15 anni di cairo o, allargandomi, anche negli 11 precedenti non vorrei stilare l’elenco degli innumerevoli scarsoni, bidoni, pacconi che sono arrivati a deliziare i nostri occhi e palati! Per non far torto a nessuno, citerei ad esempio un certo magallanes o statuto nell’era precairo, e un certo carlao o ayeti successivamente. Il resto della lista, ben ma ben più corposa dei pochi azzeccati, invito a leggerla su internet o nei bagni delle signore. Altrimenti come si spiegherebbero gli ultimi 27 anni dove, a parte qualche breve sprazzo di goduria calcistica, la mediocrità l’ha fatta da padrone!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. marione - 3 settimane fa

          E i risultati finali quali sono stati? Parte bassa della classifica di A se non di B. Non è che mettendo i meno cambia la classifica.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Mik - 3 settimane fa

            Appunto…

            Mi piace Non mi piace
      2. pupi - 3 settimane fa

        Se tutti quelli pagati 3 milioni fossero stati decenti come Rodriguez sarebbe stata una cuccagna.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. Bacigalupo1967 - 3 settimane fa

        È vero, anche Sirigu è un pacco totale.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy